A+ A A-
 

Gli Of Feather and Bone si candidano ad un ruolo di rilievo nella scena Death Metal Gli Of Feather and Bone si candidano ad un ruolo di rilievo nella scena Death Metal Hot

Gli Of Feather and Bone si candidano ad un ruolo di rilievo nella scena Death Metal

recensioni

titolo
Sulfuric Disintegration
etichetta
Profound Lore Records
Anno

PROVENIENZA: U.S.A. 

GENERE: Death Metal 

FFO: Incantation, Necrovore, Sadistic Intent, Tomb Mold 

LINE UP: 
AS - vocals, bass 
DG - vocals, guitars 
PW - drums 

TRACKLIST: 
1. Regurginated Communion [05:15] 
2. Entropic Self Immolation [05:05] =ASCOLTA= 
3. Noctemnania [05:44] 
4. Consacrated and Comsumed [04:54] =ASCOLTA= 
5. Sulfuric Sodomy (Disintegration of Christ) [04:12] 
6. Baptized in Boiling Phlegm [05:17] 

Running time: 30:27 

opinioni autore

 
Gli Of Feather and Bone si candidano ad un ruolo di rilievo nella scena Death Metal 2020-11-14 18:53:26 Daniele Ogre
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Daniele Ogre    14 Novembre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Of Feather and Bone si presentarono al pubblico nel 2014, con l'EP "Adorned in Decay" cui seguì nel 2015 l'album "Embrace the Wretched Flesh"; all'epoca il trio del Colorado suonava un ibrido Hardcore/Extreme Metal abbastanza canonico - nel suo genere s'intende -, salvo poi lasciare tutti a bocca aperta nel 2018, anno in cui i Nostri si accasavano con Profound Lore Records lanciando una vera e propria bomba di violenza primordiale come "Bestial Hymns of Perversion", un concentrato di blasfemia Death Metal di violenza inaudita. Ed eccoli tornare a due anni di distanza con "Sulfuric Disintegration", album che dà il definitivo colpo di spugna agli esordi. Come già dice il più che esplicativo titolo, questa terza fatica della band di Denver è nata per disintegrare, letteralmente annichilire l'ascoltatore: gli Of Feather and Bone si lasciano andare a tutta in un lavoro che riesce a superare, e nemmeno di poco, la violenza e la magnificenza del predecessore. "Sulfuric Disintegration" è un lavoro dall'impatto notevole, una corsa sfrenata al massacro in cui possiamo notare sin da subito come i Nostri attingano a piene mani dagli Incantation della seconda metà dei 90's e gli inizi di questo secolo; gli Of Feather and Bone sono un treno lanciato in corsa con i freni rotti: il loro solo compito è distruggere qualsiasi cosa gli si pari davanti e questi ragazzi riescono nel proprio intento con sei gemme di rare brutalità e ferocia, senza che le composizioni abbiano anche la minima parvenza di essere solo violenza tout court. Il songwriting è infatti estremamente ispirato ed incredibilmente maturato in questi ultimi due anni, portando, a nostro avviso, gli Of Feather and Bone a competere ad armi pari con i canadesi Tomb Mold per lo scettro di new sensation della "nuova vecchia scuola" US Death, genere il cui sottobosco si sta riempiendo sempre più di giovani leve feroci ed affamate, capaci di lasciarsi dietro anche realtà veterane e più consolidate - tranne gli stessi Incantation o gli Immolation, sia chiaro -. Ed in questo new blood portato alla scena, gli Of Feather and Bone si stanno ritagliando di giorno in giorno uno spazio sempre maggiore: se tra il precedente lavoro e questo "Sulfuric Disintegration" abbiamo potuto constatare di una crescita così esponenziale, è lecito aspettarsi che il prossimo album possa essere quello della consacrazione per la band di Denver.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

DIO: Ronnie James never die!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dopo 22 anni, il debut album dei Crystal Winds
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
In viaggio verso l'abisso coi Saille
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Lion's Daughter si lanciano definitivamente in sperimentazioni stilistiche
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Superano la prova del primo full-length gli irlandesi Soothsayer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano con un nuovo album dopo 15 anni i Dictatoreyes
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Katana Cartel: l'importanza di uno splendido artwork
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Daniele Liverani: scorribande di chitarra, e musica classica.
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sirius Curse, un EP niente male per debuttare all'interno della scena classica
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ritorno degli Unflesh con un disco seriamente interessante
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Demo "fresca" per i giovani Tezura
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla