A+ A A-
 

Per gli appassionati di Gothic con voce maschile ecco i Basement's Glare Per gli appassionati di Gothic con voce maschile ecco i Basement's Glare Hot

Per gli appassionati di Gothic con voce maschile ecco i Basement's Glare

recensioni

titolo
“Circus of the fallen”
etichetta
Autoproduzione
Anno

LINE-UP:
Riccardo Adamo - vocals
Daniele Marinelli - guitars
Filippo Zucconi - bass
Niccolò Franchi - drums

TRACKLIST:
1. The entrance
2. Breathe! Drown! Die!
3. Monster-faced angel
4. The way out
5. Worth living
6. Call your last shot
7. Knock you down
8. Puppet master
9. Changing my name
10. Circus of the fallen, Part 1 - Man in the mirror
11. Circus of the fallen, Part 2 - The endless fall
12. Circus of the fallen, Part 3 - Close my eyes
13. Act's over

opinioni autore

 
Per gli appassionati di Gothic con voce maschile ecco i Basement's Glare 2021-11-17 09:50:50 Ninni Cangiano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    17 Novembre, 2021
Ultimo aggiornamento: 17 Novembre, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Basement’s Glare arrivano da Perugia e sono dediti ad un Metal molto particolare che attinge contemporaneamente dal Gothic scandinavo, in via principale, e secondariamente dal Metal sinfonico. Detta sinceramente i paragoni che sono stati fatti in sede di presentazione con Kamelot, Epica, Delain ed Evanescence li trovo parecchio ardui, mentre molto più calzante lo troverei con gli ultimi Sentenced ed i successivi Poisonblack, sia per l’impostazione vocale bassa del singer Riccardo Adamo che per le ritmiche mai troppo sostenute e sempre alquanto malinconiche ed agrodolci. La band si è formata di recente, poco prima dell’inizio della pandemia da covid-19, per iniziativa del chitarrista Daniele Marinelli e del vocalist Riccardo Adamo. Questo “Circus of the fallen” (dall’artwork non proprio affascinante) è quindi il debut album, composto da tredici tracce (comprese le inutili intro ed outro) per un totale di poco più di 3/4 d’ora di durata; c’è una sorta di concept che lega i vari testi che trattano di problemi mentali, della perdita di contatto dalla propria personalità e delle paure di perdersi definitivamente a fronte delle quali bisogna combattere ed imparare a chiedere aiuto. Il disco è autoprodotto come spesso accade ai gruppi che iniziano il loro percorso, ma è ben realizzato anche se la registrazione poteva essere migliorata, soprattutto sulla batteria (la doppia cassa soffre alquanto!). Il Gothic sinfonico dei Basement’s Glare è davvero affascinante e convincente, in grado di trascinare l’ascoltatore in una dimensione melodrammatica, in cui è piacevole crogiolarsi tra malinconia ed inquietudine. E’ indubbio che sia la voce bassa del singer il vero asso nella manica della band, attorno alla cui prestazione le musiche vengono ricamate con sapienza sorprendente per una band all’esordio. Non ho notato momenti di livello qualitativo inferiore all’ottimale nelle varie tracce che compongono il full-length, ma mi sono piaciute particolarmente “The way out” e “Knock you down” (entrambe tra le più ritmate del lotto), oltre alla malinconica “Changing my name” che ricorda parecchio gli ultimi Sentenced. Per tutti gli appassionati del Gothic con voce maschile di scuola scandinava, qui in Italia abbiamo adesso i Basement’s Glare che, con questo “Circus of the fallen”, hanno iniziato a dimostrare di aver tutte le carte in regola per farsi apprezzare!

Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Cinque lunghi e violenti brani per il primo album dei Serpentrance
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da Singapore gli Oshiego col loro quinto album
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per emergere, nel Power Metal, bisogna faticare molto. Esordio per i Dark Legion
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Palpabili segni di evoluzione nel nuovo EP degli Hanging Garden
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sonata Arctica, un album con pezzi del repertorio rivisitati in acustico
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Passa senza lasciar tracce il quarto album dei Vistery
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un nuovo EP "Live in Studio" per i The Medea Project
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Planeswalker, un progetto ispirato al gioco Magic: The Gathering
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Cyrax realizzano un EP nel quale giocano un po' con la propria musica
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Warzaw e l'amore verso l'Heavy degli anni '80
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ilium: un EP decisamente godibile
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla