A+ A A-
 

Gran debutto nel panorama Brutal Death per gli statunitensi Texas Murder Crew Gran debutto nel panorama Brutal Death per gli statunitensi Texas Murder Crew Hot

Gran debutto nel panorama Brutal Death per gli statunitensi Texas Murder Crew

recensioni

titolo
Wrapped in Their Blood
etichetta
Comatose Music
Anno

PROVENIENZA: USA

GENERE: Brutal Death Metal

TRACKLIST:
1. Wrapped In Their Blood (Part 1)
2.  Murderous Intent
3.  Nocturne Of Evisceration
4.  Mutual Combat
5.  Apocalyptic Embludgeonment
6.  Pareidolia (In Splatter Patterns)
7.  Ritual Disfigurement =ASCOLTA=
8.  3 Feet Deep
9.  Wrapped In Their Blood (Part 2)
10.  Wrapped In Their Blood (Part 3)

LINE-UP:
Mike OB  - Vocals
Tim Ratcliff - Bass
Kevin Clark - Guitars
Brent Wells - Vocals
Cody Hammer – Drums
Skyler Turner – Synths/Samples

opinioni autore

 
Gran debutto nel panorama Brutal Death per gli statunitensi Texas Murder Crew 2022-05-24 13:28:33 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    24 Mag, 2022
Ultimo aggiornamento: 24 Mag, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Finalmente un disco Brutal Death che non sembra uguale ad altri diecimila presenti sul mercato! Era ora! Di chi stiamo parlando? Degli statunitensi Texas Murder Crew e del loro primo full-length "Wrapped in Their Blood", licenziato da Comatose Music e venuto alla luce dopo una demo ed un EP. Per la giovanissima realtà di Dallas, dunque, si tratta dell'esordio vero e proprio, il biglietto da visita di un act che, parlando strettamente del genere, deve fare i conti con tantissima altra gente. Anzi, oseremmo dire che il panorama Slam/Brutal Death è da qualche anno più che saturo dopo un periodo di totale sordina. Viene da sé che per questi ragazzi si tratta di una prova doppiamente difficile: da un lato riuscire a convincere l'ascoltatore, dall'altro ritagliarsi uno spazietto per dare sfogo alla propria personalità all'interno di un genere che, lo ripetiamo, per saturazione e in generale poca propensione all'originalità, non è facile. Comunque sia, i Nostri - si capisce già dall'introduzione - sono riusciti perfettamente nel loro intento offrendoci un disco tutt'altro che scontato e con dei passaggi notevoli. Un fattore che ha giocato sicuramente in loro favore è la quasi totale assenza della componente Slam, che potremmo ritrovare giusto in alcuni passaggi simil-Devourment ed Abominable Putridity. Ciò che, al contrario, domina è la forte vena Cannibal Corpse - quelli di metà carriera - ed Ingested, di fatto il vero cuore pulsante del progetto Texas Murder Crew. Da citare, poi, la presenza di ben due vocalist che sicuramente offre a tutta l'opera quel guizzo in più.
In realtà questo "Wrapped in Their Blood" non offre chissà quali novità in fatto di passaggi, riff o attitudine. Tradotto: siamo all'interno di stilemi ampiamente conosciuti e ben radicati. Tuttavia è il modo con cui i Nostri si sono approcciati al Brutal Death. Mi spiego. Quella imbastita dall'act texano è un'incredibile prova di maturità che si traduce in brani estremamente funzionanti, affatto noiosi e comunque ricchi di verve; componente, quest'ultima, che non sempre si ritrova in un disco siffatto. Non bastano chitarre a otto corde super ribassate e con il gain sparato a rendere imponente il muro sonoro. Servono anche soluzioni in grado di nobilitare la pesantezza del genere; cosa che qui avviene con un'intelligente alternanza delle parti veloci e blastate e quelle più Slam o comunque tipiche del Death vecchia scuola con i classici breakdown intermezzati dai trilli della chitarra. Insomma, giocando con delle coordinate note, il gruppo è comunque riuscito a non sfociare nel classico copia/incolla. Gran bel lavoro ragazzi!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Sacred Oath: nel segno del Drago
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Convince 50/50 il dodicesimo album dei Paganizer
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano subito alla carica i Perdition Temple con il loro spietato Black/Death
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre fedelissimi ai Decapitated gli svedesi Soreption in questo quarto album
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre in fermento il sottobosco estremo danese: debut album per i Chaotian
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Rotted Through ed il loro malatissimo concept album di debutto ispirato al Dark Web
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bentornata, Sarah Jezebel Deva!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il troppo stroppia: nuovo album per i Lost Tribes Of The Moon
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Tomb Mold un nuovo demo breve quanto affascinante
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole gemme sinfoniche: debutto per i Carmeria!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cobra Spell: nuovo EP che segue le sonorità più classiche
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla