A+ A A-
 

Fare i conti con le nostre cadute più mortificanti è ciò che ci aspetta dopo il ritorno dei Dawn Of A Dark Age Fare i conti con le nostre cadute più mortificanti è ciò che ci aspetta dopo il ritorno dei Dawn Of A Dark Age Hot

Fare i conti con le nostre cadute più mortificanti è ciò che ci aspetta dopo il ritorno dei Dawn Of A Dark Age

recensioni

titolo
Le Forche Caudine 321 a.C – 2021 d.C.
etichetta
Antiq Records
Anno

TRACKLIST:
1. Le Forche Caudine - Atto I
2. Le Forche Caudine - Atto II

LINE UP:
Vittorio Sabelli - Clarinet, Bass Clarinet, Guitars, Bass, Keyboards, Narration
Emanuele Prandoni - Vocals, Drums

GUESTS:
Geoffroy Dell'Aria - Bagpipes, Choirs
Sparda - Choirs
Hyver - Mandocello, Choirs, Troop Voice
Marco Molino - Darbuka, Tambourine, Vibraphone
Paolo Castellitto . Violin, Viola
Antonio Bonanni - Trombone, Euphonium, Shells
Alessandro Tedesco - Trombone
Graziano Brufani - Double Bass
Lord Sinister - Troop Voice
Simone Baù - Troop Voice

opinioni autore

 
Fare i conti con le nostre cadute più mortificanti è ciò che ci aspetta dopo il ritorno dei Dawn Of A Dark Age 2022-01-23 20:37:44 Francesco Yggdrasill Fallico
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Francesco Yggdrasill Fallico    23 Gennaio, 2022
Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ho scoperto questa bellissima realtà solo nel 2020 con il precedente “La Tavola Osca”, che inaugurava una saga dedicata ai Sanniti, dopo i primi cinque lavori che avevano rivolto l’attenzione ai sei elementi (oltre a Terra, Acqua, Fuoco ed Aria, venne tributato il binomio Spirito / Misteri). Come il precedente lavoro, anche questo è stato pubblicato dalla Antiq Records ed è formato da due lunghissime tracce che spaziano tra sfuriate Black, tanta epicità e virtuosismi classici. Il mastermind Vittorio Sabelli, autore di tutti i testi e delle musiche è un geniale polistrumentista che ha saputo unire la follia sonora del Black Metal con l’unicità di uno strumento come il clarinetto! Ecco che persino il Jazz entra a far parte della magia che, solitamente, siamo abituati a sentire attraverso un certo tipo di Black Metal, pronto a tessere delle atmosfere uniche, capace di rapirmi, senza esitazione e portarmi attraverso un viaggio storico, ma anche personale. Qui, partendo dall’atroce umiliazione patita dall’esercito romano in occasione dell'evento storico citato nel titolo (vi risparmio sia la lezione, sia una banale trascrizione da qualunque sito e vi invito ad approfondire questo spaccato storico fondamentale), il nostro Eurynomos (vi ricorda qualcosa?) ci fa fare i conti con quelle che possono essere le nostre cadute personali, le nostre pagine nere, le volte in cui ci siam dovuti arrendere con vergogna. Credetemi, non è un lavoro sicuramente facile, come non lo era il suo predecessore, ma, senza esitazione, questi due capitoli sono diventati parte della mia Top Ten di lavori pubblicati durante i due anni trascorsi e, anche stavolta, arrivo a dare il massimo dei voti a questo capolavoro, senza che io sia stato ricoperto da favori o da mille copie promozionali, rilegate in pelle umana. Chi vi parla, tramite queste pagine, sta solo cercando di farvi capire che si può riconoscere il merito ad un artista, senza un secondo fine, senza dover cercare o aver ottenuto un personale tornaconto. Sono felice che, la cartella digitale con questo lavoro, sia toccata a me, anche se priva dei testi che comunque, essendo declamati in italiano, sono facilmente comprensibili e completano maggiormente la bellezza e la grandezza di questa Opera figlia della nostra Cultura!
Fiero di credere che questo album meriti di esser conosciuto anche fuori dai nostri confini nazionali e che, finalmente, tutti quelli che osannano i prodotti provenienti dall’estero, capiscano quanta ricchezza abbiamo in casa nostra!
Onore al nostro Syrinx!!!

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Sacred Oath: nel segno del Drago
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Convince 50/50 il dodicesimo album dei Paganizer
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano subito alla carica i Perdition Temple con il loro spietato Black/Death
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre fedelissimi ai Decapitated gli svedesi Soreption in questo quarto album
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre in fermento il sottobosco estremo danese: debut album per i Chaotian
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Rotted Through ed il loro malatissimo concept album di debutto ispirato al Dark Web
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bentornata, Sarah Jezebel Deva!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il troppo stroppia: nuovo album per i Lost Tribes Of The Moon
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Tomb Mold un nuovo demo breve quanto affascinante
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole gemme sinfoniche: debutto per i Carmeria!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cobra Spell: nuovo EP che segue le sonorità più classiche
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla