A+ A A-
 

LOTH - Apocryphe LOTH - Apocryphe Hot

LOTH - Apocryphe

recensioni

gruppo
titolo
Apocryphe
etichetta
Vendetta Records
Anno

Line Up: 
F.S. - vocals 
Loth - all instruments

Tracklist:
1- Douce Dame Jolie
2- Mourir à Metz
3- Malmoth
4- Apocryphe

 

opinioni autore

 
LOTH - Apocryphe 2018-06-04 14:33:48 Anthony Weird
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Anthony Weird    04 Giugno, 2018
Ultimo aggiornamento: 05 Giugno, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un bosco in copertina per l'EP “Apocryphe” del duo francese Loth. Secondo lavoro in studio che racchiude solo quattro brani, così come l’EP precedente che portava il nome della band.
“Douce Dame Jolie” apre le danze con una calma e decadente melodia in acustico, che sorregge un canto femminile leggiadro e dolce. Una fanciulla in abito bianco che danza su una collina in un timido mattino d’inverno, ignorando il freddo che penetra nelle ossa e bagnandosi con l’acqua gelida di un ruscello. Una visione meravigliosa e sublime. Il cantato in francese poi, a mio avviso, non fa altro che aumentare il misticismo di tale componimento. Il pezzo prosegue disegnando melodie che sanno di favola e canti popolari, legati a tradizioni celtiche e leggende d’oltralpe ed è impossibile non pensare a quanto vasto, profondo e vario possa essere l’ambiente del black metal, dove l’oscurità viene a galla anche senza l’uso di chitarre distorte e scream infernali. E’ con “Mourir à Metz”, che abbiamo il primo vero assaggio di metal, infatti accantonata la ballad acustica iniziale, è un blast beat fitto come un groviglio di rovi ad accogliermi con una furia animalesca, amplificata da un muro di chitarre granitiche e dissonate. La voce, soffocata e strozzata dietro a questa muraglia sonora, appare disperata e feroce, un urlo ferale in lontananza, che ci fa guardare intorno perché ci sentiamo braccati. Un rallentamento al momento giusto lascia un briciolo di respiro, ma siamo lungi dall’esser al sicuro. E’ circa alla metà del pezzo che tuoni e lampi, accompagnano una chitarra acustica che arpeggiando ci lascia sprofondare in una fossa oscura fatta di depressione e tristezza, dove la fame ed il freddo, creano un mostro fatto di rancore e solitudine, che esplode poco dopo in un tripudio di raid, crash e doppia cassa, che rappresentano la potenza di quella voce disperata che lancia il suo grido nel buio. Arrivo così al terzo atto “Malmoth”, dove la musica è chirurgica e potente, non c’è traccia della furia cieca del brano precedente, ma, anzi, qui la rabbia è ben dosata e forse anche per questo più maligna. Sa dove colpire e quando, il riffing è un fiume che scorre veloce ma controllato, non ci sono rapide, né cascate, solo a brano inoltrato troviamo elementi tipici del depressive black metal, che vanno a richiamare la disperazione del pezzo precedente. La fantasia compositiva, poi, non si fa attendere e troviamo riffing più ampi e circolari, anche se non meno oscuri, che vanno ad unirsi a momenti più fitti e veloci, in una dinamica che non annoia mai e che, anche in un lavoro di notevole durata (stiamo parlando di brani che raggiungono anche il quarto d’ora di durata), riescono a donare freschezza e ad incuriosire l’ascoltatore, che quindi non si sentirà mai tediato, ma anzi ne gusterà la genialità e la bravura dei francesi. Ed è la title track “Apocryphe” a darmi l’addio, con il suo chitarrone granitico e potentissimo, accompagnato da un basso che fa tremare i muri. Vocals all’apice della disperazione, disperse chissà dove in una landa desolata immensa e vuota, dove il riff implacabile la fa da padrone, riecheggiando tra la sua stessa eco nel tempo e nello spazio, che qui, in questo posto dimenticato dal Sole, sembrano rispettivamente immobile e sconfinato. Che dire, un brano assolutamente da ascoltare, che trovo, insieme alla opener “Douce Dame Jolie”, il punto più alto della genialità compositiva dei LOTH, che si rivela totalmente poi sul finale, con un arrangiamento che non mi sarei mai aspettato e che mette i brividi.
In ultima analisi, “Apocryphe”, è un bellissimo album, molto vario ed interessante; unica pecca è la mancanza di un pizzico di oscurità in più, che renda i brani veramente oscuri, non solo furiosi e depressi, ma è una pecca che voglio nominare solo per voler fare un po’ il pignolo, perché si tratta di un lavoro veramente da ascoltare, soprattutto se amate il DSBM o il Black metal Atmosferico.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Crying Steel: Heavy Metal duro e puro
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blazing Eternity, i pionieri del Gothic/Doom tornano con un album maestoso
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Crucifier: dagli anni '90 per gli amanti dell'Extreme Metal degli anni '90
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Replicant: la consacrazione di una band di livello assoluto
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sulphur and Mercury: Alchimia & Metallo
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
King Zebra: un Hard Rock melodico molto catchy e spensierato che precipita nello scontato
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Razor Attack, ci vuole di meglio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, un breve EP che conferma le qualità del gruppo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancient Trail, un disco che merita attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Scarefield: orrorifici!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dyspläcer, un debut album che fa intravedere del talento
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Opera: grande incompiuta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla