A+ A A-
 

Secondo album per i Dust Bolt Secondo album per i Dust Bolt Hot

Secondo album per i Dust Bolt

recensioni

gruppo
titolo
Awake The Riot
etichetta
Napalm Records
Anno

Line-Up:
Bene M.     Bass, Vocals (backing)
Nico R.     Drums
Flo D.             Guitars
Lenny B.     Vocals, Guitars

Track-List:
1.     Living Hell          
2.     Soul Erazor      
3.     Beneath the Earth          
4.     You Lost Sight          
5.     Agent Thrash    
6.     Living a Lie      
7.     Awake the Riot - The Final War 
8.     Eternal Waste    
9.     Drowned in Blind Faith      
10.     Worlds Built to Deceive 
11.     The Monotonous - Distant Scream      
12.     Future Shock (Evil Dead Cover)

opinioni autore

 
Secondo album per i Dust Bolt 2014-07-07 19:34:17 mario
voto 
 
2.5
Opinione inserita da mario    07 Luglio, 2014
Ultimo aggiornamento: 07 Luglio, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Secondo album per i thrashers tedeschi Dust Bolt, dal titolo "Awake The Riot", dopo soltanto un paio di anni dal debutto "Violent Demolition", che offriva una proposta fresca di thrash metal bello potente, pur avendo una produzione non eccelsa. Di certo non era un disco miracoloso, ma molto, molto gradevole da ascoltare. In questa nuova release il gruppo non ha cambiato il proprio stile per nulla, c'è da dire però che è la qualità ad essersi abbassata; il debutto era vario e trascinante, molto divertente e si lasciava tranquillamente ascoltare per passare bene il tempo. E, di sicuro, durante i concerti, avrà causato grandi stragi.
Invece questo "Awake The Riot" è un album che segue troppo i soliti canoni, con le solite ritmiche ammuffite e che sanno di (troppo) vecchio. Non voglio dire che il precedente fosse un album originale e rivoluzionario, anzi, anche lì il riffing non è che fosse così innovativo, ma qui si raschia il limite!
Però, fortunatamente, non è tutto da buttare. Ci sono dei buoni spunti, anche se sono sommersi da tanta altra roba mediocre. Un esempio è la sesta canzone, "Living A Lie" che, anche se parte con un riff decisamente scontato, migliora altamente grazie a dei buoni riffs e melodie. Un'altra buona song è l'iniziale "Living Hell", la quale, anche se a mio parere è un po' lunga, risulta buona e non ha nulla che non vada, mostrando di essere decisamente tra i punti più alti dell'album. Di buono c'è anche da evidenziare la cover finale di "Future Shock" degli storici thrashers anni '80 Evil Dead.

Un'altra cosa da sottolineare è la monotonia e lunghezza di alcune canzoni. Ad esempio, la penultima canzone "The Monotonous - Distant Screamer" è una traccia di una noia disarmante. 7 minuti che sembrano non finire mai, con delle ritmiche banali e quasi fastidiose. C'è però da evidenziare che si può ascoltare un ottimo assolo nel centro del pezzo.

Si tratta, insomma, di un album troppo lungo; a mio parere, se la maggior parte delle songs fossero state più corte, di sicuro sarebbe risultato un lavoro più convincente. Ma purtroppo così non è stato.

"Awake The Riot" non è un album pessimo, come detto ci sono dei buoni spunti, ma nel complesso non è riuscito a convincermi e si tratta di un bel passo indietro rispetto al debutto, che dimostrava come i Dust Bolt fossero superiori a molte bands fotocopia del genere. Fatelo vostro solo se il precedente disco vi ha fatto impazzire ed, ovviamente, non prima di aver dato un ascolto.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Rebel Priest: buona l'energia, ma non la produzione.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vis Mystica: la passione per Guerre Stellari ed il "Jedi Metal"
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Si spostano su lidi sinfonici con un secondo disco spettacolare gli spagnoli Bonecarver
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Settimo album per gli Ingested
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gran bel debut album per i tedesco-spagnoli Jade
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sufficienza piena per i Defying Plague al loro debutto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Opus Arise, Symphonic Metal strumentale dal Canada
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Distance of Thought, un buon debut album
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Conor Brouwer’s Call of Eternity, una nuova metal opera dall'Olanda
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'altra interessante realta caraibica: gli Omnifariam
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Black Ancestry: Black Metal vecchio stampo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Neptune, direttamente dagli anni '80
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla