A+ A A-
 

Vis Mystica: la passione per Guerre Stellari ed il "Jedi Metal" Vis Mystica: la passione per Guerre Stellari ed il "Jedi Metal" Hot

Vis Mystica: la passione per Guerre Stellari ed il "Jedi Metal"

recensioni

titolo
“Celestial wisdom”
etichetta
Dark Star Records
Anno

TRACKLIST:
1. Whispering winds of fate (feat. Jonas Heidgert) =ASCOLTA=
2. Legacy of the builders (feat. David Michael Moote & Ty Christian) =ASCOLTA=
3. The plains of silence =ASCOLTA=
4. Lux et veritas (feat. David Michael Moote) =ASCOLTA=
5. Beyond the gates of fury =ASCOLTA= 
CD bonus tracks:
6. The plains of silence (2020 demo feat. Jesse Isadore)
7. Introitus (2016 Demo)
8. Secrets of the maps (2016 Instrumental Demo)

LINE UP:
Connor McCray - Chitarre, Basso, Orchestrazioni
Devin Dewyer – Voce
Dillon Trollope – Batteria

opinioni autore

 
Vis Mystica: la passione per Guerre Stellari ed il "Jedi Metal" 2022-12-01 21:36:49 Ninni Cangiano
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    01 Dicembre, 2022
Ultimo aggiornamento: 01 Dicembre, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Vis Mystica sono la creatura del musicista statunitense (della Pennsylvania) Connor McCray che, pur arrivando da un gruppo Blackened Death Metal (i Bravura), ha deciso di dare vita ad un suo progetto per la passione verso il Symphonic Power Metal e soprattutto verso l’universo di Guerre Stellari (o Star Wars, che dir si voglia), tanto da arrivare a definire la propria musica come “Jedi Metal”. Dopo una manciata di singoli usciti tra il 2020 ed il 2021, ad inizio dicembre 2022 i Vis Mystica hanno rilasciato un EP di cinque pezzi intitolato “Celestial wisdom”, della durata di poco inferiore ai 24 minuti, con diversi ospiti e la produzione di Chad Anderson degli Helion Prime. La versione su CD comprende anche tre bonus tracks che purtroppo non abbiamo avuto a disposizione per la recensione, di conseguenza ci limiteremo all’analisi di soli cinque brani. Il Power Metal dei Vis Mystica, nonostante la passione del suo mastermind, ha poco di sinfonico, giusto qualche orchestrazione qua e là, ma nulla che possa nemmeno lontanamente ricordare i mostri sacri del settore; piuttosto il sound si può assimilare a quello dei Dragonland, soprattutto per l’uso (o forse sarebbe meglio dire “abuso”) della doppia cassa da parte del batterista Dillon Trollope. Lo strumento protagonista, infatti, assieme alla chitarra del leader del gruppo è proprio la batteria che impone sempre un ritmo forsennato, forse anche più del dovuto; in alcuni casi, infatti, sembra quasi che si voglia per forza esagerare con la doppia cassa, andando su quel troppo che poi stroppia. Sullo stile chitarristico di McCray si sente la scuola di metal estremo in cui il musicista ha mosso i propri primi passi, particolare che, unito alle esagerazioni dell’esuberante batterista, rende il sound sempre un po’ troppo sopra le righe e non in grado di convincere fino in fondo. Le parti canore sono divise tra i tanti ospiti ed il vocalist ufficiale Devin Dewyer che, per essere sinceri, non ha entusiasmato particolarmente, risultando il classico senza infamia e senza lode. Per il futuro i Vis Mystica avranno bisogno di concentrarsi maggiormente sul songwriting e limitare la propria voglia di strafare, così da avere dei brani con una struttura più ficcante e convincente; per il momento questo “Celestial wisdom” si avvicina alla sufficienza, ma non ha le carte in regola per raggiungerla. Buona fortuna!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Soddisfacente la primissima prova degli Olēka
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da membri di Undergang e Chaotian un omaggio al Goregrind dei 90's con i Sequestrum
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli Ominous Scriptures un album per gli amanti del Brutal Death della vecchia scuola
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al netto di qualche piccolo difetto, buon debut album per i Negative Vortex
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Thirsty Demons: terrore e mistero
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Phoebus The Knight, un buon debut album
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Termination Force e la nostalgia del passato
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marco Garau's Magic Opera, ancora un centro pieno!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tragico, epico, atmosferico: EP di debutto per Druids of Eld
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non convince proprio del tutto la nuova vita Death/Doom degli americani Invertia
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Onyria mostrano di saperci fare con buone composizioni e la voce splendida di Elena
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hellevate, un cambiamento non vincente
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla