A+ A A-
 

Debutto con buoni spunti per la one-man-band olandese Dinbethes Debutto con buoni spunti per la one-man-band olandese Dinbethes Hot

Debutto con buoni spunti per la one-man-band olandese Dinbethes

recensioni

gruppo
titolo
Balans
etichetta
Babylon Doom Cult Records
Anno

PROVENIENZA: Paesi Bassi

GENERE: Black Metal

TRACKLIST:
1. Venijn
2. Storm
3. Geboren
4. Los
5. Balans

LINE-UP:
J. - Guitars, Bass, Vocals
P. - Vocals
K. - Vocals
M. - Drums

opinioni autore

 
Debutto con buoni spunti per la one-man-band olandese Dinbethes 2022-08-09 16:11:18 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    09 Agosto, 2022
Ultimo aggiornamento: 09 Agosto, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ignoravo totalmente l'esistenza dei Dinbethes, one-man-band olandese nata dalla mente del mastermind J. che, come ogni realtà Black Metal di nicchia che si rispetti, è totalmente circondata da un'aura di mistero. Tradotto: a parte le pochissime info contenute nel presskit, non ci è dato sapere nient'altro, nemmeno i nomi di chi vi ha collaborato. Comunque sia, i Nostri debuttano con questo "Balans" sotto l'egida di Babylon Doom Cult Records e, vi anticipiamo subito, si tratta di un lavoro che potenzialmente ha degli ottimi spunti. Sul piatto, dunque, abbiamo cinque brani per circa 35 minuti di durata in cui il buon J. si cimenta ad esplorare i lidi atmosferici del Black Metal tinteggiando costantemente la sua proposta con pennellate vicine al Raw e alla scuola polacca. In definitiva potremmo dire che siamo all'interno di stilemi certamente conosciuti ma che qui offrono comunque buoni spunti all'ascoltatore, soprattutto in quelle sezioni dove le chitarre velenose - e molto basilari - entrano in quei loop ipnotici che creano lentamente l'illusione del nulla sopra il quale la mortifera voce del vocalist si staglia come uno scoglio sul quale si infrangono le onde. Ma, se da una parte ravvisiamo anche una certa maestria nel sapersi muovere in questi territori, dall'altra è palese l'ombra della ripetitività e, cosa più importante, una sensazione quasi di "impasto", come se la produzione non fosse riuscita a dare ad ogni strumento il suo giusto spazio preferendo invece buttare tutto dentro il calderone. Viene da sé che i punti negativi siano sicuramente maggiori di quelli positivi e non vi biasimiamo se durante l'ascolto vi verrà voglia di interrompere l'esperienza. A ciò, dicevamo, si aggiunga anche un songwriting tendenzialmente basic che poteva funzionare forse vent'anni fa, o comunque si sarebbe potuto sfruttare meglio. Ok la semplicità, nessuno la odia, anzi spesso meno è meglio di più; ma qui si rasenta fin troppo spesso il banale con pochissimi guizzi che, lo ripetiamo, ci fanno ben sperare nel futuro della band.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Alestorm: meno sperimentazioni e più sostanza
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Invaders: Spanish attack!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kaledon, il settimo capitolo della "Legend of the Forgotten Reign"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debut album per i Gutvoid: a tratti ripetitivo, ma colpisce la grande tecnica
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Live Burial: adepti della vecchia scuola Death Metal
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non più una giovane band dalle belle speranze: i Gaerea oggi sono una garanzia assoluta
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un EP piuttosto inutile per la one man band Foul Body Autopsy
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ostinazione a rinnegare la personalità: debutto per gli Stormbound
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Of Indigo: non sempre esagerare porta buoni risultati
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andy Gillion: un disco strumentale dedicato ai videogiochi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Daniele Liverani: un disco (parzialmente) diverso dal solito
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dekta: dalla Spagna con un Metal aggressivo e moderno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla