A+ A A-
 

Within Temptation, la magia on stage di "Worlds Collide Tour - Live in Amsterdam" Within Temptation, la magia on stage di "Worlds Collide Tour - Live in Amsterdam"

Within Temptation, la magia on stage di "Worlds Collide Tour - Live in Amsterdam"

recensioni

titolo
Worlds Collide Tour - Live in Amsterdam
etichetta
Force Music Recordings
Anno

TRACKLIST:
1. Our Solemn Hour
2. Faster =LIVE VIDEO UFFICIALE=
3. Paradise (What About Us?)
4. Stand My Ground
5. Angels
4. Iron
5. Raise Your Banner
6. Entertain You
7. The Reckoning (Feat. Amy Lee) =LIVE VIDEO UFFICIALE=
8. Supernova
9. Don’t Pray For Me
10. All I Need
11. Ice Queen
12. Mother Earth

LINE UP:
Sharon den Adel - Voce
Stefan Helleblad - Chitarre
Robert Westerholt -   Chitarre
Jeroen van Veen -  Basso
Martijn Spierenburg - Tastiere
Mike Coolen - Batteria 

opinioni autore

 
Within Temptation, la magia on stage di "Worlds Collide Tour - Live in Amsterdam" 2024-07-06 09:13:05 Valeria Campagnale
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Valeria Campagnale    06 Luglio, 2024
Ultimo aggiornamento: 06 Luglio, 2024
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Within Temptation sono una realtà importante della scena Symphonic Metal mondiale; dopo il recente tour mondiale, hanno pubblicato la registrazione dal vivo del loro concerto ad Amsterdam allo Ziggo Dome, un live intenso che propone i brani della longeva carriera della band. “Worlds Collide Tour - Live in Amsterdam” è stato pubblicato in versione LP, CD e DVD - insieme a un artbook di 64 pagine - per l’etichetta Force Music Recordings. L’atmosfera Steampunk, con la trasmissione di Winston Churchill e gli echi dell'occupazione nazista della Francia nel 1940, creano un’atmosfera cupa e minacciosa che sfocia con l’inizio del concerto in modo solenne tra la folla in visibilio con il brano “Our Solemn Hour”, che mostra una meravigliosa Sharon den Adel incoronata. Grande inizio per questa band che mostra tutta la sua energia già solo all’inizio di questo show. Con la seguente “Faster” continua lo spettacolo in modo ampiamente vigoroso, bellissime le linee di basso Jeroen van Veen, esattamente come se fosse una registrazione in studio; la band, dall’alto di una esperienza trentennale, non sbaglia un colpo e continua questo spettacolo emozionante. Coinvolgendo il pubblico, “Paradise (What About Us?)” è un altro brano che, oltre ad essermi sempre piaciuto, riesce a unire la band con la sua audience quasi fossero in simbiosi. Dopo una pausa di riflessione su ciò che accade nel mondo, Sharon ci regala un’altra emozionante performance con “Stand Your Ground”, mentre con “Angels” la cantante è come se si trasformasse in una fenice, rendendo il brano un qualcosa di emozionante e toccante. Seguono le altrettanto coinvolgenti “Iron”, “Raise Your Banner” e “Entertain You” in cui i Within Temptation risultano dei veri professionisti impeccabili. Con “The Reckoning”, sale sul palco Amy Lee degli Evanescence per un duetto fantastico con Sharon den Adel, un altro dei momenti coinvolgenti in cui emozionarsi è davvero semplice. Bellissimi i loro cori, due voci risplendenti in un unico momento. “Supernova” è un pezzo molto toccante, dedicato al defunto padre di Sharon, che trasporta il pubblico in un feeling intimista. Si prosegue con il ‘poker d’assi’ “Don’t Pray For Me”, “All I Need”, “Ice Queen” e “Mother Earth”, per continuare questo viaggio emozionale, in particolare con la bellissima “Ice Queen”, tra cori, melodie e l’energia che scaturisce dalla band. Magiche le tastiere di Martijn Spierenburg, grandi riff scaturiti dai chitarristi Stefan Helleblad, Robert Westerholt e fenomenale Mike Coolen alla batteria. “Worlds Collide Tour - Live in Amsterdam” è un live poetico e feroce allo stesso tempo, energetico e spirituale che mostra quanto potenti siano i Within Temptation.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Disloyal: quinto album per i deathsters polacchi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Octoploid: la perfetta fusione tra Progressive Death e Prog/Psychedelic Rock settantiano
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Blast Wave: possono fare di più e meglio
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Verikalpa: Folk Metal "only for fans"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
 Visions of Atlantis, la classe del Symphonic Metal in "Pirates II - Armada"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Requiem’s Embrace, un EP di debutto che lascia intravedere qualcosa...
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dyscordia, un altro gruppo di talento costretto all'autoproduzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il Gothic degli Inver: discreto ma acerbo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trog: primo album per i deathsters del New Jersey
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nyktophobia: un quarto album in cui viene data maggiore importanza alle atmosfere
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Doncryus: esordio per i puri defenders!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Philosophy Of Evil, la follia in musica
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla