A+ A A-
 

Venticinquesimo anniversario rosso sangue per i Pigspeed Venticinquesimo anniversario rosso sangue per i Pigspeed Hot

Venticinquesimo anniversario rosso sangue per i Pigspeed

recensioni

gruppo
titolo
25th Century Blood
etichetta
DeathStorm Records
Anno

 

TRACKLIST

1 25th Century Blood

2 Blood Drop

3 Born

4 Only Blood

5 Alone

6 Bleeding Blood On The Blooded Blood

7 Biotech Is Godzilla (Sepultura Cover)

8 Pus

9 Mellow Yellow (live)

 

LINE-UP

Fausto – lead guitar

Diego – rhythm guitar

Kama – drums

Angelo – bass guitar

Fabiano – vocals

 

opinioni autore

 
Venticinquesimo anniversario rosso sangue per i Pigspeed 2015-03-28 10:47:14 Chiara
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Chiara    28 Marzo, 2015
Ultimo aggiornamento: 31 Marzo, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le prime parole che mi sono venute in mente durante l’ascolto di “25th Century Blood” dei Pigspeed sono state “Gore Obsessed”. Lo so, i cinque musicisti lombardi possono sembrare stilisticamente molto lontani dai Cannibal Corpse, ma non poi così tanto. Soprattutto quando si parla di ossessione per il sangue. Perché di sangue in questo album ce n’è parecchio, che siano gocce, pozze, schizzi o fiumi (lo scioglilingua di “Bleeding Blood On The Blooded Blood” ne è un esempio). Infatti mi sento di poter parlare in questo caso di thrash-gore, perché i Pigspeed riescono a coniugare le sonorità thrash all’immaginario death fatto di squartamenti e sbudellamenti assortiti (basti vedere le foto promozionali della band, mentre sono intenti a contendersi pezzi di carne a colpi di mannaia). Come dicevano gli Slayer, “Raining Blood”!

“25th Century Blood” è compatto, un bel pugno in faccia che mi ricorda per certi versi quello della copertina di “Vulgar Display Of Power” dei Pantera. E le influenze di Fausto, Diego, Kama, Angelo e Fabiano sono da cercarsi nel thrash più spinto della leggendaria band texana, oltre che nei Sepultura di “Chaos A.D” (che vengono omaggiati nella cover di “Biotech Is Godzilla”). L’episodio secondo me più riuscito del lavoro, nonostante il titolo repellente, è “Pus”, con un ottimo background percussivo alla “Roots Bloody Roots” e un ritornello alla Alice In Chains (non sto scherzando).

I Pigspeed non sono di primo pelo (infatti, come suggerisce il titolo stesso dell’album, nel 2014 hanno festeggiato ben venticinque anni di attività) e sanno bene come dimostrare l’esperienza acquisita nel tempo: l’ottima tecnica che pervade il lavoro è evidente per esempio in “Born”, che conquista da subito con i suoi inserti melodici, entrando nel cervello a mo’ di tarlo (i “die” finali sono da manuale), e in “Alone”, composizione che riassume al meglio gli stilemi del thrash.
Il disco chiude con una versione live di “Mellow Yellow” (ma Donovan non c’entra nulla), a testimonianza del fatto che i Pigspeed ci sanno fare anche dal vivo. E infatti il prossimo concerto non me lo perderò, poco ma sicuro.

Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Per gli amanti del west coast Aor, il ritorno dell'artista Dan Lucas
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Terzo disco e prova superata per i nervosi Stagewar!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oceanhoarse: metal moderno ricco di mordente
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Heavy Metal grezzo nel debutto degli svedesi Wanton Attack
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Groove metal ben assestato durante gli otto brani composti dai canadesi Valyear!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Settimo disco all'insegna dell'Heavy più classico per i veterani Black Rose
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Charley Verlaine fa centro al primo colpo
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'expanded edition del debut album dei Runescarred
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trumbiten, un secondo EP che non dispiace
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rage In My Eyes, ancora un lavoro di qualità superiore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Si fanno decisamente notare gli Spiritual Deception grazie ad un buonissimo EP
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
My Haven: un debutto interessante per gli amanti delle female vocals
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla