A+ A A-
 

Ottavo capitolo per i Revocation: semplicemente il migliore della loro carriera Ottavo capitolo per i Revocation: semplicemente il migliore della loro carriera Hot

Ottavo capitolo per i Revocation: semplicemente il migliore della loro carriera

recensioni

titolo
Netherheaven
etichetta
Metal Blade Records
Anno

PROVENIENZA: USA

GENERE: Technical Death/Thrash Metal

TRACKLIST:
1. Diabolical Majesty =VIDEO=
2. Lessons In Occult Theft
3. Nihilistic Violence =VIDEO=
4. Strange And Eternal
5. Galleries Of Morbid Artistry
6. The 9th Chasm
7. Godforsaken
8. The Intervening Abyss Of Untold Aeons
9. Re-Crucified

LINE-UP:
David Davidson – voce, chitarre
Brett Bamberger – basso, voce
Ash Pearson – batteria

opinioni autore

 
Ottavo capitolo per i Revocation: semplicemente il migliore della loro carriera 2022-09-15 15:40:02 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    15 Settembre, 2022
Ultimo aggiornamento: 15 Settembre, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Potremmo tranquillamente definire questo "Netherheaven", ottavo sigillo degli statunitensi Revocation, come il punto di svolta o il salto di qualità tanto agognato per la band di Boston. Basti pensare al fatto che si tratta del primo disco ad uscire a quattro anni di distanza dal precedente, anziché dopo i canonici due (a volte anche uno) a cui ci hanno abituato. Segno che per David Davidson era forse arrivato il momento di sedersi a tavolino e rivedere completamente la proposta partendo proprio dalle basi. Perché se da un lato è sempre stato evidente l'enorme comparto tecnico dimostrato, dall'altra parte non si poteva dire lo stesso per l'originalità, troppo spesso relegata ad un manierismo da 6 politico e nulla di più. Bene, dimenticate tutto questo, perché "Netherheaven" è semplicemente un discone dall'inizio alla fine, completamente rinnovato nel sound, nello stile e nel songwriting: finalmente il primo capitolo per il trio americano degno del nome Revocation, destinato a dare alla band il credito che realmente merita.
Innanzitutto preme far notare come la componente Thrash Metal sia del tutto scomparsa; o meglio, intelligentemente assorbita all'interno di uno spettro più ampio. Il sound è molto più oscuro, costantemente pennellato da sferzate melodiche riconducibili ai Sylosis o agli Arsis, ma sempre e comunque orientato a fornirci l'immagine più cruda e feroce della band, che questa volta non si è imposta nemmeno un freno inibitore. Delle nove tracce presenti non ce n'è nemmeno una che sfiguri: il viaggio che si intraprende è un costante saliscendi tra gli inferi, con le chitarre che riecheggiano, di tanto in tanto, di qualche richiamo Black, soprattutto nelle sezioni in tremolo picking ("Galleries Of Morbid Artistry" ne è l'esempio migliore). E tuttavia, ascolto dopo ascolto, risulta impossibile riuscire a definire tutte le influenze che permeano i (nuovi) Revocation: dalle basi Thrash un po' old school fino al Prog, al Death, al Black... con precisione chirurgica i Nostri hanno tirato fuori dal cilindro un lotto di brani ricchissimi di materiale ma mai stantii o fini a sé stessi: la ritmica è spaziale e perfettamente in grado di dare ad ogni riff la sua giusta quadra; le chitarre si intrecciano costantemente oppure si serrano in una sfuriata tipicamente dal sapore Death Metal. La voce scabrosa di Davidson, il mastermind del trio americano, è la ciliegina sulla torta: mai troppo sporco, mai troppo gentile. Insomma, una costruzione certosina e precisa, frutto di un lavoro che ha visto i Nostri distruggere dalle fondamenta il loro sound e ricomporlo con quegli elementi sempre toccati ma mai veramente trattati nei capitoli precedenti. Il risultato è questo "Netherheaven": un disco nel quale si potranno trovare tranquillamente influenze di Obscura, Arsis, Cannibal Corpse, Death, Cynic, Sylosis e via dicendo. E MAI troverete un punto poco chiaro, né, tantomeno, una perdita di rotta: i Revocation hanno preso una mole enorme di materiale e l'hanno usata tutta con intelligenza imbastendo un'opera perfetta e con un focus forse mai stato più chiaro di così. Quindi, non vi resta che premere "Play" e tuffarvi nel primo vero grande lavoro targato Revocation. Complimenti!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Crying Steel: Heavy Metal duro e puro
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blazing Eternity, i pionieri del Gothic/Doom tornano con un album maestoso
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Crucifier: dagli anni '90 per gli amanti dell'Extreme Metal degli anni '90
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Replicant: la consacrazione di una band di livello assoluto
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sulphur and Mercury: Alchimia & Metallo
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
King Zebra: un Hard Rock melodico molto catchy e spensierato che precipita nello scontato
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Razor Attack, ci vuole di meglio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, un breve EP che conferma le qualità del gruppo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancient Trail, un disco che merita attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Scarefield: orrorifici!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dyspläcer, un debut album che fa intravedere del talento
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Opera: grande incompiuta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla