A+ A A-
 

Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi Hot

Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi

recensioni

gruppo
titolo
Mountain
etichetta
Autoproduzione
Anno

Line-up:
Dama (Damiano Guarnieri): vocals, guitars, bass
Jonathan Vitali: drums
Jgor Gianola: guitars
Matteo Ballabio: piano, keyboards
Simone Voumard: guitars

Tracklist:
1. The River
2. This Is All We Are
3. Dreams
4. Fill The Void Inside
5. Summer Rain
6. Cradle To The Grave
7. Only Heaven Knows
8. Mountain
9. Learned The Hard Way
10. Calm The Storm
11. Beautiful
12. Friday Night

opinioni autore

 
Dama, un progetto interessante per chi si nutre di hard rock e metal a 360 gradi 2021-04-19 09:52:28 Celestial Dream
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Celestial Dream    19 Aprile, 2021
Ultimo aggiornamento: 19 Aprile, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Primo disco autoprodotto per Dama, un tuffo all'interno dell'universo rock e metal visto che questo “Mountain” contiene parecchie influenze a 360 gradi. Tutto nasce da Damiano Guarnieri, appunto Dama, nato a Lugano e che si appassiona presto di questo mondo, inizia a suonare e a comporre musica e ad accumulare esperienza fino ad arrivare a questo progetto solista.

Brani potenti a tratti anche rapidi come attraverso l'impatto notevole di “This Is All We Are”, che lascia spazio subito dopo all'intensa, nostalgica e sognante “Dreams”, fino alle sonorità più alternative della title-track. Echi di Gotthard, Alter Bridge, Bon Jovi, il tutto accompagnato da un buon gusto melodico. Non stiamo certo parlando di un capolavoro, ma di un ascolto più che piacevole grazie alla prorompente e oscura “Cradle To The Grave”, che colpisce con atmosfere moderne, alla metallica “Calm The Storm” ed alla ballata dal retrogusto alternative “Friday Night”.

Un ascolto, almeno, ve lo consigliamo: “Mountain” racchiude il percorso musicale di un musicista, Dama, che è riuscito a comporre un full-length interessante.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Manntra: dalla Croazia un metal tra folk, industrial e gothic
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Reunion dopo un decennio e primo full-length per i Beyond Man
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli americani Witch Vomit ed un EP pesante come un macigno
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Desaster sono l'esempio concreto di garanzia e attitudine
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Worm Shepherd inaugurano l'entrata in ULR con una ristampa del disco di debutto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Debutto piuttosto standard quello degli americani Kill The Imposter
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli On Atlas' Shoulders realizzano un disco che non dispiace
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
J.P. Krom, un nome nuovo dal Cile
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Varego: melting pot di stili strano, ma vincente
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shade Of Memories, nulla di memorabile
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Frozen Hell chiudono la loro carriera con un album dal retrogusto amaro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla