A+ A A-
 

Settimo album per gli Ingested Settimo album per gli Ingested Hot

Settimo album per gli Ingested

recensioni

gruppo
titolo
Ashes Lie Still
etichetta
Metal Blade Records
Anno

PROVENIENZA: UK

GENERE: Brutal Deathcore

TRACKLIST:
1. Ashes Lie Still =VIDEO=
2. Shadows in Time =VIDEO=
3. You'll Never Learn
4. Tides of Glass =VIDEO=
5. From Hollow Words =VIDEO=
6. Sea of Stone
7. All I've Lost =VIDEO=
8. With Broken Wings
9. Echoes of Hate
10. Scratch the Vein

LINE-UP:
Jason Evans - Voce
Sean Hynes - Chitarre, Voce
Lyn Jeffs - Batteria

opinioni autore

 
Settimo album per gli Ingested 2022-12-01 15:20:26 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    01 Dicembre, 2022
Ultimo aggiornamento: 01 Dicembre, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quella degli inglesi Ingested è ormai una carriera decollata e cementata, frutto di un gran lavoro fatto soprattutto con il disco della consacrazione del 2020, "Where Only Gods May Tread". Fu proprio con quel gioielli che Jason Evans e soci fecero il gran-salto di qualità, abbandonando il sound 100% Slam ed abbracciando invece un approccio più tecnico e vicino sia alla corrente -core, sia a quella del Death Metal dei primi anni 2000 di Cannibal Corpse e Dying Fetus; fino anche a toccare i territori più moderni di gente come Aborted, Benighted, Vulvodynia, Acrania e compagnia bella. Insomma, una carriera che non si è voluta adagiare su stilemi standard ma che nel tempo si è maggiormente arricchita. Viene da sé, dunque, che questo settimo "Ashes Lie Still" sia il degno successore del suo fratello maggiore e quindi un album che vada a confermare come gli Ingested di oggi siano una realtà a cui guardare. Ed è così; o almeno, lo è seppur con qualche riserva. Diciamo subito che la nuova fatica di Evans e soci è esattamente quello che ti aspetteresti dal trio odierno, con tutti gli ingredienti sopracitati che hanno reso i Nostri degni di nota. Tuttavia si nota fin da subito un certo ritorno alle sonorità Slam, come a voler riprendere un pochino da dove ci si era fermati. Non fraintendete, questo "Ashes Lie Still" non è di certo un album standard uguale a tanti altri; ma allo stesso tempo notiamo una certa timidezza rispetto al fratello maggiore del 2020, che a nostro avviso osava laddove questo si ferma strizzando l'occhio agli albori della band. Viene da sé, quindi, che la personalità in questa fatica sia messa più a dura prova e lo dimostrano i diversi ospiti che prendono parte. Casualmente sono proprio i brani dove sono presenti ad essere quelli più ficcanti e convincenti. Ripetiamo ancora che non si tratta di un brutto album, ma nemmeno di un lavoro degno del suo predecessore. I brani funzionano tutti e non c'è nemmeno un momento di indecisione da parte del trio inglese. Tuttavia chi segue il processo evolutivo della band non potrà non notare un piccolo passo indietro, seppur i passaggi proposti siano perfettamente equilibrati e mai fini a se stessi.
Un album, dunque, ben al di sopra della media ma che potrebbe lasciare un pochino l'amaro in bocca.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Soddisfacente la primissima prova degli Olēka
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da membri di Undergang e Chaotian un omaggio al Goregrind dei 90's con i Sequestrum
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dagli Ominous Scriptures un album per gli amanti del Brutal Death della vecchia scuola
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Al netto di qualche piccolo difetto, buon debut album per i Negative Vortex
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Thirsty Demons: terrore e mistero
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Phoebus The Knight, un buon debut album
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Termination Force e la nostalgia del passato
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marco Garau's Magic Opera, ancora un centro pieno!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tragico, epico, atmosferico: EP di debutto per Druids of Eld
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non convince proprio del tutto la nuova vita Death/Doom degli americani Invertia
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Onyria mostrano di saperci fare con buone composizioni e la voce splendida di Elena
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hellevate, un cambiamento non vincente
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla