A+ A A-
 

Un grande album per gli Hammercult Un grande album per gli Hammercult Hot

Un grande album per gli Hammercult

recensioni

titolo
Steelcrusher
etichetta
SPV GmbH
Anno

Track-List:
1.     Hymn to the Steel      
2.     Steelcrusher    
3.     Metal Rules Tonight          
4.     Into Hell    
5.     We Are the People           
6.     Burning the Road          
7.     Ironbound    
8.     Unholy Art      
9.     Satanic Lust      
10.     Liar     02:57      
11.     Damnation Arise          
12.     Heading for War          
13.     In the Name of the Fallen

Line-Up:
Elad Manor     Bass
Maayan Henik     Drums
Arie Aranovich     Guitars
Yakir Shochat     Vocals
Guy Ben David     Guitars

opinioni autore

 
Un grande album per gli Hammercult 2014-01-28 19:22:32 mario
voto 
 
4.0
Opinione inserita da mario    28 Gennaio, 2014
Ultimo aggiornamento: 28 Gennaio, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Hammercult sono tornati, dopo solo due anni dal loro debutto "Anthems of The Undead", con il nuovo fantistico disco "Steelcrusher".
Per chi non conosce il loro suond, gli Hammercult suonano un thrash metal brutale e martellante, ma per nulla derivativo, una vera mazzata di potenza ed energia che non lascia attimi di respiro. Già il loro debutto "Anthems of The Undead" era un buon disco, in cui però avevo riscontrato qualche difetto un po' fastidioso; questa volta invece davvero si sono superati.

"Steelcrusher" è un'incredibile macchina da guerra, un'esplosione di potenza distruttiva che non credo proprio potrà risultare una delusione per gli ascoltatori.
Il sound della band è ancora quello, ma in questo disco è più ispirato che mai. 13 canzoni (12 se togliamo la solita intro) davvero devastanti, composte con un songwriting davvero vario, coinvolgente e per nulla derivato. Vi basti ascoltare canzoni come "Metal Rules Tonigh" o la title track "Steelcrusher", che sono davvero esplosive e distruttive. Riffs spaccaossa e sempre azzeccati, batteria molto potente, basso sempre presente e assoli dirompenti, tutto è stato fatto alla perfezione senza alcun momento sottotono.

Non c'è davvero nemmeno una canzone debole; tutto il disco è una mazzata con tracce allo stesso livello: semplicemente ottimo. Ma comunque, se devo citare quelle che ho preferito, consiglio la già citata "Metal Rules Tonight", "We Are The People" ed "Unholy Art".

In conclusione "Steelcrusher", oltre ad avere una copertina molto invitante, è davvero un album di metal estremo imperdibile per ogni metallaro. Un vero disco coinvolgente, affascinante, brutale ma anche divertente da ascoltare. Gli Hammercult già avevano dimostrato di essere una band che fa sul serio, qua si sono proprio scatenati al massimo. Una grande release senza alcun dubbio; sconsigliata se siete deboli di cuore...

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Theragon, ancora una prova più che valida!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Traveler, Speed Metal senza infamia e senza lode
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fathomless Ritual: i veri eredi spirituali dei Demilich
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I tanti fans del Doom/Death melodico non dovranno farsi scappare i Counting Hours
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sempre su livelli discreti anche questo terzo album dei Surgery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un secondo album più maturo e complesso per gli irlandesi Vircolac
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Ember Belladonna, un debutto fin troppo poco Metal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal melodico: debutto per gli Attractive Chaos
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gengis Khan: epica cavalcata
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Asidie presentano un album introspettivo e profondamente umano in chiave Doom
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"The Serpent's Cycle" degli Hyperia : aggressività, potenza e melodia
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
No One Alive, un gruppo da tenere d'occhio!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla