A+ A A-
 

Release the Titans, dalle ceneri dei Guardians of Time Release the Titans, dalle ceneri dei Guardians of Time Hot

Release the Titans, dalle ceneri dei Guardians of Time

recensioni

titolo
"Odyssey"
etichetta
Autoproduzione
Anno

TRACKLIST:

01-Dawning of man = LYRIC VIDEO =

02-World ablaze = LYRIC VIDEO =

03-Exodus = LYRIC VIDEO =

04-Sole survivor = LYRIC VIDEO =

05-God of war = LYRIC VIDEO =

06-Sea of tranquility = LYRIC VIDEO =

07-Horizons beyond = LYRIC VIDEO =

08-Cryosleep = VISUALIZER =

09-Cygnys-X1 = LYRIC VIDEO =

10-Into the unknown = LYRIC VIDEO =

 

 

Formazione:

Iben Solberg - Basso

Geir Øivind Vågane - Batteria

Sebastian Madsen - Chitarra

Pål Olsen – Voce/Chitarra

opinioni autore

 
Release the Titans, dalle ceneri dei Guardians of Time 2024-06-30 09:38:52 Ninni Cangiano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    30 Giugno, 2024
Ultimo aggiornamento: 30 Giugno, 2024
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Preannunciato da una serie di singoli usciti tra il 2022 ed il 2023 (praticamente tutti i pezzi della tracklist!), arriva il momento di mettere tutto assieme ed autoprodurre il full-length di debutto per i norvegesi Release the Titans, con questo “Odyssey”. Il disco è composto da dieci pezzi per una durata totale di circa 42 minuti e mezzo, ha un artwork molto piacevole ed è un concept album che segue la storia dell’ultimo essere umano rimasto sulla Terra, ormai devastata dall’inquinamento ambientale e dalle guerre, un concept che vorrebbe spingerci a riflettere sulle nostre scelte per un futuro migliore. La band nasce dalle ceneri dei Guardians of Time, sciolti nel 2021, con il chitarrista Pål Olsen che ha deciso di dare vita a questo progetto, iniziato come one man band; è stato infatti lui a realizzare l’album e reclutare gli altri membri, al fine di portarlo on stage. Ma cosa suonano i Release the Titans? Il loro è un Power Metal ispirato alla scuola classica scandinava, con una notevole attenzione per le parti melodiche e con un’orecchiabilità non indifferente. Non ci addentriamo nelle sabbie mobili dell’originalità e dell’innovazione perché non sono termini che rientrano nel vocabolario di Olsen & C.; loro suonano la musica che amano, incuranti di mode e tendenze ed a noi sta bene esattamente così! Già, perché i vari ascolti dati a questo “Odyssey” sono sempre stati piacevoli, anche se forse manca quella hit che da sola vale l’acquisto dei files sulle varie piattaforme digitali (purtroppo al momento non è prevista una stampa su CD); canzoni piacevoli comunque ce ne sono parecchie, dall’opener “Dawning of man”, passando per "God of War" o “Horizons beyond”, fino alla conclusiva “Into the unknown”. Molto buono il songwriting, con pezzi efficaci che non hanno minutaggi eccessivi e non si perdono in inutili prolissità. Non mi ha conquistato particolarmente lo stile del leader dietro il microfono; sia chiaro, non è assolutamente male come cantante ma, pur nella consapevolezza che c’è molto di peggio in giro, bisogna essere anche onesti nell’affermare che c’è anche di meglio, soprattutto a livello di espressività e potenza canora caratteristiche che, in un genere come il Power Metal, sono importanti. Magari, con il prosieguo della carriera che auguriamo ai Release the Titans, si potrà incontrare anche un cantante più talentuoso che possa contribuire a far uscire il gruppo norvegese dall’underground e strappare anche un contratto a qualche attenta label; il talento non manca loro e questo “Odyssey” costituisce un debut album di tutto rispetto!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Disloyal: quinto album per i deathsters polacchi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Octoploid: la perfetta fusione tra Progressive Death e Prog/Psychedelic Rock settantiano
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Blast Wave: possono fare di più e meglio
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Verikalpa: Folk Metal "only for fans"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
 Visions of Atlantis, la classe del Symphonic Metal in "Pirates II - Armada"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Requiem’s Embrace, un EP di debutto che lascia intravedere qualcosa...
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dyscordia, un altro gruppo di talento costretto all'autoproduzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il Gothic degli Inver: discreto ma acerbo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trog: primo album per i deathsters del New Jersey
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nyktophobia: un quarto album in cui viene data maggiore importanza alle atmosfere
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Doncryus: esordio per i puri defenders!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Philosophy Of Evil, la follia in musica
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla