A+ A A-
 

Ethereal Flames, un debut album promettente Ethereal Flames, un debut album promettente Hot

Ethereal Flames, un debut album promettente

recensioni

titolo
“Myths and legends of our land”
etichetta
Sliptrick Records
Anno

TRACKLIST:
1. Desperate girl
2. The holy house =LYRIC VIDEO=
3. Metauro's battle
4. Restless knight =LYRIC VIDEO=
5. The witch of Farneta
6. Two sad lovers
7. The Queen Sibilla
8. Pilato's lake

LINE UP:
Alessandro Binotti – voce, chitarre
Andrea Palmieri – chitarre
Matteo Brillarelli – basso
Thomas Mencarelli – batteria

opinioni autore

 
Ethereal Flames, un debut album promettente 2024-06-15 08:49:06 Ninni Cangiano
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Ninni Cangiano    15 Giugno, 2024
Ultimo aggiornamento: 15 Giugno, 2024
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli Ethereal Flames si sono formati di recente nelle Marche ed arrivano al loro debut album a fine aprile 2024, con questo “Myths and legends of our land”, grazie alla lituana Sliptrick Records. Il full-length, dotato di artwork molto bello, è composto da otto tracce per nemmeno 40 minuti di durata, segno che il songwriting è bello conciso ed efficace, senza perdersi in inutili ammennicoli. I testi fanno riferimento ad eventi storici e leggende del nostro Paese, dalla battaglia del Metauro tra romani e cartaginesi, alla tragica storia di Laura di Farneta ingiustamente accusata di essere una strega, passando per la figura mitologica della Sibilla o per il marchigiano Lago di Pilato raccontato da Fazio degli Uberti ne “Il Dittamondo”. Ma veniamo alla musica. Non conoscendo nulla del gruppo, mi sono incuriosito dalla presentazione che paragona il gruppo maceratese ai Powerwolf; detta sinceramente, ho trovato molto, ma molto poco della band di Attila Dorn (forse solo nella solenne “The Queen Sibilla”), mentre credo che la maggiore similitudine sia con i Grave Digger e, soprattutto, con i loro emuli Rebellion, anche per la somiglianza dello stile canoro di Alessandro Binotti con quello di Michael Seifert. Ecco, il singer è quello che sposta gli equilibri ed in questo disco non sempre lo fa in positivo; se il suo stile può essere una sorta di incrocio tra Michael Seifert e Lore dei Folkstone, convince molto di più quando canta in maniera pulita ed esagera un po’ troppo quando si avventura in vocals estreme; la canzone “Metauro’s battle” (aperta da tastiere che fanno pensare al maestro Simonetti) è emblematica in tal senso, con il vocalist che alterna i vari stili, risultando convincente in alcuni e fuori dalle righe nei momenti più estremi. Sarei curioso di ascoltare la musica degli Ethereal Flames con un cantante differente, magari dall’impostazione pulita ed acuta, perché credo che potrebbe rendere ancora meglio di quanto già non faccia a questa maniera. Già, perché la musica della band marchigiana è davvero piacevole e si lascia ascoltare e riascoltare in maniera molto semplice, tanto che la voglia di pigiare il tasto “play” alla fine è sempre presente, anche dopo numerosi ascolti. Canzoni piacevoli ce ne sono parecchie e nessun filler o brano di livello qualitativo più basso va annotato; personalmente preferisco la romantica “Two sad lovers” (dove il singer canta senza inutili esagerazioni!) e la veloce opener “Desperate girl” (che ricorda il Power di scuola scandinava), ma sono solo preferenze date così di getto per gusti personali che, in quanto tali, restano certamente opinabili. Quel che è certo è che siamo solo al debut album di un gruppo ai primi passi, ma il talento e la passione sono evidenti; adesso non resta che aspettare gli Ethereal Flames alla prossima prova, sicuri che sapranno fare ancora meglio di quanto di positivo hanno già realizzato in questo “Myths and legends of our land”!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Disloyal: quinto album per i deathsters polacchi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Octoploid: la perfetta fusione tra Progressive Death e Prog/Psychedelic Rock settantiano
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Blast Wave: possono fare di più e meglio
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Verikalpa: Folk Metal "only for fans"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
 Visions of Atlantis, la classe del Symphonic Metal in "Pirates II - Armada"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Requiem’s Embrace, un EP di debutto che lascia intravedere qualcosa...
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dyscordia, un altro gruppo di talento costretto all'autoproduzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il Gothic degli Inver: discreto ma acerbo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trog: primo album per i deathsters del New Jersey
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nyktophobia: un quarto album in cui viene data maggiore importanza alle atmosfere
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Doncryus: esordio per i puri defenders!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Philosophy Of Evil, la follia in musica
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla