A+ A A-
 

Rock alternativo, moderno, sperimentale e di conseguenza progressivo Rock alternativo, moderno, sperimentale e di conseguenza progressivo Hot

Rock alternativo, moderno, sperimentale e di conseguenza progressivo

recensioni

titolo
7 Billion and a Nameless Somebody
etichetta
autoprodotto
Anno

01. We Are All Vain (5:35)
02. Pseudo Christ (2:20)
03. The Code (2:53)
04. Steal the Show (3:40)
05. Synthetic Part I (7:09)
06. Debris (3:49)
07. God of the Lost (6:28)
08. Syria (4:12)
09. Willow (3:19)
10. Synthetic Part II (3:47)

opinioni autore

 
Rock alternativo, moderno, sperimentale e di conseguenza progressivo 2012-09-29 09:53:50 Celestial Dream
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Celestial Dream    29 Settembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Arrivano dalla Germania i Fire on Dawson e pubblicano "7 Billion and a Nameless Somebody" dopo il debutto "Prognative" che ha ricevuto un gran successo nel 2010, consentendo alla band numerose apparizioni live. Difficile descrivere il sound di questo disco visto che il gruppo teutonico riesce a spaziare toccando vari generì, unendo tante diverse influenze, andando come a comporre un puzzle formato da tanti pezzi spesso diversi tra loro ma che uniti, formano un lavoro molto gradevole. Un puzzle che possiamo chiamare progressive rock ma in cui per oltre 40 minuti di musica ogni pezzo ha una sfumatura diversa, con l'unico comun denominatore che è la melodia. I brani composti dai Fire on Dawson non sono complessi nè tecnici, ma necessitano alcuni ascolti per essere compresi viste le melodie ricercate e non facilmente accessibili. Ad impreziosire il disco la voce calda del singer Indiano Ankur Batra che sicuramente ha contribuito ad influenzare la proposta con le sue origini culturali/musicali. Le songs cambiano spesso umore all'interno anche di pochi minuti di durata, partendo spesso con chitarre "pulite" per poi passare ad un suono distorto durante i chorus, e questo accade anche alla voce. Le influenze maggiori le potete trovare in Porcupine Tree, Pearl Jam, A Perfect Circle, Pink Floyd ed Audioslave, ma, ripeto, questa è una proposta molto originale.

Ai Fire on Dawson possono bastare anche poco più di 2 minuti per comporre una canzone che colpisce nel segno, è questo il caso di due ottimi pezzi come “Pseudo Christ” e "The Code"; in fondo chi ha detto che una canzone prog deve durare almeno 5-6 minuti? Il lato più tipicamente progressivo viene fuori con “Synthetic Part I” dove Porcupine Tree e Pain of Salvation diventano i principali paragoni e finalmente la chitarra di Markus Stricker diventa protagonista con una lunga parte strumentale dedicata ai palati fini. Le sperimentazioni preseguono con la bella “Syria” e così una canzone dopo l'altra arriviamo alla fine del disco consci di avere tra le mani un buon lavoro.

Se il rock alternativo, moderno, sperimentale e di conseguenza progressivo, è il vostro pane quotidiano, date una chance a questi Fire on Dawson, una band coraggiosa che ha messo tanta passione in questo "7 Billion and a Nameless Somebody".

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Crying Steel: Heavy Metal duro e puro
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blazing Eternity, i pionieri del Gothic/Doom tornano con un album maestoso
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Crucifier: dagli anni '90 per gli amanti dell'Extreme Metal degli anni '90
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Replicant: la consacrazione di una band di livello assoluto
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sulphur and Mercury: Alchimia & Metallo
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
King Zebra: un Hard Rock melodico molto catchy e spensierato che precipita nello scontato
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Razor Attack, ci vuole di meglio
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dialith, un breve EP che conferma le qualità del gruppo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancient Trail, un disco che merita attenzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Scarefield: orrorifici!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dyspläcer, un debut album che fa intravedere del talento
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Opera: grande incompiuta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla