A+ A A-
 

I Tragedy mischiano l'heavy metal con la disco dance degli anni '70 I Tragedy mischiano l'heavy metal con la disco dance degli anni '70 Hot

I Tragedy mischiano l'heavy metal con la disco dance degli anni '70

recensioni

gruppo
titolo
“Disco balls to the wall”
etichetta
Napalm Records
Anno

TRACKLIST:
1. Gimme! Gimme! Gimme! (A man after midnight)
2. You're the one that I want
3. Evil / Baker Street
4. Stayin' alive
5. Sweet Caroline
6. Raining blood / It's raining men
7. How deep is your love
8. Aquarius / Let the sunshine in
9. Africa
10. Total eclipse of the heart
11. Tragedy
12. Dancing Queen
13. Skyfall
14. Hot stuff (live, feat. Alex Skolnick)

LINE-UP:
Disco Mountain Man - Vocals, keyboards
Mo'Royce Peterson - Vocals, guitar
Andy Gibbous Waning - Bass, vocals
Garry Bibb - Guitar, vocals
The Lord Gibbeth – Drums
Lance - Towel boy, complete idiot

opinioni autore

 
I Tragedy mischiano l'heavy metal con la disco dance degli anni '70 2021-07-31 16:37:04 Ninni Cangiano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    31 Luglio, 2021
Ultimo aggiornamento: 31 Luglio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Questi sono fuori di testa! Questa è stata la mia prima reazione quando ho ascoltato questo “Disco balls to the wall”, disco di 14 cover di brani disco dance del passato metallizzati a dovere. Gli autori di questo misfatto arrivano da New York e si chiamano Tragedy, nome alquanto diffuso nel mondo metal, ma si distinguono dagli altri gruppi omonimi in giro per il mondo perché il loro credo è unire l’heavy metal alla disco dance degli anni '70 e '80. E ci riescono dannatamente bene! Provate ad ascoltare la fusione tra “Raining blood” (si, proprio quella degli Slayer) con “It’s raining men”, pezzo del 1982 delle Weather Girls, poi ripreso da Geri Halliwell delle Spice Girls e portato al successo circa 20 anni fa. Detta così, sembrerebbe una follia, eppure funziona bene, diavolo se funziona bene! Così come funziona benissimo “Hot stuff” di Donna Summer in versione live, con addirittura sua maestà Alex Skolnick a suonare un assolo. Ma sono tantissimi i pezzi qui ripresi di mostri sacri del passato, come Abba, Bee Gees e Toto. Mi sono piaciute parecchio anche “Aquarius/Let the sunshine in”, vecchio pezzo di fine anni ’60, così come “How deep is your love” dei Bee Gees ed “Africa” dei Toto, canzoni che credo non abbiano bisogno di presentazioni. I Tragedy, lo si vede anche dai soprannomi scelti, sono dei pazzoidi (quel Lance non capisco ancora cosa faccia!) e questo “Disco balls to the wall” va preso per quello che è: un disco scanzonato che serve per farsi quattro risate e passare un’oretta in allegria senza prendersi troppo sul serio. Di conseguenza, truci metallari, se siete troppo true e non volete lasciarvi andare, meglio evitiate i Tragedy ed il loro modo per nulla serio di suonare heavy metal; se, al contrario, volete distrarvi e fare i cazzoni per un po’, allora questo disco potrebbe essere un buon modo per farlo!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Strÿkenine, giovani svedesi che hanno ancora tanta strada da fare!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Peter H. Nilsson: un disco West Coast AOR davvero ispirato
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M.ILL.ION: ritorno in pista con una raccolta che presenta anche qualche inedito!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sorprende molto in positivo il primo album dei Knowledge Through Suffering
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon esordio per i Tales of the Old, progetto del musicista greco Mike Tzanakis
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ottima prova per i Cogas al loro debutto su lunga distanza
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Anims: nel nome dell'Hard 'n' Heavy più classico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Melodico, tecnico, moderno: un buon primo album per gli Anomaly
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metalsteel, ancora un disco di ottima qualità
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Interessante la proposta degli austriaci Infected Chaos
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Paradox Community: energia da vendere ed un bel mix di tante sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla