A+ A A-
 

Altro bel disco made in Italy Altro bel disco made in Italy Hot

Altro bel disco made in Italy

recensioni

titolo
What remains of the day
etichetta
Revalve Records
Anno

Tracklist:

  1. INTRO
  2. PANDORA
  3. THE BATTLE OF MARDUK AND TIAMAT
  4. VON BRAUN
  5. CHILDREN OF THE KING
  6. SANDY'S FLIGHT
  7. RAISING SOUL
  8. WHAT REMAINS OF THE DAY
  9. ENDLESS SKY
  10. SECULAR COMEDY
  11. VON BRAUN (ITALIAN VERSION - BONUS TRACK)

opinioni autore

 
Altro bel disco made in Italy 2012-07-10 22:03:44 Celestial Dream
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Celestial Dream    10 Luglio, 2012
Ultimo aggiornamento: 12 Luglio, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Anche nel metal si seguono un po' le mode: senza andare troppo indietro nel tempo, mi viene in mente l'exploit del Black negli anni '90, prima che scoppiasse il Power; il boom del Pagan-Folk che ancora deve fermarsi, fino ad ora dove siamo quasi “invasi” da bands con il cantato femminile. Niente di preoccupante visto che tra decine e decine di questi gruppi come sempre c'è chi sa farsi largo con dischi che si fanno apprezzare. Una "moda" che sta colpendo anche l'Italia che solo in questi primi mesi del 2012 ha visto uscire dischi molto interessanti (mi vengono in mente quelli di Evenoire e Teodasia) come è "What remains of the day" dei Souls of Diotima. Non ho molte informazioni su di loro, ma arrivano da Sassari e questo che vado a recensire è il loro secondo disco, anche se il debutto mi era passato del tutto inosservato.

A differenza di molte bands che decidono di seguire il lato più Gothic prendendo come spunto la scuola Olandese di The Gathering e Within temptation, il combo Sardo già dalla bellissima Pandora fa capire che ci troviamo di fronte ad un disco con pochi fronzoli ma con qualche venatura prog. I Souls of Diotima pur dimostrando, come è normale, di prendere ispirazione qua e là, riescono a distinguersi, presentando una proposta vincente che punta, in maniera positiva, sulla semplicità dei pezzi, che riescono spesso a colpire già dal primo ascolto. Nessuna orchestrazione esagerata, nessuna influenza estrema come è di moda con voci growl alla Epica (fatta eccezione della title track), nessun pezzo depressivo da tagliarsi le vene. Sono le melodie quindi a farla da padrone, e pezzi come la già citata Pandora o la bellissima Von Braun, brano più cadenzato presente anche come bonus track nella versione fantastica cantata in Italiano (che addirittura preferisco), sono momenti notevoli e degni di bands molto più blasonate. Non sono da meno la melodicissima Sandy's flight, la più progressiva Title track e Rising soul che presenta anch'essa una parte cantata in lingua madre, mossa decisamente indovinata.

“What remains of the day” è un disco positivo che spero possa essere supportato da una serie di date live in modo che i Souls of Diotima possano ricevere la giusta notorietà che gli spetta. La valutazione che leggerete è un 3,5 che si avvicina molto al 4, che sicuramente meriteranno con il prossimo album. Bravi ragazzi, la strada è quella giusta!

Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Theragon, ancora una prova più che valida!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Traveler, Speed Metal senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fathomless Ritual: i veri eredi spirituali dei Demilich
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I tanti fans del Doom/Death melodico non dovranno farsi scappare i Counting Hours
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre su livelli discreti anche questo terzo album dei Surgery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album più maturo e complesso per gli irlandesi Vircolac
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ember Belladonna, un debutto fin troppo poco Metal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal melodico: debutto per gli Attractive Chaos
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gengis Khan: epica cavalcata
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Asidie presentano un album introspettivo e profondamente umano in chiave Doom
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"The Serpent's Cycle" degli Hyperia : aggressività, potenza e melodia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
No One Alive, un gruppo da tenere d'occhio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla