A+ A A-
 

Severe Torture: dopo tanto silenzio tornano con un gran bell'album Severe Torture: dopo tanto silenzio tornano con un gran bell'album

Severe Torture: dopo tanto silenzio tornano con un gran bell'album

recensioni

titolo
Torn from the Jaws of Death
etichetta
Season Of Mist
Anno

PROVENIENZA: Paesi Bassi 

GENERE: Death Metal 

LINE UP: 
Dennis Scheurs - voce 
Thijs van Laarhoven - chitarre 
Marvin Vriesde - chitarre 
Patrick Boleij - basso 
Damiën KerpenƟer - batteria 

TRACKLIST: 
1. The Death of Everything [04:05] =VIDEO UFFICIALE= 
2. Marked by Blood and Darkness [04:15] 
3. Hogtied in Rope [03:24] 
4. Torn from the Jaws of Death [04:28] =VIDEO UFFICIALE= 
5. Christ Immersion [03:31] 
6. Putrid Remains [04:29] 
7. The Pinnacle of Suffering [03:09] =TRACK VIDEO= 
8. Through Pain and Emptiness [03:31] 
9. Those Who Wished Me Dead [02:27]  
10. Tear All the Flesh Off the Earth [05:22] 

Running time: 38:36 

opinioni autore

 
Severe Torture: dopo tanto silenzio tornano con un gran bell'album 2024-06-07 11:44:45 Daniele Ogre
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    07 Giugno, 2024
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tra una cosa e l'altra sono passati ben quattordici anni da quello che era l'ultimo album dei Severe Torture, "Slaughtered", tant'è che c'erano non pochi dubbi sulla continuazione della band; i veterani olandesi sono però tornati alla carica un paio d'anni fa riscaldando i motori con l'EP "Fisting the Sockets" per poi tornare (finalmente!) a macinare il loro Death Metal con quello che è (solo) il loro sesto studio album: "Torn from the Jaws of Death", licenziato da Season of Mist. Uno dei punti forti dell'act di Boxtel è sempre stato quello di sapersi muovere con sagacia all'interno della scena, apportando qua e là modifiche alle proprie sonorità; sono insomma ben lontani i primi tempi in cui i Severe Torture erano sostanzialmente una versione europea dei Cannibal Corpse, ma lo stesso dicasi per le velleità più old school dl periodo medio della loro carriera. I Nostri con questa nuova fatica puntano su un approccio sì sempre diretto e brutale, ma dimostrando anche di essersi guardati ben attorno inserendo nelle composizioni delle melodie che rendono più ariosi i brani, andando anche a flirtare con passaggi Black/Death che donano all'operato dei Nostri un'aura luciferina (emblematica in tal senso "Marked by Blood and Darkness"). I Severe Torture, insomma, si approcciano con il piglio autoritario dato dal loro status di veterani, ma con la sostanziale differenza rispetto a colleghi altrettanto veterani (se non di più ancora) che la band olandese dimostra di avere ancora tanto da dire e che non ha la minima paura ad aprirsi a nuove soluzioni, tanto da non temere il confronto nemmeno con tante giovani realtà iper-affamate (prendete i Vitriol, ad esempio). Il lavoro di composizione di "Torn from the Jaws of Death" è stato sicuramente accurato ed a dimostrazione di ciò basta vedere come le tracce scorrano via senza nemmeno un momento che sappia di filler, ed a contribuire alla riuscita di questo lavoro c'è, per l'appunto, questo nuovo modo di approcciarsi dei Nostri che, ampliando il range di soluzioni nei propri pezzi, trascinano l'ascoltatore in un vortice di cruda violenza allo stato brado con l'aggiunta di melodie taglienti come un bisturi. La già citata "Marked by Blood and Darkness", la title-track, "Putrid Remains" e "The Pinnacle of Suffering" sono tutti dei chiari esempi del vero e proprio stato di grazia dei Severe Torture in questa loro nuova opera, ma va detto che ognuno dei dieci pezzi qui presenti è sicuramente ben al di sopra della media generale del genere. Insomma, quello che si dice un ritorno col botto!

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Royal Rage ed il buon vecchio Thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La contorta personalità del Black Metal: Merrimack - "Of Grace and Gravity"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Evildead non hanno dimenticato come si suona il Thrash
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angels of Babylon: il disco perfetto esiste!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Miasmic Serum: debutto per una nuova interessante realtà Death Metal nostrana
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Golgotha: Doom/Death melodico di scuola scandinava dalle calde Isole Baleari
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Pectora, un disco con luci ed ombre
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rötual: debut EP per la band canadese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Moral Putrefaction: sound classico e buona tecnica in un buon debutto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shivered, il lato molto profondo della sua sfera interiore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gengis Khan:  l’assalto continua…
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla