A+ A A-
 

Helreidh are back! Helreidh are back! Hot

Helreidh are back!

recensioni

gruppo
titolo
Fragmenta
etichetta
Pure Prog Records
Anno

1. Exordium: Fragmenta
2. In Hoc Signo Vinces
3. Ex Visionibus....Fatus
4. Orfeo´s Lament
5. Exile (We Mot Delen Ato)
6. Shades Of My Untimely Autumn
7. Zep Tepi
8. Congedum: Whispers From Outer Space

opinioni autore

 
Helreidh are back! 2012-11-26 23:05:32 Celestial Dream
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Celestial Dream    26 Novembre, 2012
Ultimo aggiornamento: 26 Novembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Helreidh are back! I più giovani lettori di Allaroundmetal si chiederanno chi sono questi Helreidh.. forse una nuova band, e chissà che genere faranno vista la strana copertina! In realtà questo gruppo veneto nasce nel 1994 e negli anni successivi pubblica tramite la storica Underground Symphony due dischi cult di prog metal melodico. Ora a distanza di 13 anni tornano a farsi sentire con "Fragmenta", un disco che presenta composizioni datate addirittura negli anni 1999-2000 quando Yorick (leader e chitarrista della band) si trovava negli Stati Uniti e con Gary Wehrkamp degli Shadow Gallery si mise a lavorare su nuove composizioni. Ora la band può vantare una formazione stabile con Luca Roggi (batteria) e lo stesso Yorick (chitarre) a cui si aggungono Max “the voice” Bastasi (Anarchy X e Great Master) alla voce, Aligi Pasqualetto (tastiere) e Francesco “Frana” De Paoli al basso.

Questi ritorni a tanti anni di distanza sono sempre da prendere un pò con le pinze; spesso si rimane alquanto delusi! Il quintetto veneto si ripresenta con il suo prog melodico e di classe, e la voce di Max (che aspetto a breve con il nuovo attesissimo album dei Great Master) è promossa a pieni voti. "Fragmenta" presenta solamente 6 pezzi (più un intro e un outro), ma in fin dei conti questo poco importa quando la qualità è ben presente in tutti i brani. Inoltre alterna song più melodiche ed easy listening ad altre maggiormente lunghe e complesse. L'apertura è affidata a "In Hoc Signo Vinces" una tipica prog song di impatto con cambi di ritmo ben dosati che convince ascolto dopo ascolto. Un intro di piano apre la strada a "Ex Visionibus....Fatus" lunga song di oltre 10 minuti melodici ed epici con pianoforte e tastiere in primo piano che disegnano ottime melodie soprattutto durante lo splendido intermezzo strumentale. Yorick fa il Petrucci della situazione introducendo con un breve ma emozionante solo di chitarra la magica "Orfeo´s Lament", pezzo melodicissimo, una ballata di gran classe. "Exile (We Mot Delen Ato)" è un buon pezzo ma non riesce a convincere appieno mentre la lenta "Shades Of My Untimely Autumn" sembra quasi una ninna nanna del 21esimo secolo, con tastiere e chitarra classica che ci cullano lungo i sui 4 minuti. "Zep tepi" suona molto Shadow Gallery (fantastico il coro finale), band che sicuramente ha influenzato in un modo o nell'altro gli Helreidh non solo per la presenza di Gary Wehrkamp che si occupa anche di chitarra e tastiera in "Exile". Degni di nota infine i solos di chitarra di Yorick sempre di buon gusto come noi amanti del prog sì tecnico ma soprattutto melodico adoriamo.

"Fragmenta" è un disco valido che ci consente di riabbracciare una band di indubbia classe che per troppo tempo ci aveva abbandonati.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Crying Steel: Heavy Metal duro e puro
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blazing Eternity, i pionieri del Gothic/Doom tornano con un album maestoso
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Crucifier: dagli anni '90 per gli amanti dell'Extreme Metal degli anni '90
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Replicant: la consacrazione di una band di livello assoluto
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sulphur and Mercury: Alchimia & Metallo
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
King Zebra: un Hard Rock melodico molto catchy e spensierato che precipita nello scontato
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Razor Attack, ci vuole di meglio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, un breve EP che conferma le qualità del gruppo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancient Trail, un disco che merita attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Scarefield: orrorifici!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dyspläcer, un debut album che fa intravedere del talento
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Opera: grande incompiuta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla