A+ A A-
 

Tornano dopo sei anni e con una gran dimostrazione di forza gli orobici Maze of Sothoth Tornano dopo sei anni e con una gran dimostrazione di forza gli orobici Maze of Sothoth Hot

Tornano dopo sei anni e con una gran dimostrazione di forza gli orobici Maze of Sothoth

recensioni

titolo
Extirpated Light
etichetta
Everlasting Spew Records
Anno

PROVENIENZA: Italia 

GENERE: Death Metal 

FFO: Morbid Angel, Nile, Hate Eternal, Behemoth, Hour of Penance 

LINE UP: 
Cristiano - voce, basso 
Fabio - chitarre, synth 
Riccardo - chitarre 
Matteo - batteria 

TRACKLIST: 
1. The Unspeakable [03:12] 
2. Eliminate Contamination [03:34] 
3. The Revocation Dogma [04:03] 
4. Blood Tribute [05:50] =ASCOLTA= 
5. Blasphemous Ritual [03:36] 
6. The Plague [02:48] =ASCOLTA= 
7. Parallel Evolution [03:32] 
8. Sanctae Inqvisitionis [05:08] 
9. Scorn of Flesh [04:19] =ASCOLTA= 

Running time: 36:02 

opinioni autore

 
Tornano dopo sei anni e con una gran dimostrazione di forza gli orobici Maze of Sothoth 2023-03-24 21:52:01 Daniele Ogre
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Daniele Ogre    24 Marzo, 2023
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

E' quanto meno curioso che nel mese in cui - nel 1937, il giorno 15 - morì H.P. Lovecraft, ci si ritrovi con diverse uscite Death Metal che in un modo o nell'altro hanno a che fare con il Solitario di Providence; proprio nei giorni passati abbiamo incontrato ad esempio Anarkohn e Catacomb, mentre oggi è la volta dei bergamaschi Maze of Sothoth, che tornano dopo ben sei anni dal debut album "Soul Demise" con il loro secondo full-length "Extirpated Light", sempre sotto l'egida di Everlasting Spew Records. Di tempo ne è passato dunque, ed i Maze of Sothoth sembrano averlo speso bene, visto che possiamo denotare una gran crescita in questa nuova opera rispetto al già ottimo debutto del 2017. Nella fattispecie, notiamo subito un approccio ancor più diretto e brutale in "Extirpated Light", oltre che una maggiore attenzione anche al minimo dettaglio in fase compositiva. ad un ascolto poco attento, infatti, l'operato dei Maze of Sothoth potrà facilmente sembrare giusto un buon disco che segue la scia di gruppi come Morbid Angel, Nile e Hate Eternal, ma andando più a fondo possiamo vedere come la solidità di quest'opera sia data da un lavoro certosino sia in fase di scrittura che di registrazione. Per quanto quello dell'act bergamasco sia un vero e proprio assalto all'arma bianca, possiamo spesso trovare certe aperture che spostano il focus più verso la scena europea, vedasi certe armonizzazioni che vanno ad intersecarsi con la brutalità di fondo (Vomitory, gli Hour of Penance degli ultimi lavori) come nella buonissima "The Revocation Dogma". Ma è comunque con ogni probabilità quando si fanno forti le influenze dell'Angelo Morboso floridiano che sentiamo i Maze of Sothoth esprimere tutto il loro potenziale: "Blood tribute" è ad esempio un pezzo che da solo vale l'acquisto dell'album, ma non sono da meno altre cannonate come la conclusiva "Scorn of Flesh" e soprattutto la bestiale "Sanctae Inqvisitionis". Dopo un ottimo exploit come questo "Extirpated Light", la speranza è che d'ora in avanti i Maze of Sothoth possano trovare una maggiore continuità tanto in sede live quanto quel che concerne dei futuri lavori in studio, sempre però in base agli impegni di Fabio Marasco con i Beheaded, ovvio. Dopo questa seconda fatica su lunga distanza, comunque, possiamo benissimo figurarci i Maze of Sothoth come una band di punta del sottobosco Death Metal nostrano in quella particolare frangia che unisce violenza ed ipertecnica guidata da veterani come Antropofagus, Hour of Penance, Electrocution e Hideous Divinity. Ben fatto; davvero ben fatto.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

I Royal Rage ed il buon vecchio Thrash
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La contorta personalità del Black Metal: Merrimack - "Of Grace and Gravity"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Evildead non hanno dimenticato come si suona il Thrash
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angels of Babylon: il disco perfetto esiste!
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Miasmic Serum: debutto per una nuova interessante realtà Death Metal nostrana
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Golgotha: Doom/Death melodico di scuola scandinava dalle calde Isole Baleari
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Pectora, un disco con luci ed ombre
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rötual: debut EP per la band canadese
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Moral Putrefaction: sound classico e buona tecnica in un buon debutto
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Shivered, il lato molto profondo della sua sfera interiore
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gengis Khan:  l’assalto continua…
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Consigli Per Gli Acquisti

  1. TOOL
  2. Dalle Recensioni
  3. Cuffie
  4. Libri
  5. Amazon Music Unlimited

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla