A+ A A-
 

Energia allo stato puro dalla Finalndia con i rockers Temple Balls Energia allo stato puro dalla Finalndia con i rockers Temple Balls

Energia allo stato puro dalla Finalndia con i rockers Temple Balls

recensioni

titolo
Pyromide
etichetta
Frontiers Music
Anno

Tracklist:
1. Thunder From The North
2. Long Ways, Long Lies
3. T.O.T.C.
4. Fallen Youth
5. Bad Bad Bad
6. What Is Dead Never Dies
7. Unholy Night
8. Heart Of A Warrior
9. You Better Run
10. If Only I Could
11. Something To Die For

Line-up:
Arde Teronen – Vocals
Jimi Välikangas – Bass
Jiri Paavonaho – Guitars
Niko Vuorela – Guitars
Antti Hissa – Drums

opinioni autore

 
Energia allo stato puro dalla Finalndia con i rockers Temple Balls 2021-04-21 09:18:40 Celestial Dream
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Celestial Dream    21 Aprile, 2021
Ultimo aggiornamento: 21 Aprile, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bomba a mano in arrivo dalle solite terre del nord con i Temple Balls. Siete amanti degli H.E.A.T.? Beh qui troverete un concentrato di hard rock potentissimo e dal tasso melodico imponente.

Il gruppo nasce in Finlandia e questo “Pyromide” è il terzo disco della carriera, prodotto proprio da Jona Tee (H.E.A.T.). La potenza che esce dalle casse fin dalle prime note con l'opener “Thunder From The North” è degna di nota e continua frizzante a testa bassa con la quadrata “T.O.T.C.”. Ritmi alti che non si fermano e colpiscono anche grazie alle melodie catchy di “Fallen Youth” e della favolosa “Unholy Night”. Il cantato spumeggiante e grintoso di Arde Teronen ben supportato da coretti sempre ben assestati sono un punto di forza in questa release. Le composizioni costruite sulle chitarre di Jiri Paavonaho e Niko Vuorela non hanno nessuna intenzione di concedere un attimo di respiro. La festosa “Bad Bad Bad” dal vivo saprà aizzare gli animi mentre la carica esplosiva di “You Better Run” è quasi incontrollabile. Il compito di chiudere il disco tocca alla ballata di turno con una composizione matura come “If Only I Could” ed alla successiva “Something To Die For”, con il suo coro da stadio.

Energia allo stato puro, altro che le bevande energetiche che alcuni di voi bevono per fare attività fisica. Sparatevi “Pyromide” in cuffia a tutto volume ed iniziate a rockeggiare come si deve!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Fortunato, si deve migliorare su diversi aspetti
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Meravigliosa sorpresa a nome Yattafunk!!!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un viaggio nel medioevo con i Sommo Inquisitore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A zonzo sul confine tra Svezia e Norvegia col debutto degli Åskog
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Against Evil ed il loro genuino heavy metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Artillery: con una X segnano il decimo album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un debutto sufficiente per gli Helltern
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Junkwolvz: un esordio incerto.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Segnatevi il nome dei Nightshadow!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla