A+ A A-
 

Sorprende positivamente il debut album dei Tumba de Carne Sorprende positivamente il debut album dei Tumba de Carne Hot

Sorprende positivamente il debut album dei Tumba de Carne

recensioni

titolo
Decatexis // Perpetuo Altar
etichetta
Lavadome Productions
Anno

PROVENIENZA: Argentina 

GENERE: Death metal 

FFO: Ulcerate, Pig Destroyer, Convulsing, Abyssal, Immolation 

LINE UP: 
Matias Fontana - vocals 
Lucas Villalba - guitars 
Ivo Bisceglia - guitars 
Nicolas Martinez - bass 
Mateo Cassullo - drums 

TRACKLIST: 
1. Errar [05:54] 
2. Herida [06:03] 
3. Odian [06:15] =ASCOLTA= 
4. Ulcera [04:11] =ASCOLTA= 
5. Ciego [08:10] 

Running time: 30:33 

opinioni autore

 
Sorprende positivamente il debut album dei Tumba de Carne 2021-09-30 15:48:12 Daniele Ogre
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    30 Settembre, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A tre anni di distanza dall'EP "Comunión", arriva il momento del primo full-length per il quintetto argentino Tumba de Carne, band che sembra avere già bene in mente quale sia la propria direzione. Nome e logo lasciano infatti intendere tutt'altra cosa, chi si aspetta infatti l'ormai "solita" brutale band dedita ad un old school Death Metal sulla scia della coppia Incantation/Immolation, all'ascolto di "Decatexis // Perpetuo Altar" resterà decisamente spiazzato e sorpreso. Pur essendoci alla base una marcata attitudine Grindcore che richiama i Pig Destroyer, i Tumba de Carne volgono il loro sguardo verso l'Oceania ed alle follie sonore di gruppi come Ulcerate (vera Stella Polare del sound dei Nostri), Portal e Convulsing. La band argentina si dimostra, lungo le cinque tracce che compongono la tracklist di questo loro debutto, di essere abbastanza psicotici (musicalmente parlando) da poter inserirsi in questo filone estremo: sul piano del songwriting e su quello squisitamente tecnico, i cinque ragazzi di Buenos Aires dimostrano di non avere alcun timore reverenziale, affrontando anzi il tutto anche con un quel pizzico di folle incoscienza che, per quanto ci riguarda, li aiuta a superare abbastanza brillantemente la prova del primo album. Basti ascoltare i due buoni singoli "Odian" ed "Ulcera", ma è probabilmente con "Herida" che ci si riesce ad accorgere dell'enorme potenziale dei Tumba de Carne. Un unico appunto, è che la produzione sembra essere più adatta per un disco Death/Doom: con un lavoro alla produzione per certi versi più "ripulito", ci sarebbe stata la possibilità di avere per le mani un piccolo gioiellino. Ma va da sé, queto è quel che abbiamo per le mani ora, prendere o lasciare. E noi prendiamo, visto che a discapito di un monicker che magari lascia il tempo che trova, i Tumba de Carne sono una piacevole nuova scoperta. Ma ecco: in futuro magari avvicinarsi agli Ulcerate anche come qualità dei suoni non sarebbe male.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Cynic: sarà l'ultimo capitolo della loro storia?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un eccellente debut EP per i finlandesi Benothing
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Torna la furia primitiva dei finlandesi Concrete Winds
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Rhapsody of Fire tornano con un disco all’altezza del loro grande passato
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Temperance raggiungono un livello superiore
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hypocrisy: un nome, una leggenda, una garanzia. Il gran ritorno di Tägtgren e soci
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Rosa Nocturna: un buon progetto ma con qualche difetto di troppo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jason Payne & The Black Leather Riders: una band da tenere d'occhio
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto assoluto per gli italianissimi Spiral Wounds
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli appassionati di Gothic con voce maschile ecco i Basement's Glare
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Album di debutto per gli Athemon, frutto della collaborazione di un duo anglo-brasiliano
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un live che potrebbe aprire ad un futuro interessante: disco dal vivo per i CRΩHM!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla