A+ A A-
 

Per gli australiani Hecatomb un demo dalla produzione ormai anacronistica Per gli australiani Hecatomb un demo dalla produzione ormai anacronistica Hot

Per gli australiani Hecatomb un demo dalla produzione ormai anacronistica

recensioni

gruppo
titolo
Horrid Invocations
etichetta
Invictus Productions
Anno

PROVENIENZA: Australia 

GENERE: Blackened Death/Thrash Metal 

FFO: Sadistik Exekution, Vomitor, Bestial Warlust, Nifelheim, Slaughter Lord 

LINE UP: 
Maggressor - vocals, guitars, bass, drums
Rick Warkill - guitars 

TRACKLIST: 
1. Metal Maleficium [04:00] =ASCOLTA= 
2. Queen of Perversion [03:50] 
3. Black Winged Pestilence [03:00] 
4. Fields of Gorgoroth [04:55] 
5. Horrid Invocations [05:21] 

Running time: 21:06 

opinioni autore

 
Per gli australiani Hecatomb un demo dalla produzione ormai anacronistica 2021-05-12 16:31:50 Daniele Ogre
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    12 Mag, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Debutto assoluto con questo demo a titolo "Horrid Invocations" per gli australiani Hecatomb, uscito lo scorso anno su cassetta e riproposto oggi su CD da Invictus Productions. Il duo formato dal chitarrista Rick Warkill e dal polistrumentista e cantante Maggressor sembra essere cresciuto nutrendosi esclusivamente di Extreme Metal made in Australia: poco velatamente old school per stile e produzione, questo primo lavoro della band di Melbourne ha chiari rimandi a gentaglia del calibro di Sadistik Exekution, Bestial Warlust e Vomitor su tutti, in un mix di violentissimo tra Black, Death e Thrash. I cinque brani che compongono il promo in nostro possesso hanno un grandissimo tiro, questo non lo possiamo negare, ma è altresì vero che proprio la produzione TROPPO 'vintage' può per molti essere un tallone d'Achille per questa breve opera di violenza belluina; spesso infatti i suoni sono estremamente caotici, tanto che nei momenti in cui gli Hecatomb spingono maggiormente sull'acceleratore cassa e rullante risultano essere coperti dal resto. Quella degli Hecatomb è una corsa sfrenata, una forsennata accelerazione costante che, qualora portassero i loro pezzi on stage, garantirebbe un moshpit sfrenato (soprattutto "Fields of Gorgoroth"); peccato solo, per l'appunto, per una produzione che poteva andar bene 30-35 anni fa.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Manntra: dalla Croazia un metal tra folk, industrial e gothic
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Reunion dopo un decennio e primo full-length per i Beyond Man
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli americani Witch Vomit ed un EP pesante come un macigno
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Desaster sono l'esempio concreto di garanzia e attitudine
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Worm Shepherd inaugurano l'entrata in ULR con una ristampa del disco di debutto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Debutto piuttosto standard quello degli americani Kill The Imposter
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli On Atlas' Shoulders realizzano un disco che non dispiace
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
J.P. Krom, un nome nuovo dal Cile
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Varego: melting pot di stili strano, ma vincente
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shade Of Memories, nulla di memorabile
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Frozen Hell chiudono la loro carriera con un album dal retrogusto amaro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla