A+ A A-
 

Black Water Sunset, un meraviglioso tributo ai Control Denied Black Water Sunset, un meraviglioso tributo ai Control Denied Hot

Black Water Sunset, un meraviglioso tributo ai Control Denied

recensioni

titolo
“When man and machine collide – A tribute to Control Denied”
etichetta
Autoproduzione
Anno

TRACKLIST:
1. Intricacy =TRACK VIDEO=
2. The number speaks
3. Chameleon
4. Evanescent misery

LINE UP:
Darick Joyce – Chitarre
Al Primack - Basso

opinioni autore

 
Black Water Sunset, un meraviglioso tributo ai Control Denied 2024-05-21 08:14:15 Ninni Cangiano
voto 
 
5.0
Opinione inserita da Ninni Cangiano    21 Mag, 2024
Ultimo aggiornamento: 21 Mag, 2024
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Poco dopo aver ricevuto la diagnosi fatale che poi lo portò alla morte consegnandolo alla storia, Chuck Schuldiner, assieme ai suoi fidati compagni nei Control Denied, si mise a scrivere materiale che avrebbe fatto parte del secondo full-length di questa band leggendaria, album provvisoriamente intitolato “When man and machine collide”; purtroppo lo sviluppo del cancro fu rapido ed il disco non fu mai completato, a parte quattro tracce finite in un demo nel 2004 (“Zero tolerance”) ed alcuni manoscritti con testi incompleti. Il 13 maggio 2024, nel giorno in cui Chuck Schuldiner avrebbe compiuto 57 anni, gli americani Black Water Sunset hanno deciso di rilasciare un disco dedicato al loro idolo, contenente le cover di quel demo di quattro pezzi, intitolato “When man and machine collide – A tribute to Control Denied”. Per realizzare questo EP, la band ha chiamato a partecipare numerosi amici/ospiti, come il cantante turco degli Inner Urge, Berzan Onen, Fabio Alessandrini (Annihilator e Bonfire, tra i tanti) e James Knoerl (Aviations e Blood Throne, tra i tanti) alla batteria, il chitarrista dei Freak Kitchen, Matias IA Eklundh, ed il bassista degli Annihilator (tra gli altri), Rich Gray. Ogni pezzo è stato ri-registrato, mentre le parti vocali sono state scritte basandosi sugli appunti suddetti di Chuck. L’EP inizia con “Intricacy”, brano di quasi 9 minuti (tutte le tracce sono estremamente lunghe, per una durata totale di oltre 30 minuti), molto veloce, sulla scia di quanto fatto nei Control Denied nel loro unico e meraviglioso “The fragile art of existence”; da subito si nota un tasso tecnico fuori misura in tutti gli strumenti, con naturalmente le chitarre a recitare da protagoniste. “The number speaks” è più meditata e la voce di Berzan Onen, pur non essendo così “sofferta” come lo era il compianto Tim Aymar, è in ottima evidenza, così come il lavoro del basso, semplicemente strepitoso. Con “Chameleon” si torna a pestare sull’acceleratore almeno all’inizio; il pezzo, infatti, alternerà momenti più veloci, ad altri più oscuri e pacati, con sempre il minimo comune denominatore di una tecnica fuori misura. L’EP si chiude con “Evanescent misery”, l’unica traccia sotto i 7 minuti di durata, che non può non far pensare ai Cynic di “Focus”, quanto meno nella sua parte iniziale; proseguendo con l’ascolto, viene fuori il trademark dei Control Denied, con basso e chitarre che continuano a sorprendere per passaggi intricati e dissonanti, momenti di goduria assoluta per i fans della tecnica strumentale. Da evidenziare che “When man and machine collide – A tribute to Control Denied” non è in vendita, ma i Black Water Sunset hanno deciso di rilasciarlo gratuitamente sul loro canale YouTube, come un doveroso omaggio ad una leggenda della musica. Ascoltando questi brani, infatti, torna in mente quanto sia stato grave perdere un talento immenso come Chuck Schuldiner per l’intero mondo della musica Heavy Metal! Chissà quanta altra musica stupenda avrebbe potuto comporre…

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Disloyal: quinto album per i deathsters polacchi
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Octoploid: la perfetta fusione tra Progressive Death e Prog/Psychedelic Rock settantiano
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
The Blast Wave: possono fare di più e meglio
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Verikalpa: Folk Metal "only for fans"
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
 Visions of Atlantis, la classe del Symphonic Metal in "Pirates II - Armada"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Requiem’s Embrace, un EP di debutto che lascia intravedere qualcosa...
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Dyscordia, un altro gruppo di talento costretto all'autoproduzione
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il Gothic degli Inver: discreto ma acerbo
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Trog: primo album per i deathsters del New Jersey
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nyktophobia: un quarto album in cui viene data maggiore importanza alle atmosfere
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Doncryus: esordio per i puri defenders!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Philosophy Of Evil, la follia in musica
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla