A+ A A-
 

Album deludente dagli Amok Album deludente dagli Amok Hot

Album deludente dagli Amok

recensioni

gruppo
titolo
Somewhere In The West
etichetta
Witches Brew
Anno

Track-List:
1. 1885     01:37      
2. Somewhere in the West     05:28      
3. No Faith     04:39      
4. Creature of Habit     07:01      
5. Lawbreakers     04:33      
6. Uprise     07:28      
7. Cover Your Tracks     06:03      
8. Sixty-Eight     06:12      
9. Make Time to Kill Time     04:09      
10. Lost Generation     06:23      

Line-Up:
Stephen Matulevicze     Vocals
Calum Henderson     Guitars
Greg Corlett     Guitars
Keith Henderson     Bass
Matt Storry     Drums

opinioni autore

 
Album deludente dagli Amok 2014-02-04 20:16:50 mario
voto 
 
2.0
Opinione inserita da mario    04 Febbraio, 2014
Ultimo aggiornamento: 05 Febbraio, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Amok tornano dopo ben cinque anni dal convincente "Downhill Without Brakes" con la loro nuova release "Somewhere In The West". Il genere suonato dalla band è thrash metal classico ed il suo primo
disco, pur non essendo pieno di idee grandiose, era un buon esempio di questo genere musicale. Purtroppo però questo nuovo album sembra aver fatto perdere al gruppo la freschezza che aveva; sembra abbia voluto copiare a tutti i costi i Testament e le idee sono decisamente poche poche.

"Somewhere In The West", infatti, è il solito disco gia sentito e privo dell'energia che serve. Inoltre presenta delle canzoni che vanno oltre i sei minuti e che risultano difficili da digerire e di certo non invogliano l'ascolto. Molti dei riffs son davvero troppo riciclati dai primi dischi dei Testament e non solo, comunque la band che ha in maniera più evidente "influenzato" gli Amok è decisamente quella di Chuck Billy e soci.
Però non tutto è da buttare: un esempio ne è la canzone "Uprise", che è diciamo la canzone che presenta sia i difetti sia i pregi di questo album, dato che a tratti è scontata e noiosa mentre in altri momenti presenta davvero delle belle idee. Purtroppo però più dell'80% del lavoro non è stato fatto con la giusta voglia e ispirazione e, pur essendoci un buon lavoro di batteria, basso e voce, il tutto non è soddisfacente. Ed è un vero peccato, perchè come ho gia detto il loro debutto era davvero carico ed ispirato, questo "Somewhere in The West" però non è quello che ci saremmo potuti attendere. Certo, come detto, non è del tutto da buttare, ma è comunque un enorme passo indietro, sembra quasi come se gli Amok avessero fatto questo disco giusto per accontentare i fans che vogliono sonorità old school e senza impegnarsi. Speriamo davvero che al più presto ritrovino l'energia e l'ispirazione che avevano nel debutto.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Theragon, ancora una prova più che valida!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Traveler, Speed Metal senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fathomless Ritual: i veri eredi spirituali dei Demilich
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I tanti fans del Doom/Death melodico non dovranno farsi scappare i Counting Hours
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre su livelli discreti anche questo terzo album dei Surgery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album più maturo e complesso per gli irlandesi Vircolac
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ember Belladonna, un debutto fin troppo poco Metal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal melodico: debutto per gli Attractive Chaos
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gengis Khan: epica cavalcata
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Asidie presentano un album introspettivo e profondamente umano in chiave Doom
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"The Serpent's Cycle" degli Hyperia : aggressività, potenza e melodia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
No One Alive, un gruppo da tenere d'occhio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla