A+ A A-
 

Super old school la proposta degli Eternal Evil Super old school la proposta degli Eternal Evil Hot

Super old school la proposta degli Eternal Evil

recensioni

titolo
Rise of Death
etichetta
Autoproduzione
Anno

PROVENIENZA: Svezia

GENERE: Black/Thrash Metal 

TRACKLIST:
1.Intro
2.Rise of Death
3.Stab of the Blade
4.Succubu
5.Witches Spell

LINE-UP:
Jacob "Ginger" Livåg - Bass
Alphonse Bouquelon - Drums
Adrian "Bobar" Hernandez - Vocals, Guitars

opinioni autore

 
Super old school la proposta degli Eternal Evil 2021-01-16 16:36:00 Luigi Macera Mascitelli
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Luigi Macera Mascitelli    16 Gennaio, 2021
Ultimo aggiornamento: 16 Gennaio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bentornati nel 1980, quando iniziava a muovere i primi passi la cosiddetta NWOBHM. Oggi si fa un salto indietro, a quelle sonorità caustiche e sulfuree che puzzavano di cantina umida e che trasudano black/thrash da tutti i pori. Per i fan di Venom, primi Sodom e Nifelheim, ecco a voi gli svedesi Eternal Evil ed il loro primissimo demo in assoluto "Rise Of Death". Tolti i super (ma proprio super, super, super) scontati nomi della band e del disco, cosa ha da offrire il trio, che più old school di così si muore? Esattamente 15 min in cui i nostri si cimentano in un black/thrash classicissimo quanto ancora inzuppato di quel fascino che caratterizzò i mitici anni '80, quando i Venom non erano un gruppo ma una religione e intanto in Germania il black/thrash di Sodom e Destruction iniziava a vagire. A coronare il tutto c'è una -voluta e in questo caso perfetta- produzione dozzinale in cui il sound mortifero, acido e frenetico degli Eternal Evil non lascia spazio nemmeno a mezzo secondo di respiro. Con una sezione ritmica super basilare ma così maledettamente funzionante e frenetica, la demo in questione è esattamente quella che è: una produzione senza fronzoli, già sentita e risentita , ma che nonostante tutto riesce ad appassionare i veterani del genere. Ecco perché non mi sento affatto di penalizzare l'originalità che qui è praticamente pari a zero. Il lavoretto si lascia apprezzare ed è un omaggio più che gradito ai tempi che furono.
Sinceramente? Ve lo consiglio ad occhi chiusi.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

DIO: Ronnie James never die!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo 22 anni, il debut album dei Crystal Winds
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In viaggio verso l'abisso coi Saille
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Lion's Daughter si lanciano definitivamente in sperimentazioni stilistiche
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Superano la prova del primo full-length gli irlandesi Soothsayer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano con un nuovo album dopo 15 anni i Dictatoreyes
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Daniele Liverani: scorribande di chitarra, e musica classica.
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sirius Curse, un EP niente male per debuttare all'interno della scena classica
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ritorno degli Unflesh con un disco seriamente interessante
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Demo "fresca" per i giovani Tezura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla