A+ A A-
 

Epica Vs Attack on Titan Songs Epica Vs Attack on Titan Songs Hot

Epica Vs Attack on Titan Songs

recensioni

gruppo
titolo
Vs Attack on Titan Songs
etichetta
Nuclear Blast
Anno

01. Crimson Bow And Arrow

02. Wings Of Freedom

03. If Inside These Walls Was A House

04. Dedicate Your Heart!

05. Crimson Bow And Arrow (Instrumental)

06. Wings Of Freedom (Instrumental)

07. If Inside These Walls Was A House (Instrumental)

08. Dedicate Your Heart! (Instrumental)

opinioni autore

 
Epica Vs Attack on Titan Songs 2018-07-22 15:22:56 Anthony Weird
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Anthony Weird    22 Luglio, 2018
Ultimo aggiornamento: 23 Luglio, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando si dice che una band è instancabile spesso ci si riferisce al fatto che fa tour molto lunghi oppure che comunque suoni spesso dal vivo, ma suonare brani che sono diventati cult per i fan è una cosa all’ordine del giorno per dei musicisti professionisti, è una cosa che comunque fanno normalmente tutti i giorni, vuoi come esercizio vuoi per pura passione.
Il discorso, invece, cambia quando una band che ha da poco rilasciato un album di inediti, con ben sei bonus track, rilascia dopo qualche mese un altro EP che va a completare il cerchio, con altri sei “grandi eslusi” dall’album principale che non meritavano il dimenticatoio. Dopo questo un fan si aspetterebbe almeno due o tre anni di silenzio, magari un tour nelle maggiori città dei vari Paesi, ma niente di realmente inedito. Ed invece, ecco che ad appena tre mesi dall’ EP “The Solace System” viene annunciata dagli Epica una speciale pubblicazione di un ulteriore EP, in esclusiva per il mercato giapponese, ovvero “Epica vs. Attack on Titan Songs”, supportato da una manciata di concerti solamente in Giappone. Tuttavia il grande successo del mini-album e la delusione dei fan, mai sazi di novità, hanno convinto gli Epica, ma soprattutto la Nuclear Blast, a distribuire qualche mese dopo la data d’uscita in Giappone l’EP in tutto il mondo.
Per chi non lo sapesse, Attack on Titan è un anime (un cartone animato, per noi della vecchia scuola) e prima ancora un manga giapponese di cui gli Epica hanno rivisitato le musiche, tradotto e riscritto i testi delle varie sigle e colonne sonore, creando brani totalmente nuovi rivisitati in pieno stile Epica. I pezzi partono con la maestosa, immensa e stupenda “Crimson Bow and Arrow”, una corsa incessante, un crescendo di cori, voci eteree, che mi lasciano estasiato: un capolavoro che lascia senza parole sia i fan del metal che i fan dell’anime. Già dalle primissime note si nota la maestria e la capacità tecnica e compositiva degli olandesi, che squarciano il silenzio con cori bassi, che in attimo si innalzano al cielo ed aprono la strada alla meravigliosa voce della dea fiammeggiante Simone Simons, sempre scortata dalle voci in sottofondo che tacciono solo durante il growl di Mark Jansen. Uno scambio di fasi, quello dei due singer, che però sa quando tacere e quando aumentare di intensità. Il tutto poi sfocia in un sublime scambio di assoli chitarra-synth e tutto crolla, il mondo implode in un buco nero di solennità, per poi rinascere nell’immensità sonora di un cosmo troppo piccolo per accogliere l’attacco di questi giganti del Symphonic Metal mondiale. Sublime. Il secondo posto è occupato da “Wings of Freedom” ed immediatamente sembra di ascoltare una marcia militare o un inno, qualcosa di molto simile ad un canto popolare, che però muta con l’ingresso in scena delle terzine sulla sei corde distorta. Anche qui è massiccio l’utilizzo di cori, con le lead vocals che non sono quasi mai lasciate in solitaria, ma sempre accompagnati da accordi vocali mantenuti per la durata delle varie battute, oppure scambi con il growl che spesso accelera ricordando brani come “Consign to Oblivion” degli stessi Epica. Anche qui il momento dell’assolo è magico. Chitarra e synth si scambiano note su note, correndo e volando su un tappeto di luce come un treno delle montagne russe, tra acrobazie sulle tastiere e salti direttamente nel sole. Questa band crea mondi inesistenti col suo grande impatto evocativo e la mente viaggia, cullata dalle note sublimi di un metal che da rude, sporco e cattivo, diventa sempre più raffinato, tagliente, sublime e divino. “If Inside These Walls Was a House”, è la terza canzone dell’ EP e ci troviamo di fronte ad una dolce ballad. Simone Simons canta con una produzione cristallina che fa addirittura assaporare le lettere stesse che escono limpide dalle sue labbra, sorrette da un tappeto di tastiere che “brillano” fino a quando tutta la band entra in scena e il brano esplode in un'immensità disarmante. Per uno che, come me, ascolta quasi unicamente Black metal e Technical Death metal, è una sorpresa ogni volta che gli Epica toccano i miei timpani, ogni volta che li cullano, ogni volta che li accarezzano, perché sì, il metal può anche accarezzare i timpani, non è detto che debba per forza sempre distruggerli. Nessun’altra band del genere riesce a toccare questi livelli di splendore, gli Epica sono un altro mondo, anzi che dico, un altro sistema solare, un'altra galassia, un’altra dimensione, in una realtà che si fonde con l’illusione e i multi-versi si fondono e si confondono, in un’altra percezione di noi stessi, che appartiene al divino. Nonostante l'EP continui (con gli stessi quattro pezzi in versione strumentale), io mi fermo nel raccontarvelo a questo quarto brano, intitolato “Dedicate Your Heart!”: una scarica di adrenalina improvvisa e si entra nel vivo. Anche qui è l’intreccio di voci a colpire immediatamente, la freschezza della vocalità così espressiva e bellissima di Simone, si trasforma da un cantato pulito e limpido, ad uno più tecnico e lirico. Forse il brano più veloce di tutta la pubblicazione. Notevole il lavoro dietro di le pelli, ma quello che come sempre mi lascia sbalordito è la creatività compositiva del combo olandese, sei persone, sei grandi artisti, e mai nessuno viene messo in secondo piano, ma anzi ognuno di loro ha il proprio momento magico e lo sfrutta sempre nel migliore dei modi, dimostrando di padroneggiare l’arte della musica in tutte le sue forme, dalla classica al metal (anche estremo, ascoltate da "The Phantom Agony" fino a "The Holographic Principle" e capirete). Come già anticipato, mi fermo qui e mi godo i restanti quattro brani con gli occhi chiusi e la mente nello spazio, perché altro non sono che i quattro brani già recensiti, nelle loro versioni strumentali.
Insomma gli Epica sono davvero instancabili e non solo, riescono a trasformare in oro qualsiasi cosa tocchino (da notare la cover dei Powerwolf contenuta nella Limited Edition del nuovo album dei Lupi di Attila, "The Sacrament of Sin"). Una band che non solo sforna release su release, ma che non sbaglia un colpo, non cala mai di tono e prosegue una carriera sbalorditiva che dura ormai da quindici anni, sempre al top! Acquisto obbligato per fan della band, i fan del metal, per i fan dell’anime, per i fan della musica e per chi ama l’arte e le cose belle.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Crying Steel: Heavy Metal duro e puro
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blazing Eternity, i pionieri del Gothic/Doom tornano con un album maestoso
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Crucifier: dagli anni '90 per gli amanti dell'Extreme Metal degli anni '90
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Replicant: la consacrazione di una band di livello assoluto
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sulphur and Mercury: Alchimia & Metallo
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
King Zebra: un Hard Rock melodico molto catchy e spensierato che precipita nello scontato
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Razor Attack, ci vuole di meglio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, un breve EP che conferma le qualità del gruppo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancient Trail, un disco che merita attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Scarefield: orrorifici!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dyspläcer, un debut album che fa intravedere del talento
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Opera: grande incompiuta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla