A+ A A-
14 Nov

Powerwolf + Amaranthe + Kissin’ Dynamite - Live Club 7/11

Vota questo articolo
(0 Voti)

 

 

 

 

 

Powerwolf Amaranthe Kissin’ Dynamite - Live Club 7/11

 

 

 

POWERWOLF: nuovo album e unica data italiana!

 

I POWERWOLF hanno programmato il tour promozionale del disco, con cui toccheranno diverse città tra il 2018 e il 2019 e alcune di esse sono già sold out; un tour europeo in cui fanno tappa anche in Italia il 7 Novembre 2018 al Live Club di Trezzo sull’Adda (MI). Come special guest: Amaranthe e Kissin’Dynamite.

 

 

 

 

 

Arrivata nel pomeriggio, fuori dal Live Music Club che si trova a Trezzo sull’Adda, provincia di Milano. Giornata grigia, e nuvoloni carichi di pioggia minacciosi incombono sulla location, ma questo non sembra scoraggiare i fan accorsi qui per godersi il concerto che fra poche ore avrà luogo.

 

Una buona parte di questi sono fan dei Powerwolf e lo si capisce, dai loro visi truccati quasi simile a quello del gruppo e per le bandiere che hanno sulle spalle; ma sono una minima parte perché ne sono in arrivo ancora, proprio per la teatralità e il genere musicale i Powerwolf qui hanno parecchio seguito. Si prevede una serata epica !

 

 

 

Kissin’ Dynamite

 

 

 

I primi a dare il via a questa serata sono i Kissin’Dynamite, modern hardrock, glam metal; in attivo dal 2007. Fanno il loro ingresso sul palco, accolti da un boato e fin dalle prime note, fanno capire di che pasta sono fatti. Sono stati una piacevole scoperta, perché non li conoscevo, gruppo davvero unito e con un ottima padronanza di palco. Hannes Braun il cantante, sorridente fin da subito e ha interagito per tutto il tempo con il pubblico, cosa che è stata molto apprezzata e ha mandato in visibilio tutte le fanciulle presenti e come si dice “ anche l’occhio vuole la sua parte “. Buona anche la sezione ritmica suoni precisi e puliti, nel loro tempo a disposizione hanno fatto cantare e saltare tutti i presenti. Prima della classica foto di rito con il pubblico alle spalle, vediamo che il cantante stringe tra le mani un foglio su cui è riportata una data 10/04/2019, ci dà appuntamento all’anno prossimo, dicendo che saranno protagonisti questa volta di un tour come headliner, lasciando il palco tra applausi più che meritati. Promossi !

 

 

 

Setlist:

 

I’ve Got the Fire
Somebody’s Gotta Do It
Highlight Zone
Love Me, Hate Me
Waging War
You’re Not Alone
I Will Be King
Flying Colours

 

 

 

Amaranthe

 

 

 

Effettuata la procedura di cambio palco e strumenti é il turno degli Amaranthe, freschi di pubblicazione; uscito il 19 ottobre il loro nuovo lavoro “ HELIX “. Dopo l’intro partono subito con una serie di brani belli tirati, Maximize, Digital World, 365, 1000000 Light Years Away, Hunger, fino ad arrivare alla ballad “Amaranthine “ con cui sia noi che loro riprendiamo fiato, canzone in cui Elize cede il microfono al pubblico, cantando all’unisono. Purtroppo Elize stasera non è in splendida forma vocale, sfortunatamente sono cose che possono succedere. In ottima forma vocale gli altri due cantanti Henrik la voce growl e Nils Molin, entrato in formazione definitiva da più di un anno dal lascito di Jake E. Avevo avuto modo di vederlo live sempre con loro circa un anno fa, e stasera mi ha dato la riconferma di quanto la sua timbrica vocale dia quel qualcosa in più nell’insieme. Buona anche la sezione ritmica, Olof il chitarrista, Johan al basso e Morten alla batteria si fanno notare; si riparte con l’ultimo blocco di brani sparati a raffica che porta verso il finale del loro concerto, non proprio perfetto a livello di suoni che non li ha fatti risaltare come avrebbero meritato. Lasciano il palco fra applausi più che meritati, ci auguriamo di rivederli qui come headliner e con dei suoni decisamente migliori.

 

 

 

Setlist:

 

Maximize
Digital World
365
1.000.000 Lightyears
Hunger
Amaranthine
GG6
Dream
Drop Dead Cynical
Call Out My Name
The Nexus

 

 

 

Powerwolf

 

 

 

Con il secondo cambio palco e strumenti, con il locale pieno, un caldo infernale, sale a dismisura l’adrenalina: si abbassano le luci parte l’intro e dalle prime note di “ Fire and Forgive “ è il delirio. Ero tra le prime fila, la spinta che mi è arrivata alle spalle quasi da schiacciarmi e farmi mancare il respiro, una cosa impressionante; ed è stato così per tutta la durata del concerto. Avevo già avuto modo di vederli dal vivo, e stasera si riconfermano la miglior band power metal tedesca per il loro genere musicale.

 

Suoni puliti e perfetti, una scenografia imponente impossibile da non essere notata, curata nei minimi dettagli, ha creato un’atmosfera davvero unica. Presenza scenica impeccabile, con un Attila Dorn leader del gruppo assieme a Falk Maria Schlegel (tastiere e organo), hanno condiviso il palco e più di qualche volta gli ha quasi rubato la scena; ci hanno fatto divertire con le loro gag durante il live. I due chitarristi Matthew Greywolf e Charles Greywolf con i loro assoli ci hanno deliziato le orecchie e non solo con le loro mimiche facciali molto spassose ( unici davvero!) e Roel van Helden ( il batterista ) posizionato a destra del palco si è fatto notare.

 

Si ha l’impressione che si stia arrivando alla fine, ma è solamente una “ falsa uscita “ di scena da parte del gruppo; perché vengono richiamati a gran voce con cori da stadio e ci deliziano con altri brani tratti dalla loro discografia e non poteva certo mancare la classica ballad “Where the Wild Wolves Have Gone”, Falk Maria Schlegel seduto davanti un organo, posizionato quasi al centro palco e affiancato da Attila che chiede di accendere o i telefonini o per chi lo ha il classico accendino, in sala è un luccichio unico, si è creata un’atmosfera particolare e ancora più bella, effetto a sorpresa della neve durante il brano ( da pelle d’oca! ). E’ sempre difficile fare un report, ma mai come in questo caso ho difficoltà ha trovare le parole per descrivere questo evento, per tutta l’ora e mezza della loro concerto l’energia e l’adrenalina é sempre rimasta alta, un pubblico partecipe ed entusiasti, hanno cantato, pogato c’è pure stato il moshpit, il crowdsurfing; insomma non è mancato niente; erano presenti tutti gli elementi per rendere unica questa serata. Davvero impossibile non divertirsi, strepitosi!

 

 

 

Setlist:

 

Fire and Forgive
Army of the Night
Incense & Iron
Amen & Attack
Let There Be Night
Demons Are a Girl’s Best Friend
Killers With the Cross
Armata Strigoi
Blessed & Possessed
Where the Wild Wolves Have Gone
Resurrection by Erection
Stossgebet
All We Need Is Blood
We Drink Your Blood
Lupus Dei

 

Encore:

 

Agnus Dei
Sanctified With Dynamite
Coleus Sanctus
Werewolves of Armenia
Wolves Against The World

 

I soliti doverosi ringraziamenti a Vertigo Hard Sound Eagle Booking Shining Production LIVE MUSIC CLUB per aver unito le forze ed averci regalato una serata indimenticabile e unica, i tre gruppi che si sono alternati sul palco sono stati straordinari e coinvolgenti, credo che si sia andati vicino al sold out per quanto fosse pieno il locale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Ultima modifica il Mercoledì, 14 Novembre 2018 12:17
Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

Gli Anguish Force non brillano di forza creativa.
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancora una volta i greci Mass Infection offrono una prestazione mostruosa
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debuttano con un EP dal sound vintage gli indiani Aempyrean
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
White Widdow al quinto tentativo col disco della svolta.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguine Glacialis: ma il filo conduttore dov'è?
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnite City, la solita dose di hard rock iper melodico
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I Nerobove scandagliano il malessere umano con un sound azzeccatissimo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ego porta con sé una forza rigenerante, questi sono gli E.G.O.C.I.D.E.
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Godless con un buon EP, ma che passa forse troppo rapido e indolore
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Prophets Of The Apocalypse: Ep che non convince
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli Inner Decay ed il loro granitico Death Metal per un buon debutto
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla