A+ A A-
 

Desert Near the End: un deserto compositivo Desert Near the End: un deserto compositivo Hot

Desert Near the End: un deserto compositivo

recensioni

titolo
Hunt for the Sun
etichetta
Total Metal Records
Anno

01. Storm on my Side

02. Across the River

03. A Sunset of our Own

04. Morning Star

05. Angel of the Deep

06. Road to Nowhere

07. Eastern Path

08. A Distant Sun

opinioni autore

 
Desert Near the End: un deserto compositivo 2015-03-21 21:59:41 Mark Angel
voto 
 
2.0
Opinione inserita da Mark Angel    21 Marzo, 2015
Ultimo aggiornamento: 22 Marzo, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non conoscevo questa band greca prima che mi arrivasse il loro disco; tuttavia la loro descrizione: ‘’Epic Thrash Metal’’ mi ha subito incuriosito citando peraltro come loro influenze principali: Iced Earth, Blind Guardian e Amon Amarth; tre gruppi che seguo e che preferisco rimangano separati… infatti l’unione dei primi 2 nel progetto ‘’Demond & Wizards’’ mi deluse non poco all’ epoca, mentre gli svedesi sono tra le poche band ‘’estreme’’ di mio gradimento per l’epicità che traspare dal loro Death Viking Metal.
Già dalla copertina capisco che non deve essere un genere allegro e goliardico ma passo alla musica che è il parametro più importante per valutare un disco: siamo in presenza di un Power Thrash estremizzato; dei Blind Guardian sinceramente vi è giusto il ritornello di ‘’Eastern Path’’, mentre degli Amon Amarth vi è ben poco a mio avviso.
L’unica influenza qui si chiama Iced Earth e permea tutti i riff dell’album, lo stesso cantante Alexandros Papandreou è una sorta di Matt Barlow estremizzato, oscuro e costantemente tra il rabbioso ed il sofferente.
La padronanza tecnica di questo gruppo ateniese è davvero ineccepibile, cosi come la loro passione e devozione sono fuori dal comune; credo che la Grecia sia una fucina di ottime metal bands, oneste ed originali, ma qui l’originalità latita un pochino e non è questo il problema principale, io stesso seguo strenuamente tantissimi gruppi che alla fine sono cloni dei Judas, dei Maiden, dei Metallica e di tutti i mostri sacri in generale; non sono certo un cultore della sperimentazione ad ogni costo.
Il grave difetto di questo ‘’Hunt for the Sun’’ è la fantasia compositiva di una piattitudine disarmante; ho ascoltato moltissime volte questo disco per capire se ero io a non comprendere le canzoni, ma sono giunto alla conclusione che queste songs sono noiose; ogni volta 48 minuti di concentrazione fine a se stessa; non riesco a ricordarmi un singolo ritornello o un riff… è tutto dannatamente uguale, delle mazzate Power Thrash dall’inizio alla fine senza un minimo di melodia o di facile assimilazione, e dire che io ascolto Thrash Metal tedesco, non certo un genere ‘’Mainstream’’ famoso per la melodia.
Il drumming per tutta la durata del disco è monotono, un martellamento dall’inizio alla fine, salvo ‘’Morning Star’’ per le linee vocali più d’impatto ed il riff malinconico; le seguenti ‘’Angel of the Deep’’ e ‘’Road to Nowhere’’ partono con delle melodie molto interessanti che purtroppo dopo una trentina di secondi vengono vanificate trasformandosi nel consueto martellamento agonizzante e disperato; tuttavia ripensandoci la copertina è più che indovinata: agonia e disperazione sono i tratti caratterizzanti del sound di questo ’’Hunt for the Sun’’.
Non sarà bello da dire, ma personalmente il sole l’ho trovato nell’ultima canzone del disco: ‘’A Distant Sun’’ senza svelarvi il motivo ahimè molto scontato.
Bocciare un disco è una cosa che provoca dispiacere in quanto l’impegno, la passione ed il lavoro che c’è dietro ad ogni produzione è notevole e chi suona lo sa bene, ma in questo caso non posso esimermi dal mettere un voto basso; il genere è interessante e poco inflazionato, di tecnica e potenza i Desert Near the End ne hanno da vendere ma, per quanto concerne l’ambito compositivo, vi è un enorme percorso da compiere per far si che l’ascoltatore possa apprezzare i brani.
Forza Ragazzi vi aspetto al prossimo disco!

Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I ChrysalïD ed un debut album pieno di ospiti internazionali
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tankard: un EP per festeggiare la vittoria dell'Eintracht Francoforte
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Convincente disco di cover per gli australiani Lord!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Tyrants of Chaos, classico Heavy Metal dall'Alberta
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fraser Edwards, questa volta non ci siamo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Helios, nuova band con Tim Aymar
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Phoebus The Knight, un progetto che stenta a decollare
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Destral, una vera gemma dalla Spagna
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla