A+ A A-
25 Lug

Uno spettacolare ed epico salto nel passato con i Rhapsody Reunion nel borgo di Vinci (Fi) - 21/07/2017 In evidenza

Vota questo articolo
(0 Voti)

I Rhapsody Reniun fanno tappa a Vinci, storico paesino in provincia di Firenze che come ogni anno festeggia la Festa dell'Unicorno dove il centro storico e le vie si colorano in tema fantasy con bancherelle, spettacoli a tema e appunto musica (pagando solamente l'ingresso alla fiera)! Un'atmosfera perfetta per lo show dell'epica band triestina che in questo tour d'addio ritrova sullo stesso palco il duo Luca Turilli e Fabio Lione, per riproporre una scaletta che va a pescare solamente dai primi 4 dischi della band tra cui “Symphony of enchanted land” nella sua totalità.

 

Sono le 21.30 quando la band sale sul palco in orario con un pubblico piuttosto presente. In effetti durante la giornata in giro per Vinci era facile imbattersi in qualcuno con la maglia targata Rhapsody (con o senza “of Fire”). L'intro “Epicus furor” irrompe dalle casse mentre i 5 musicisti salgono sul palco tra i boati del pubblico. Quando partono le note di “Emerald sword” l'esaltazione è alle stelle. Pecca un po' l'assenza di Alex Staropoli o comunque di un tastierista soprattutto dal punto di vista scenico. Il gruppo ha ovviato a questo con parti registrate o rivisitando qualche assolo di tastiera con la chitarra di Dominique Leurquin. I presenti cantano comunque a squarciagola tanto che la voce di Lione si fa quasi fatica a sentire. Ma un po' anche per colpa dei suoni che per tutto il concerto non sono stati perfetti; batteria troppo alta a discapito di voci e chitarre. Tutta d'un fiato inizia “Wisdom of the kings” e anche qui come si fa a non cantare a più non posso? Seguendo la tracklist di “Symphony” si passa a “Eternal glory” altro inno di symphonic metal. Ascoltare dal vivo queste songs così come le successive “Beyond the gates of infinity” e “The dark tower of abyss” ci ha fatto pensare ancora una volta alla grandezza compositiva (ed esecutiva naturalmente) di Luca, Alex e Fabio già 20 anni fa. Forti emozioni con la ballatona “Wings of destiny” e la super title track, entrambe suonate per la prima volta dal vivo nella storia dei Rhapsody. E quest'ultima è stato uno dei momenti migliori dell'intero concerto con un Lione assoluto protagonista.

Vengono riproposte anche “Knightrider of doom”, immortale brano da “Power of the Dragonflame”, e poi altri due pezzi leggendari come “Land of immortals” (peccato unico brano estratto dal debutto “Legendary tales”) e infine “Dawn of victory” prima di salutare il pubblico.

 

Ma naturalmente c'è spazio per il bis e, chiamata a gran voce dai presenti, la band torna sul palco e Fabio carica i presenti prima con “Rain of a thousand flames” e successivamente con “Lamento Eroico”. Sarà “Holy Thunderforce” a far partire i titoli di coda di un concerto sicuramente di alto livello anche se forse si poteva fare qualcosa di più. E' vero che, come ci ha rivelato Luca durante l'intervista che presto leggerete, questo tour è stato organizzato velocemente ma per un tour di addio mi sarei aspettato qualcosa di più dal punto di vista scenico; Luca coi suoi LT Rhappsody ci ha abituati bene con schermo virtuale ed ospiti sul palco, che anche in questo caso non sarebbero stati affatto male per creare un'atmosfera maggiormente epica.

Nota a margine ma che non è passata inosservata, la presentazione di Fabio da parte di Luca Turilli che fa capire il ritrovato rapporto e lascia presagire una collaborazione tra i due in un prossimo futuro... e questo non può che riempirci di gioia!

Infine tanti complimenti e un grazie all'organizzazione della Festa dell'Unicorno per questo show e alla bravissima fotografa Luna La Chimia per gli splendidi scatti che vedete qui.

 

 

Setlist

Epicus Furor

Emerald Sword

Wisdom of the Kings

Eternal Glory

Beyond the Gates of Infinity

Knightrider of Doom

Wings of Destiny

The Dark Tower of Abyss

Riding the Winds of Eternity

Symphony of Enchanted Lands

Drum Solo

Land of Immortals

Vocal Solo

Dawn of Victory

 

Encore:

Rain of a Thousand Flames

Lamento Eroico

Holy Thunderforce

In Tenebris

 

Gargoyles, Angels of Darkness

Ultima modifica il Martedì, 25 Luglio 2017 18:16
Devi effettuare il login per inviare commenti

releases

Wolfshead, tra heavy old school e doom metal!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Metal progressivo direttamente dal Brasile con i Freaky Jelly
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Secret Rule tagliano il traguardo del terzo disco in studio
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"E" sono 14 gli album per gli Enslaved
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Arriva il secondo disco dei Beyond Visions: Catch 22.
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perla gothic/doom: il nuovo disco degli Hanging Garden!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Folk più da leggere che ascoltare: nuovo EP per i Drenaï
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hitwood: a distanza di pochi mesi un nuovo interessante EP prende vita
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Spagna il secondo atto dell'opera symphonic progressive dei Nebulosa XY!
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un singolo in attesa dell'album dei Crystal Gates
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lunga vita ai Blazon Stone!
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Incursed: L'antipasto di "Amalur"
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla