A+ A A-
 

Una fiamma dal passato: gli Hellbutcher Una fiamma dal passato: gli Hellbutcher Hot

Una fiamma dal passato: gli Hellbutcher

recensioni

titolo
"Hellbutcher"
etichetta
Metal Blade Records
Anno

LINE UP:
Hellbutcher - voce
Necrophiliac - chitarre
Iron Beast - chitarre
Eld - basso
Devastator - batteria

TRACKLIST:
1. The Sword of Wrath =VIDEO UFFICIALE=
2. Perdition
3. Violent Destruction
4. Hordes of the Horned God =VIDEO UFFICIALE=
5. Death's Rider
6. Possessed by the Devil's Flames
7. Satan's Power
8. Inferno's Rage =VIDEO UFFICIALE=

opinioni autore

 
Una fiamma dal passato: gli Hellbutcher 2024-07-08 18:51:13 Ivan Bologna
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Ivan Bologna    08 Luglio, 2024
Ultimo aggiornamento: 09 Luglio, 2024
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un percorso iniziato nel 1990 e conclusosi nel 2022 quello dei Nifelheim di Per “Hellbutcher” Gustavsson. Un percorso portato avanti attraverso la perfetta simbiosi tra elementi caratterizzanti del Black e del Thrash Metal. Un percorso che evidentemente non aveva ancora raggiunto la sua meta, visto che Per, dopo aver coinvolto membri di assoluto rispetto e valore, torna prepotentemente sulle scene con una nuova creatura rispondente al nome di Hellbutcher. L’omonimo album che ne è venuto fuori, gode dunque del miglior compromesso tra il Thrash di scuola teutonica anni '80/'90 e il Black più velenoso e pestifero, nonché di una formazione che rende efficace ogni momento di “Hellbutcher”: alle chitarre abbiamo Necrophiliac (Mordant) e Iron Beast (Unleashed, ex-Necrophobic), al basso Eld (Gaahls Wyrd) ed alla batteria Devastator (Bloodbath, ex-Opeth). Si inizia con “The Sword of Wrath”, che dopo un’intro molto evocativa ci catapulta nelle atmosfere che caratterizzeranno più o meno tutto il lavoro: uno strepitoso gusto melodico al servizio di un assalto sonoro sempre efficace ed accattivante. Le successive “Perdition” e “Violent Destruction” emozioneranno i più nostalgici, questi due brani, infatti, incarnano appieno l’attitudine che ha reso seminali Venom e Kreator. Uno dei momenti più oscuri, soprattutto nel ritornello, ce lo regala “Hordes of the Horned God”, brano arricchito da episodi solistici dal raffinato gusto Heavy Metal. “Death’s Rider” è una corsa in moto lungo una delle strade più tetre e malsane dell’intero album, anche qui la fusione tra Heavy Metal classico, Thrash e Black è assolutamente perfetta, in alcuni episodi del brano, ho addirittura pensato ai Grave Digger. Il pezzo in cui invece brucia con più efficacia la fiamma del Black Metal è sicuramente la conclusiva “Inferno’s Rage”. “Hellbutcher” è sicuramente un album che non spiazzerà nessuno. Tutte le soluzioni, soprattutto per chi ascolta questo genere da trent'anni, sono sentite e risentite, ma bisogna ammettere che la qualità di cui è intriso, lo rende un ascolto obbligato per chi adora il metallo in tutte le sue variegate sfaccettature.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Disloyal: quinto album per i deathsters polacchi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Octoploid: la perfetta fusione tra Progressive Death e Prog/Psychedelic Rock settantiano
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Blast Wave: possono fare di più e meglio
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Verikalpa: Folk Metal "only for fans"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
 Visions of Atlantis, la classe del Symphonic Metal in "Pirates II - Armada"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Requiem’s Embrace, un EP di debutto che lascia intravedere qualcosa...
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dyscordia, un altro gruppo di talento costretto all'autoproduzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il Gothic degli Inver: discreto ma acerbo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trog: primo album per i deathsters del New Jersey
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nyktophobia: un quarto album in cui viene data maggiore importanza alle atmosfere
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Doncryus: esordio per i puri defenders!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Philosophy Of Evil, la follia in musica
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla