A+ A A-
 

Buon ritorno per gli Australiani capitanati da Danny Cecati Buon ritorno per gli Australiani capitanati da Danny Cecati Hot

Buon ritorno per gli Australiani capitanati da Danny Cecati

recensioni

gruppo
titolo
The inception of darkness
etichetta
Limb Music
Anno

1. Redemption
2. Shadowdance
3. Eyes Of Madness
4. The Inception of Darkness Part 1 – Transcending
5. The Inception of Darkness Part 2 – Reborn
6. Immortals
7. Perfect Images
8. Legions
9. Eyes Of Madness (Orchestral Bonus Track)
10. Reborn (Orchestral Bonus Track)
11. Immortals (Orchestral Bonus Track)

opinioni autore

 
Buon ritorno per gli Australiani capitanati da Danny Cecati 2012-12-19 07:45:20 Celestial Dream
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Celestial Dream    19 Dicembre, 2012
Ultimo aggiornamento: 19 Dicembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lo ammetto, gli Eyefear sono una band che adoro; gli ultimi due loro dischi sono veramente ottimi, soprattutto "The unseen" uscito ormai 4 anni fa, di conseguenza attendevo impazientemente questo nuovo album. Non so bene la ragione per cui sia trascorso così tanto tempo per ritrovare il gruppo Australiano di nuovo in pista, ma sicuramente qualche problemino l'hanno dovuto attraversare. Prima di tutto i cambi di line-up che hanno senza dubbio pesato visto l'abbandono di Sammy Giaccotto, tastierista ed importante songwriter della band. Inoltre gli Eyefear erano rimasti a piedi con l'etichetta, vista la chiusura della defunta Dockyard1, ex label di Piet Sielck degli Iron Savior. Seb Schneider (di chiare origini teutoniche) è stato scelto per coprire il posto, piuttosto delicato, lasciato libero alle tastiere mentre la storica Limb Music si è accaparrata la pubblicazione di questo disco.

Le tastiere hanno sempre giocato un ruolo fondamentale nella musica degli Eyefear, un gruppo di prog melodic metal, decisamente oscuro (come lo sono i testi), suonato con grande talento, enorme originalità e una spiccata capacità di creare ottime e tutt'altro che banali melodie basate sulla voce del singer australiano per eccellenza: Danny Cecati (Ex Pegazus). "The inception of darkness" si muove sulle coordinate stilistiche a cui la band ci ha abituato negli anni anche se con qualche novità come ad esempio l'utilizzo del growl in un paio di pezzi e della voce femminile in un brano. "Redemption" ci dà il benvenuto nel migliore dei modi; un brano favoloso giocato su melodie di pianoforte e riff potenti che accompagnano l'ugola di Cecati. Un pò piatta invece "Shadowdance" mentre con "Eyes of madness" si ritorna sui binari giusti. La title track divisa in due parti presenta a mio modo di vedere alti e bassi (soprattutto la seconda parte non convince appieno), mentre "Immortals" è un brano spettacolare che parte con un riff spezza ossa che accompagna per tutto il brano le ottime melodie disegnate dall'ugola di Danny, protagonista assoluto del brano e del disco. La sezione ritmica è precisa e potente ed il solo di chitarra convince appieno. Il livello rimane altissimo in chiusura con "Perfect images" e "Legions" dove chitarra e tastiera la fanno da padrone. Peccato invece per le inutili 3 bonus tracks messe lì solo "per far numero".

Con una delle copertine migliori dell'anno in corso, la band di Danny Cecati torna con un disco di indubbio valore. "The inception of darkness" è un album tutt'altro che banale che va assaporato pian piano per scoprirne ogni sfumatura e riesce ad unire i suoni potenti della chitarra quasi thrash di Kosta, al piano del neo arrivato Seb, il tutto accompagnato dalla voce favolosa di Cecati. Pur non riuscendo a ripetere i livelli del recente passato, gli Eyefear si confermano una band di classe superiore, veri e propri porta bandiera e motivo di vanto del metal australiano insieme agli altrettanto grandi Voyager.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Crying Steel: Heavy Metal duro e puro
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blazing Eternity, i pionieri del Gothic/Doom tornano con un album maestoso
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Crucifier: dagli anni '90 per gli amanti dell'Extreme Metal degli anni '90
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Replicant: la consacrazione di una band di livello assoluto
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sulphur and Mercury: Alchimia & Metallo
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
King Zebra: un Hard Rock melodico molto catchy e spensierato che precipita nello scontato
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Razor Attack, ci vuole di meglio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, un breve EP che conferma le qualità del gruppo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancient Trail, un disco che merita attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Scarefield: orrorifici!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dyspläcer, un debut album che fa intravedere del talento
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Opera: grande incompiuta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla