A+ A A-
 

Il grande ritorno di Saeko! Il grande ritorno di Saeko! Hot

Il grande ritorno di Saeko!

recensioni

gruppo
titolo
“Holy we are alone”
etichetta
Pride & Joy Music
Anno

TRACKLIST:
1. Circle of life
2. Japan: In my dream
3. Syria: Music, my love
4. Uk: Never say never
5. Germany: Rebellion mission
6. India: Farewell to you I (From father to son)
7. Brazil: Splinters of the sun
8. Hawaii (USA): Farewell to you II (From mother to daughter)
9. Russia: Heroes
10. Holy are we alone

LINE-UP:
Saeko Kitamae - vocals & keys
Guido Benedetti (Trick Or Treat) guitars & keys
Alessandro Sala (Rhapsody Of Fire) – bass
Michael Ehré – drums (Primal Fear, Gamma Ray, The Unity etc)

Guests:
Derek Sherinian (Sons of Apollo, Planet X, ex. Dream Theater)
Lars Ratz (ex. Metalium, † 2021)

opinioni autore

 
Il grande ritorno di Saeko! 2021-08-21 17:05:31 Ninni Cangiano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    21 Agosto, 2021
Ultimo aggiornamento: 22 Agosto, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Erano tanti anni che non sentivamo parlare dei Saeko e della sua leader Saeko Kitamae, ma la cantante giapponese è tornata in Germania e, assieme al nostro geniale Guido Benedetti, ha scritto questo “Holy we are alone”, terzo album del gruppo, a ben 15 lunghi anni dal suo predecessore. Il disco è composto da 10 tracce per poco più di 50 minuti di piacevolissimo heavy/power metal, con la particolarità di essere cantato in diverse lingue, dal giapponese all’inglese, passando per il tedesco ed addirittura il sanscrito e l’hawaiiano. La mano di Guido Benedetti nello scrivere le musiche si sente, dato che qualche richiamo al power di scuola italiana è ben evidente e naturalmente questo non può che farci piacere e farci amare la cantante giapponese (ormai ultraquarantenne) ancora di più. Accanto a loro ci sono anche Alessandro Sala al basso ed il mitico Michael Ehré alla batteria, da segnalare anche, come ospiti, il grande Derek Sherinian ed il compianto Lars Ratz (R.I.P.), i quali hanno rispettivamente suonato le tastiere e curato i cori nella nona traccia. Tutte le canzoni, fatta eccezione per intro ed outro, sono dedicate ad un singolo paese ed, in alcuni casi, hanno richiami alle sonorità locali. L’ascolto è quindi variegato e mai monotono, pur mantenendo uno stile heavy di base; a questa maniera l’album risulta decisamente convincente ed avvincente. In base ai miei gusti, alcune canzoni spiccano sulle altre; mi riferisco, ad esempio, alla velocissima “Russia: Heroes” (vera e propria cavalcata power metal, picco assoluto del disco!), ma anche alle splendide “Syria: Music, my love” e “Uk: Never say never” (quasi folkeggiante in alcuni tratti e con un coro irresistibile!), a cui si aggiunge anche la frizzante “Brazil: Splinters of the sun”. Cosa resta da dire? Bentornati Saeko! Speriamo adesso di non dover aspettare altri 15 anni per aver un successore a questo ottimo “Holy we are alone”.

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Quindici minuti di furia assassina nel nuovo EP degli Under the Church
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Clouds è arrivato il momento di raccogliere quanto è loro dovuto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Screaming Shadows: un connubio fra varie forme di Metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli Stillbirth un buonissimo EP sulla falsariga del precedente disco
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalle nebbie brianzole emerge con un grandioso debut album il carrarmato Husqwarnah
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quinto album per gli Ofermod ed il loro Black Metal luciferino
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Trend Kill Ghosts: una piacevole sorpresa dal Brasile
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debutto da parte dei finlandesi i Helvete
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosa Nocturna: un buon progetto ma con qualche difetto di troppo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jason Payne & The Black Leather Riders: una band da tenere d'occhio
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto assoluto per gli italianissimi Spiral Wounds
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli appassionati di Gothic con voce maschile ecco i Basement's Glare
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla