A+ A A-
 

Warmblood: Ottimo disco. Warmblood: Ottimo disco. Hot

Warmblood: Ottimo disco.

recensioni

titolo
God of Zombies
etichetta
Punishment 18 Records
Anno

Line-Up:
Elena Carnevali     Drums
Giancarlo Capra     Guitars, Vocals
Davide Mazzoletti     Guitars

Track-List:
1. Intro (Zombie Genesi)          
2. Post Mortem Transfiguration          
3. Contagium Escalation          
4. Eucharist Dead Flesh          
5. Unfaithful Celebrant          
6. God of Zombies          
7. Replaced by Death          
8. Culmination of Final Transformation          
9. Zombinferno          
10. Ite Missa Est

opinioni autore

 
Warmblood: Ottimo disco. 2014-10-27 17:16:37 mario
voto 
 
3.5
Opinione inserita da mario    27 Ottobre, 2014
Ultimo aggiornamento: 27 Ottobre, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Che bel pugno in pancia!
I death metallers nostrani Warmblood, sotto la Punishment 18 Records, con questo terzo disco, pubblicato in dodici anni di attività, si sono confermati una delle band più interessanti del panorama underground italiano. "God of Zombies" non viene di certo a offrirci novità, ma tante, tante mazzate di pura qualità. E lo si può intuire dando un'occhiata all'orribilante artwork che gli Warmblood non sono certo una band che vuole scherzare con la propria musica, caratteristica questa di ogni death metal band degna di rispetto. Una scaletta di brani davvero devastante, che nella sua classicità risulta davvero fantastica.

Si tratta di un technical death metal tanto classico, quanto trascinante ed ispirato, con delle canzoni davvero spaccacollo e senza punti deboli. Il lavoro dei due chitarristi Giancarlo Capra e Davide Mazzoletti è davvero distruttivo, mai banale o scontato, sempre vario e eleborato. Anche da sottolineare degli assoli decisamente grandiosi, messi perfettamente nelle tracce. Anche il drumming di Elena Carnevali è ottimo, potente, rapido e vario. Ho apprezzato molto anche il growl di Giancarlo Capra, che mi ha ricordato parecchio quello di Frank Mullen dei leggendari Suffocation. Le varie influenze da band come Suffocation e Death si sentono, ma non fanno altro che migliorare il risultato: lo dimostrano canzoni come Unfaithful Celebrant, forse la mia preferita di tutto il lavoro, oppure Post Mortem Transfiguration, che, oltre ad avere una grandiosa sezione ritmica, coinvolgono molto l'ascoltatore, con un risultato che è decisamente più che positivo.

L'unico appunto che ho da fare sono un paio di brani che ho trovato un po' sottotono, tra i quali stranamente la title-track che di solito in un album è spesso la canzone più significativa; nulla di grave comunque, perchè il resto sono tutte ottime composizioni, di un gruppo maturo che avevo decisamente sbagliato ad ignorare in passato ed ora sono sicuro che andrò ad ascoltarmi i due precedenti dischi, rispettivamente intitolati "Necrocosmos Destination" e "Timor Mortis".

Insomma, "God Of Zombies" non è perfetto, come ho gia detto ha un paio di brani non eccelsi, ma è un gran bel disco, probabilmente tra i migliori nell'ambito death metal di quest'anno. Dato che, come detto, non ho ascoltato i due precedenti lavori del gruppo, non posso affermare che questo sia il loro migliore, ma sono sicuro che possa eguagliarne e, forse, anche superarne la bellezza. L'ascolto è decisamente consigliato, quindi affrettatevi ad ascoltarlo e/o procurarvelo; ne vale davvero la pena!

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Orgg - In "Dimonios", il grido dei caduti dimenticati!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'Australia i Writhing con il loro ottimo Death Metal ispirato dall'Angelo Morboso
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i fans del più classico US Death Metal, il secondo album degli Orthodoxy
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alestorm: meno sperimentazioni e più sostanza
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Invaders: Spanish attack!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Kaledon, il settimo capitolo della "Legend of the Forgotten Reign"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un EP piuttosto inutile per la one man band Foul Body Autopsy
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ostinazione a rinnegare la personalità: debutto per gli Stormbound
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Blood Of Indigo: non sempre esagerare porta buoni risultati
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andy Gillion: un disco strumentale dedicato ai videogiochi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Daniele Liverani: un disco (parzialmente) diverso dal solito
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dekta: dalla Spagna con un Metal aggressivo e moderno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla