A+ A A-
 

ukranian blast! ukranian blast! Hot

ukranian blast!

recensioni

titolo
The Monument Of Lies And Hypocrisy
etichetta
Metal Scrap Records
Anno

opinioni autore

 
ukranian blast! 2012-09-25 07:59:31 Roberto Orano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Roberto Orano    25 Settembre, 2012
Ultimo aggiornamento: 25 Settembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quel che traspare da questo album degli ucraini Perishing Humanity, oltre al fatto che sono stracolmi d'odio, è un buon esempio di death-core tiratissimo con ritmi al cardiopalma, chitarre ritmiche devastanti, stacchi cadenzosi e dosi di riff tecnici, con una sessione ritmica tremenda, probabilmente se al posto di un rullante ci fosse una testa, beh, il batterista ci metterebbe ben poco a frantumarla. La band, oltretutto, dimostra di essere influenzata anche dal death/thrash e leggermente anche da un certo brutal death. La voce, a tal proposito, spazia da uno screaming feroce, ad un growl più death e ad uno più cavernicolo.
Il vero problema dei Perishing è che hanno alle spalle svariate uscite di bands come The Black Dahlia Murder, Suicide Silence, Whitechapel, The Devil Wears Prada...già di per sè, per la maggior parte, mediocri. E forse questo stile non ha così bisogno di altri dischi che alla fine risultano praticamente uguali. Certo, va detto che i nostri ci sanno fare e meriterebbero per lo meno il successo che stanno avendo le bands sopra elencate, specialmente dall'altra parte dell'oceano.
Buone davvero le parti più sfrontate in pieno stile thrash/death/hardcore. Purtroppo, non si può dire lo stesso per i frangenti più death metal e metalcore, che risultano parecchio piatti. Per questo motivo, i PH si piazzano comodi comodi sopra la sufficienza. Ma solo per gli amanti del genere.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Sacred Oath: nel segno del Drago
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Convince 50/50 il dodicesimo album dei Paganizer
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tornano subito alla carica i Perdition Temple con il loro spietato Black/Death
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre fedelissimi ai Decapitated gli svedesi Soreption in questo quarto album
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre in fermento il sottobosco estremo danese: debut album per i Chaotian
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Rotted Through ed il loro malatissimo concept album di debutto ispirato al Dark Web
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bentornata, Sarah Jezebel Deva!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il troppo stroppia: nuovo album per i Lost Tribes Of The Moon
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i Tomb Mold un nuovo demo breve quanto affascinante
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole gemme sinfoniche: debutto per i Carmeria!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cobra Spell: nuovo EP che segue le sonorità più classiche
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla