A+ A A-
 

Gli Hexorcist ed un debut album che sembra arrivare dalla fine degli 80's Gli Hexorcist ed un debut album che sembra arrivare dalla fine degli 80's Hot

Gli Hexorcist ed un debut album che sembra arrivare dalla fine degli 80's

recensioni

gruppo
titolo
Evil Reaping Death
etichetta
Memento Mori / Godz ov War Productions / Unholy Prophecies
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Death Metal 

FFO: Morbid Angel, Sarcófago, early Death, Possessed, Mortem 

LINE UP: 
Hexorcist I - vocals 
Hexorcist III - guitars 
Hexorcist II - bass 
Hexorcist IV - drums 

TRACKLIST: 
1. Exulting the Adversary [04:29] =ASCOLTA= 
2. Sentry at the Seven Gates [02:49] 
3. Unblessing the Reverent [03:04] 
4. Proverbs of Pestilence [02:17] =ASCOLTA= 
5. Denouncing the Immaculate [03:37] =ASCOLTA= 
6. Evil Reaping Death [03:26] 
7. Unrighteous Ceremony [03:59] =ASCOLTA= 
8. Accursed Affirmations [03:16] 
9. Praising the Most Foul [03:06] 
10. Crucifixion (Devastator cover) [05:25] 

opinioni autore

 
Gli Hexorcist ed un debut album che sembra arrivare dalla fine degli 80's 2021-07-27 18:45:09 Daniele Ogre
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    27 Luglio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Hanno decisamente bruciato le tappe i floridiani Hexorcist, quartetto di Miami attivo da un paio d'anni che ha già pubblicato un demo lo scorso anno ("Bestiarum Vocabulum") e che oggi arriva già a lanciare il primo full-length "Evil Reaping Death", che può vantare la triple produzione di Memento Mori (CD), Godz ov War Productions (cassetta) ed Unholy Prophecies (LP). Mettiamo subito in chiaro una cosa: se siete alla ricerca di uno di quegli album Death Metal moderni, con melodie e quant'altro, con produzioni potenti e patinate... beh, allora potete benissimo tenervi alla larga da "Evil Reaping Death". Gli Hexorcist non ci tengono minimamente ad essere innovativi, anzi con i Nostri ci ritroviamo nei più beceri lidi del Death/Thrash degli albori; avete presente i Morbid Angel di "Altars of Madness", i Death di "Scream Bloody Gore", i Possessed di "Seven Churches", piuttosto che altre vecchissime realtà come Sarcófago, Incubus, ma anche i peruviani Mortem o gli Slayer dei primi lavori fino ad arrivare ai nostri Bulldozer? Ecco, è esattamente quello che, nell'anno 2021, propongono gli Hexorcist. Uno stile talmente vecchio - ma decisamente molto ben eseguito - che quasi può risultare nuovo alle orecchie, di sicuro ben diverso rispetto a quanto siamo abituati oggi. Quello che abbiamo davanti con l'opera prima della band statunitense è un tritacarne in cui i Nostri hanno infilato la peggio roba della seconda metà degli anni '80 e dei primi '90, tirando fuori un lotto di dieci brani feroci, spietati, assolutamente crudi. Gli Hexorcist non usano alcun orpello per abbellire la propria proposta: attaccano gli strumenti e partono alla carica a testa bassa con una serie di pezzi da cui traspira malignità da ogni nota, quella malignità che così tanto imperversava una trentina d'anni fa o più. L'album si chiude poi con una chicca, ossia la cover di "Crucifixion" dei Devastator, band ora sciolta in cui militava il batterista Hexorcist IV. Per il resto, "Evil Reaping Death" è un album da ascoltare dalla prima all'ultima nota, specie qualora siate nostalgici delle sonorità e dell'attitudine dei vecchi tempi.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Strÿkenine, giovani svedesi che hanno ancora tanta strada da fare!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Peter H. Nilsson: un disco West Coast AOR davvero ispirato
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M.ILL.ION: ritorno in pista con una raccolta che presenta anche qualche inedito!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sorprende molto in positivo il primo album dei Knowledge Through Suffering
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon esordio per i Tales of the Old, progetto del musicista greco Mike Tzanakis
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ottima prova per i Cogas al loro debutto su lunga distanza
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Anims: nel nome dell'Hard 'n' Heavy più classico
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Melodico, tecnico, moderno: un buon primo album per gli Anomaly
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metalsteel, ancora un disco di ottima qualità
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Interessante la proposta degli austriaci Infected Chaos
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Paradox Community: energia da vendere ed un bel mix di tante sonorità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla