A+ A A-
 

Il Thrash moderno dei Mortal Infinity Il Thrash moderno dei Mortal Infinity Hot

Il Thrash moderno dei Mortal Infinity

recensioni

titolo
In Cold Blood
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: Germania 

GENERE: Thrash Metal

LINE UP:
Marc Doblinger - Voce
Sebastian Unrath - Chitarra
Sebastian Brunner - Chitarra
Alex Glaser - Basso
Adrian Müller - Batteria

TRACKLIST:
1. Fellowship of Rats
2. Misanthropic Collapse
3. Repulsive Messiah
4. Dream Crusher
5. Long Forgotten Gods
6. Silent Assassin (Champion of War)
7. Devastator, Devastated
8. In Cold Blood 
9. Ghost Ship Sailor 

opinioni autore

 
Il Thrash moderno dei Mortal Infinity 2021-03-07 18:08:34 Marianna
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Marianna    07 Marzo, 2021
Ultimo aggiornamento: 07 Marzo, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Tedeschi Mortal Infinity fanno parlare di sé già dal lontano 2009, proponendo un sound moderno, forte e deciso che, come andremo ad ascoltare, si mantiene tale anche in questo nuovo lavoro.

Datato settembre 2019, “In Cold Blood” mostra subito tutta la sua furia: “Fellowship Of Rats” è quel classico Thrash Metal svecchiato che tanto piace ai giovani. La martellante batteria dà quel tocco di speed che trascina ma, allo stesso tempo, lascia spazio a riffs dal sapore old school. Questo saper svecchiare il Thrash accostandolo a componenti più moderne, è il vero punto di forza della band. “Misanthropic Collapse” è un esempio di quanto appena detto: l’intro urlato e sofferto, così Punk, muta poi verso un sound più Hardcore che li avvicina a bands come i Terror.
Il terzo brano è “Repulsive Messiah”, che si conferma sicuramente uno dei migliori dell’intera tracklist; colpiscono le veloci e taglienti chitarre, capaci di passare da lunghi assoli a riffs diretti ed incisivi. Insieme a questo pezzo, sottolineiamo anche la title track “In Cold Blood”: così Thrash che ben si accompagna alla graffiante voce del vocalist Marc Doblinger.

“In Cold Blood” è un album davvero potente, le cui tracks non presentano grandi differenze, mantenendosi fedeli allo stile della bands. Il Groove è sempre un mix tra Thrash, Melodic e Death Metal, con richiami al più moderno Metalcore; lo strumento cardine del sound proposto, è sicuramente la batteria. Il cantato sporco e moderno è certamente accattivante, ma tutto regge sul dinamismo di Müller veloce, martellante ed instancabile, che dà struttura ad ogni pezzo.
Il titolo dell’album fa riferimento all’omonimo romanzo di Truman Capote, in cui viene descritta l’infruttuosa rapina avvenuta nel 1959 nel Kansas, la quale ha portato al brutale assassinio a sangue freddo di un’intera famiglia. L’inquietante e cruda atmosfera rende perfettamente la musica dei Mortal Infinity, riconfermandosi un progetto interessante per il mix di sound proposto.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Whiteabbey, un altro disco di buona qualità
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Theragon, ancora una prova più che valida!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Traveler, Speed Metal senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fathomless Ritual: i veri eredi spirituali dei Demilich
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I tanti fans del Doom/Death melodico non dovranno farsi scappare i Counting Hours
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre su livelli discreti anche questo terzo album dei Surgery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ember Belladonna, un debutto fin troppo poco Metal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal melodico: debutto per gli Attractive Chaos
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gengis Khan: epica cavalcata
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Asidie presentano un album introspettivo e profondamente umano in chiave Doom
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"The Serpent's Cycle" degli Hyperia : aggressività, potenza e melodia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
No One Alive, un gruppo da tenere d'occhio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla