A+ A A-
 

Disco piacevole, ma non entusiasmante, per i Killface Disco piacevole, ma non entusiasmante, per i Killface Hot

Disco piacevole, ma non entusiasmante, per i Killface

recensioni

gruppo
titolo
Feeding The Dead
Anno

opinioni autore

 
Disco piacevole, ma non entusiasmante, per i Killface 2014-02-05 19:31:53 mario
voto 
 
3.0
Opinione inserita da mario    05 Febbraio, 2014
Ultimo aggiornamento: 05 Febbraio, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Killface sono un nuovo gruppo che debutta quest'anno con questo album intitolato 'Feeding The Dead'. Si tratta di un semplice e classico sound Death/Thrash, come gia tante altre bands avevano offerto negli anni passati, ma si deve dire che i Killface hanno saputo suonare bene senza cadere nel mediocre, tutt'altro la loro formula semplice risulta abbastanza, se non molto, convincente. Supportato da una copertina orribile che fa subito presagire che si sta per andare ad ascoltare qualcosa di non "delicato", l'album è stato fatto come si deve, con risultati non eccezionali ma comunque abbastanza piacevoli.

La band dimostra ovviamente una passione fedellisima al death/thrash più brutale. La prima traccia 'Meatgrinder' è un brano distruttivo e coinvolgente, composto da un songwriting vario e di presa; probabilmente si tratta di una delle migliori canzoni del disco.
A continuare si trova 'What's Your Pleasure' che è davvero una canzone da craniata sul muro: songwriting tanto semplice ma altrettanto efficace, con batteria e riffs distruttivi ed un growl gutturale
che sicuramente faranno scatenare il pogo durante i concerti. Una delle migliori dell'album senza alcun dubbio. Si prosegue con 'Murderes', un'altra song semplice, distruttiva e coinvolgente. Dopo di che l'album prosegue deciso e diretto, senza intoppi, con altre tracks spaccaossa come 'Disaster's End' e 'Seduction'. L'album però presenta anche un paio di canzoni abbastanza pesanti e noiose, come ad esempio 'Gutless Scummy Cannibals', in cui la formula semplice diventa un po' meno ispirata e abbastanza scontata, facendo risultare i pezzi poco interessanti.
L'album finisce comunque abbastanza bene con la title track, 'Feeding The Dead', probabilmente la traccia più brutale dell'album, semplice, compatta e distruttiva.

Tirando le somme, l'album è riuscito, compatto e senza troppi intoppi (anche se comunque non ne risulta privo). Un lavoro brutale e marcio che di sicuro farà scapocciare gli appassionati del settore ed i fans della band, anche se non credo potrà far gridare al miracolo nessuno. Non può meritarsi più di una sufficenza perchè effettivamente non è particolarmente originale, né eccezionale ma se la guadagna perchè, rispetto a molti altri albums di bands del genere degli ultimi anni, è sicuramente più travolgente e interessante. Insomma, prendere o lasciare....

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Noturnall: quando la complessità non aiuta
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sorprende in maniera positiva il primo studio album dei Progeny of Sun
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Savage Blood, nella tradizione del Power teutonico
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Six Foot Six: un disco di ottima qualità
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dimmu Borgir: wish you a merry Black Christmas
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con "Foreordained" i Phobocosm entrano nello stretto novero dei grandi
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un mix di vecchia scuola e modernità nel debut album dei Plague of the Fallen
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Carna: una nuova band dalla Città Eterna
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Secondo EP in due anni: i Void Below si preparano il terreno
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Master Dy, un EP discreto lascia ben sperare per il futuro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wyv85: presente e passato di una formazione storica italiana
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ignited: del buon heavy metal ispirato ai maestri del passato
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla