A+ A A-
 

Invaders: Spanish attack! Invaders: Spanish attack! Hot

Invaders: Spanish attack!

recensioni

gruppo
titolo
Beware of the Night
etichetta
Fighter Records
Anno

TRACKLIST:
1. Livin' in the End [05:58]
2. Spin the Roulette [05:07]
3. Redhead Lady [04:53]
4. Crimson Fate [03:41]
5. Visions (instrumental) [04:05]
6. Standing in the Twilight [03:43]
7. Late to Return [05:07]
8. Ghost Religion [07:20]

LINE UP:
Sergicu - Basso
Adrián - Batteria
Cuadrik - Chitarre
Sergio Chamoso - Voce
Carlos Sánchez - Chitarre

opinioni autore

 
Invaders: Spanish attack! 2022-09-24 15:06:53 MASSIMO GIANGREGORIO
voto 
 
3.5
Opinione inserita da MASSIMO GIANGREGORIO    24 Settembre, 2022
Ultimo aggiornamento: 24 Settembre, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Parliamoci chiaro: come noi italici, anche i nostri "cugini" spagnoli sono vittime di una sequela di triti e ritriti luoghi comuni; noi siamo perseguitati da pizza, spaghetti, mandolino ed altre irritanti amenità del genere, loro sono da sempre accostati a corride, sangria, paella, flamenco e così via. Se poi spostiamo il focus in ambito Hard'n'Heavy, la nazione iberica risulta essere tra le più avare in assoluto di talenti metallici; personalmente mi vengono in mente i Baron Rojo e pochissimo altro (ma sarà certamente un mio limite...). Ebbene, in Alcorcón, molto prossima a Madrid, nel 2016 prendono vita gli Invaders, classico quintetto che ha forgiato nel sacro fuoco del metallo il primo EP denominato (devo dire, ad onor del vero, in maniera moooolto originale), "Metal Madness". Ha fatto seguito il singolo "Endless Wait" dello scorso anno e poi gli altri due singoli (antipasto di questo "Beware of the Night" da cui sono stati estratti) "Spin the Roulette" e "Redhead Lady". La formula proposta dai nostri cinque è tanto semplice quanto efficace: sano, puro e duro Metal tradizionale, ben composto e ben suonato. Ben composto perché le linee melodiche si appalesano dirette, senza troppi fronzoli, con il classico riff che acchiappa, ritornello altrettanto acchiappone. Ben suonato perché articolato su esecuzioni essenziali e mai ridondanti, adagiate su una sezione ritmica spaccatutto ed a metronomo, un wall of sound di chitarrone nitido e possente impreziosito da assoli a duello del tutto apprezzabili (per tecnica e varietà) senza mai essere stucchevoli né scontati. La opening track è bella piazzata secca come un uppercut, con un finale in cui (doverosamente) i cinque pagano dazio alle loro origini, lasciando spazio ad un gradevolissimo arpeggio di chitarra classica in puro Spanish-style. A ruota, i due singoli sopraccitati, altrettanto godibili in termini sia melodici che tellurici. "Crimson Fate" entra a gamba tesa con un riffaccione niente male, per poi lasciar esaltare le indubbie doti canore di Sergio, che sembra rinverdire i fast dei vocalist dei vari King X, Crimson Glory, Samson e compagnia bella. La strumentale "Visions" ci regala una performance leggermente più tecnica e ricercata (quasi alla Steve Vai), ma pur sempre dall'approccio durissimo. La cavalcata prosegue senza requie fino alla lunga final track con intro classicheggiante/spagnoleggiante che poi confluisce in una semi-ballad struggente e ricca di spunti interessanti. Non c'è che dire, questo è un gran bell'album, che "si lascia ascoltare" e ci fa godere al punto giusto dandoci ancora una volta ampie rassicurazioni sul fatto che il nostro beneamato metallo avrà ancora vita lunghissima. E bravi Invaders!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Rebel Priest: buona l'energia, ma non la produzione.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vis Mystica: la passione per Guerre Stellari ed il "Jedi Metal"
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Si spostano su lidi sinfonici con un secondo disco spettacolare gli spagnoli Bonecarver
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Settimo album per gli Ingested
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gran bel debut album per i tedesco-spagnoli Jade
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sufficienza piena per i Defying Plague al loro debutto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Opus Arise, Symphonic Metal strumentale dal Canada
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Distance of Thought, un buon debut album
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Conor Brouwer’s Call of Eternity, una nuova metal opera dall'Olanda
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'altra interessante realta caraibica: gli Omnifariam
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Black Ancestry: Black Metal vecchio stampo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Neptune, direttamente dagli anni '80
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla