A+ A A-
 

Rob Moratti is back per la gioia dei maniaci dell'Aor! Rob Moratti is back per la gioia dei maniaci dell'Aor! Hot

Rob Moratti is back per la gioia dei maniaci dell'Aor!

recensioni

titolo
Paragon
etichetta
Aor Heaven
Anno

Tracklist:
1. I’m Falling
2. Rise Above
3. What Have We Become
4. Remember
5. Where Do We Go From Here
6. Drifting Away
7. Break The Chains
8. Alone Anymore
9. Bullet Proof Alibi
10. All I’m Living For
11. Picking Up The Pieces
12. Stay Away

opinioni autore

 
Rob Moratti is back per la gioia dei maniaci dell'Aor! 2020-11-02 09:55:39 Celestial Dream
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Celestial Dream    02 Novembre, 2020
Ultimo aggiornamento: 02 Novembre, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Rob Moratti è sicuramente una grande voce dell'Aor. Forse non sarà mai considerato tra i grandissimi e la sua carriera non si è mai accesa del tutto, ma il suo timbro inconfondibile (che tanto deve a Steve Perry, ex Journey) e la sua capacità nel comporre brani dal tocco iper melodico, hanno fatto sì che molti fan di queste sonorità iniziassero ad amare le sue produzioni sia della carriera solista che in passato sotto in monicker Final Frontier (e con i Saga).

Questo “Paragon” non sbaglia certo la mira; rimangono le melodie celestiali alle quali Rob ci ha sempre abituati e forse l'unica pecca sono i dodici pezzi – troppi – che compongono il disco facendo perdere un po' il filo del discorso man mano che l'ascolto va avanti. La passione del singer canadese è sempre presente nelle sue opere e anche qui è evidente soprattutto nei ritmi ariosi e scoppiettanti di “Die Young”, “Remember” e “Alone Anymore”, ma colpisce anche nei momenti più emozionanti come nell'elegante lentona “What Have We Become” e “Where Do We Go From Here”. Un paio di brani in meno nella seconda metà della tracklist avrebbero probabilmente giovato, ma non c'è dubbio che questo “Paragon” sia un disco altamente godibile che si chiude molto bene con “Stay Away”, con melodie di impatto ed un bel solo di chitarra.

Spensierato ma non banale con melodie che si stampano in testa e arrangiamenti sopraffini; Rob Moratti si conferma una sicurezza in ambito melodic rock / Aor. Pollice alzato anche stavolta per la sua magica voce!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

A zonzo sul confine tra Svezia e Norvegia col debutto degli Åskog
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Against Evil ed il loro genuino heavy metal
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Artillery: con una X segnano il decimo album
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Red Moon Architect: il freddo bacio finnico della morte
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Einherjer: risplende sufficientemente bene la stella dei vichinghi
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Junkwolvz: un esordio incerto.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Segnatevi il nome dei Nightshadow!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Immortal Sÿnn virano verso il thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Conquistador", il debutto super-complesso degli Stone Healer
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Haunt: nel segno della tradizione
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Agli Hellsike! serve un cantante migliore
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla