A+ A A-
 

Guidati dagli Svartghast verso l'eterna perdizione Guidati dagli Svartghast verso l'eterna perdizione Hot

Guidati dagli Svartghast verso l'eterna perdizione

recensioni

titolo
Perdition
etichetta
Dusktone
Anno

racklist:
1. Perdition
2. Into The Void
3. Beyond The Veil Of Mist
4. The Black Wraith Ascends
5. On Dark Wings They Soar
6. The Presage Of Eternal Fire
7. The Fall Of The First
8. Luciferian Dawn
Line-Up:
Choronzon : All Instruments
Azazel : All Instruments 

opinioni autore

 
Guidati dagli Svartghast verso l'eterna perdizione 2021-04-18 14:04:45 Francesco Yggdrasill Fallico
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Francesco Yggdrasill Fallico    18 Aprile, 2021
Ultimo aggiornamento: 18 Aprile, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“…I am the herald. I am the path, I am the presage. I am the wrath…”

Questo debut album degli svedesi Svartghast (dopo il cambio moniker da Ossuarium), segna il ritorno sulle scene di due personaggi conosciuti, mi auguro, da molti di voi, che hanno vissuto, come me, l’epopea del black metal scandinavo in tutte le sue varie accezioni e sonorità. Il progetto è, infatti, appannaggio di Lord Choronzon (ex Setherial) e Azazel (The Citadel) e si muove lungo i sentieri tracciati a metà anni ’90 dal cosiddetto symphonic black metal, senza mai voler uscire dai canoni predefiniti. Questo non è necessariamente un difetto, in quanto troppo spesso cercando di voler essere innovativi a tutti i costi si rischia di scadere nel banale o, ancor peggio, nel ridicolo. Non è il caso di questo duo, che si avvale di alcuni ospiti illustri provenienti da altre realtà estreme, articolando la propria proposta musicale attraverso otto tracce racchiuse in poco meno di 40 minuti, nelle quali troviamo voci in screaming, inserti orchestrali, momenti di apparente quiete e le consuete cavalcate black, a tratti anche epiche nel loro incedere maestoso. Sono certo che non in pochi liquideranno questo lavoro, definendolo piatto e poco variegato, ad un ascolto distratto e carico di pregiudizi, ma vi invito, come sempre, a porvi con attenzione all’approccio con questo primo passo di questa creatura proveniente dalla gelida - ma affascinante - Svezia, perché in esso troverete sicuramente tanti spunti e vi verrà anche, perché no?, voglia di riascoltare o di scoprire per la prima volta tante meravigliose realtà provenienti da questo magico Paese. La traccia suggerita per l’ascolto è la conclusiva “Luciferian Dawn”, una sorta di summa del suono dei Nostri, ma vi invito a soffermarvi, soprattutto, sulla seconda metà del lavoro, in cui troverete sonorità inaspettate, persino un assolo rockeggiante ed un cantato pulito come nella penultima “The Fall Of The First”, che, da sola, vale già l’acquisto dell’album.
Fissate bene la front cover, chiudete gli occhi e iniziate a PERDERVI!

“…as darkness falls over moonlit moors, the haunting winds begin to roar
In awe of night I stand to raise Hell itself and set the world ablaze…”

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Manntra: dalla Croazia un metal tra folk, industrial e gothic
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Reunion dopo un decennio e primo full-length per i Beyond Man
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli americani Witch Vomit ed un EP pesante come un macigno
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Desaster sono l'esempio concreto di garanzia e attitudine
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Worm Shepherd inaugurano l'entrata in ULR con una ristampa del disco di debutto
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Debutto piuttosto standard quello degli americani Kill The Imposter
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli On Atlas' Shoulders realizzano un disco che non dispiace
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
J.P. Krom, un nome nuovo dal Cile
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Varego: melting pot di stili strano, ma vincente
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shade Of Memories, nulla di memorabile
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Frozen Hell chiudono la loro carriera con un album dal retrogusto amaro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla