A+ A A-

Opinione scritta da Raffaele Acampa

72 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2 3 4 5 6 7 8
 
releases
 
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    11 Aprile, 2018
Ultimo aggiornamento: 11 Aprile, 2018
Top 50 Opinionisti  -  

Dario Nuzzolo (ex Absinthium e Valiance) è alla guida di questo nuovo progetto chiamato Noirad e, insieme ad altri undici musicisti, dà vita all'interessante Penny Dreadfuls. Un lavoro sicuramente molto complesso, di non facile ascolto e fuori dal solito schema del classico cd metal, nel quale momenti intensi e malinconici rincorrono sfuriate heavy. Tematiche dure ed oscure si intrecciano, passando dal disastro di Chernobyl alla distruzione di Pompei, dagli efferati omicidi di serial killer agli orribili maltrattamenti nelle case di cura mentale.
Ben strutturato, il lavoro presenta una certa coesione di fondo e idee compositive interessanti, nonostante la complessità dovuta all'alternanza dei diversi stili. Veloci solos di chitarra, accompagnati da una base ritmica solida e potente, si dividono i minuti con arpeggi e momenti più soft ed intimi. Una produzione migliore avrebbe giovato, ma per essere una autoproduzione è sicuramente di buona fattura.
Unico neo, che davvero non permette al cd di decollare, è purtroppo la voce. La cantante non sembra integrarsi per nulla con il progetto, lontana da quella che è la direzione del lavoro: linee poco incisive ed una prestazione vocale senza espressività e non sempre precisa lasciano un pò l'amaro in bocca. Di contro c'è da dire che a livello interpretativo cerca di uscire fuori daglii schemi, riuscendoci comunque poco.
Se fossi in voi un ascolto glielo darei, godendomi queste undici tracce di sano heavy metal.
Aspetto Dario ed i suoi Noirad al prossimo capitolo. Per ora sufficienti.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    02 Gennaio, 2018
Top 50 Opinionisti  -  

Iniziamo alla grande questo 2018. Dalle fredde lande della Bielorussia arrivano, con tutta la loro tecnica, gli Essence Of Datum con il secondo full-lenght Nevermore. Parlare di prog metal è riduttivo: gli Essence Of Datum rientrano in quella schiera di band, dal bagaglio tecnico/compositivo sicuramente notevole, che fanno musica a 360 gradi, riuscendo comunque ad avere una identità ben definita. L'utilizzo di sax e percussioni arricchisce ancora di più l'ottimo risultato, introducendo elementi fusion che, seppur non nuovi a lavori del genere, aumentano l'enfasi e la personalità della band. Si passa facilmente da riff Satriani-style, a veloci scale neoclassiche, per sfociare in sonorità dal forte piglio fusion, con una naturalezza e linearità davvero impressionante: trentasette minuti da ascoltare con attenzione e curiosità. Sicuramente un lavoro non adatto a tutti, ma gli appassionati di prog e metal strumentale troveranno questo Nevermore davvero interessante.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    28 Ottobre, 2017
Top 50 Opinionisti  -  

Power o prog metal? Difficile definire il primo lavoro della one-man-band Mind Enemies. Giuseppe Caruso si cimenta in questa avventura mantenendo completamente le redini, dalla composizione all'esecuzione. Una bella responsabilità insomma. Revenge è un surrogato di power e prog metal dal forte taglio italico: molta attenzione alle sonorità, pochi i tecnicismi, il cd cerca di coinvolgere con passaggi già sentiti e rielaborati secondo il gusto personale del musicista. La cosa che salta all'orecchio è l'equilibrio che viene mantenuto tra i due generi, senza che l'uno prevalga sull'altro: e qui ci si accorge delle capacità di musicista di Giuseppe. Il lavoro, però, risulta ancora un po' acerbo: si sente la mancanza di esperienza nella creazione di un simile progetto, e l'effetto del "già sentito" non aiuta ad apprezzarlo fino in fondo. La mancanza di momenti clou o di passaggi veramente intensi (sia tecnici che melodici), non permette al cd di spiccare il volo. Insomma, un cd che, nonostante le ottime potenzialità, non ha quel fattore X che stuzzichi vero interesse all'orecchio dell'ascoltatore. Aspetto quindi la prossima prova targata Mind Enemies per avere un quadro più completo e lucido, e spero che questo sia orientato maggiormente verso uno dei due generi, così da avere una identità ben definita e riconoscibile.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Raffaele Acampa    22 Ottobre, 2017
Top 50 Opinionisti  -  

Spesso si confonde fare progressive metal con il creare strutture iperarticolate e sonorità lontane dal suscitare una qualsiasi emozione: in tali situazioni, ciò che prende vita è qualcosa di quasi alieno che difficilmente si riesce a comprendere. Non per questo ci si trova davanti a lavori di poco spessore, anzi, spesso si sfiora il genio o la follia. Gli Arya rientrano in quel genere di band che, per il modo di vedere la musica, hanno un mercato molto ristretto e spesso rischiano di essere sottovalutati. Parlare semplicemente di metal è riduttivo: gli Arya fanno musica, musica che esce dalle budella, introspettiva e claustrofobica, difficile da assimilare. Dreamwars è il secondo lavoro autoprodotto della band (preceduto nel 2015 da Distant Oceans) e narra l'alienazione e la difficoltà ad inserirsi nel flusso continuo della società contemporanea. Dreamwars non è per tutti, è uno di quei lavori che ti fa arrivare a conclusioni troppo facili, che non ti permette subito di entrare nei meandri della sua essenza. Sonorità dissonanti accompagnate da una voce femminile che ama più recitare che cantare, la band riesce ad equilibrare momenti di forte tensione ad altri più delicati, senza perdere mai quel piglio su orecchie più allenate ad ascoltare questo tipo di lavori. Non ci sono particolari tecnicismi strumentali o vocali, ma un ben definito equilibrio armonico e melodico per tutta la durata del cd. Scelta commerciale ben ponderata o semplicemente voglia di esprimere il proprio concetto di musica, non è dato sapere. L'unica cosa certa è che gli Arya si amano o si odiano, senza mezzi termini. Un lavoro interessante ma attendo la prossima prova per avere un quadro più concreto.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    29 Giugno, 2017
Top 50 Opinionisti  -  

Un EP di progressive strumentale è il biglietto da visita dei Carabus. Il progetto solista del chitarrista Gabriele Motta dimostra ancora una volta quanta buona musica ci sia in Italia. Evidenti riferimenti a mostri sacri del genere, come Dream Theater, Rush e Symphony X, a volte troppo vicini al sottile limite del plagio, mettono in evidenza tutte le sue doti di compositore e musicista. Il lavoro trasuda di una solida base che si sviluppa in un forte carattere esecutivo ed interpretativo: le atmosfere passano da intensi passaggi dal valore altamente tecnico, a momenti quasi sognanti e atmosferici. Tecnica e passione ci sono, il talento è evidente, ora bisogna solo lasciarsi alle spalle le troppo evidenti influenze, e sviluppare un proprio sound che lo renda riconoscibile nell'immenso oceano di buone proposte del mercato metal. Sicuramente da ascoltare, attendo il prossimo lavoro per un giudizio ancora più completo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    24 Giugno, 2017
Ultimo aggiornamento: 24 Giugno, 2017
Top 50 Opinionisti  -  

Red Cain: ottimo ep di esordio. Non capita spesso di recensire bands provenienti dalle fredde lande canadesi, e posso dire di essere rimasto piacevolmente sorpreso dalla proposta musicale del quintetto di Alberta. Con un heavy metal dallo spirito progressive e sperimentale, le quattro tracce si sviluppano attraverso un percorso ben strutturato, disegnando intensi territori narrativi. Ed è proprio la voce a raccontare, come un sapiente narratore, storie di mistero e misticismo. La sezione ritmica spazia tra momenti fortemente emotivi e veloci sfuriate di stampo americano, mentre intensi duelli tra le chitarre solista spingono il sound in territori più europei. L'alone drammatico trasmesso dai Red Cain rapisce l'ascolatore e lo catapulta in un mondo parallelo, mentre lo scorrere delle note sembra quasi dare vita alle scene di un film intriso di oscurità. Il lavoro riesce a mettere in evidenza nuovi dettagli anche dopo ripetuti ascolti, e questa è una delle caratteristiche che lo rende un piccolo capolavoro. Sicuramente da ascoltare ed apprezzare a fondo. Consigliatissimo.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    06 Mag, 2017
Ultimo aggiornamento: 06 Mag, 2017
Top 50 Opinionisti  -  

Il metal progressive italiano ha il suo fascino, un fascino senza tempo ormai marchio di fabbrica delle migliori bands provenienti dal nostro Paese. Le sonorità e i passaggi strumentali disegnano opere dalla forte componente emotiva, ben diversa dalla scuola europea o americana. I MirrorMaze sono una delle realtà che meglio incarnano tale concetto: la teatralità, unita ad un mood moderno e ad una tecnica compositiva dalla forte personalità, sono gli elementi di base che ne definiscono il carattere. La band preferisce mettere in evidenza un certo groove d'insieme, piuttosto che potenza o velocità, caratteristica che rende interessante il lavoro e richiama alla mente il movimento prog metal sviluppatosi in Italia nei primi anni del nuovo millennio. Nove tracce in cui si alternano momenti di pura melodia ad altri più aggressivi, ma che mantengono comunque un equilibrio di base ed una continuità compositiva che ne rende fruibile l'ascolto. È un piacere sentire duettare chitarre e tastiere in intricati e ben studiati solos, con una sezione ritmica precisa e complessa ed una prestazione vocale di tutto rispetto. Un lavoro scorrevole nella sua complessità tecnica, nel quale i MirrorMaze dimostrano ancora una volta di essere competitivi in un mercato sempre più esigente. Break The Horizon si sviluppa secondo le linee del precedente lavoro, aggiungendo qualcosa in più che gli conferisce personalità, ma mantenendo comunque intatto il carattere della band, senza snaturarne il sound. Da ascoltare.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    07 Febbraio, 2017
Top 50 Opinionisti  -  

Progressive metal dall'anima moderna, il doppio cd che mi trovo tra le mani si presenta come un lavoro complesso, strutturalmente interessante, e sicuramente di non facile ascolto. Errai è un quattro tracce estratte da Polaris del 2015 e rivisitate in chiave ambient, nel quale gli inglesi Tesseract dimostrano di essere musicisti a 360 gradi. Il lavoro segue uno schema ben preciso, con mid-tempo che si alternano a momenti più intensi, e quelle atmosfere drammatiche e poetiche che fanno dei Tesseract una di quelle band che si ama o si odia senza mezzi termini. Nessun vezzo puramente tecnico, ma una estrema cura nella composizione e negli arrangiamenti, con l'unico intento di affascinare e rapire. Evocative le linee vocali, vengono supportate da una sezione ritmica incisiva e capace di tessere trame accattivanti, dando così corpo e forma ad un lavoro dalle mille sfumature ma coerente con l'idea di musica della band. Molte le fonti ispiratrici, dai Disillusion ai Faith No More, passando per i Pain Of Salvation, ma i Tesseract hanno la loro identità, un marchio di fabbrica ben definito. La parola d'ordine è groove e la band ne ha da vendere. Siamo di fronte ad un vero e proprio gioiello che dimostra quanto ancora il panorama metal abbia da dire, alla faccia di coloro che non ci credono. Da ascoltare.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Raffaele Acampa    22 Dicembre, 2016
Ultimo aggiornamento: 22 Dicembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -  

Vincenzo Avallone è una realtà made in Italy che non può passare inosservata. Chitarrista, compositore e produttore, ci propone questo Escape Velocity, gioiellino di melodic metal dalle mille sfumature. I quindici anni di studi musicali sono la base della sua preparazione tecnico-stilistica: un lavoro ben strutturato, equilibrato, che non presenta falle e, pur non spiccando di originalità, risulta piacevole all’ascolto. Molti sono i richiami ai maestri del genere, su tutti Angra e Kamelot, anche grazie agli ottimi musicisti che lo supportano e completano la line-up. L’alternarsi del cantato a lunghe parti strumentali definisce la personalità del musicista che, non di rado, esce dagli schemi del metal per approdare in lidi più atmosferici e sognanti: arpeggi, tappeti di synth e cori rendono il lavoro davvero interessante e vario. Con una durata media di quattro minuti, le dieci tracce esprimono tutta la loro intensità, scelta oculata a mio parere, che rapisce l’ascoltatore senza che questi perda l’interesse o l’attenzione. Io lo consiglio, c’è tanta carne al fuoco, poi non dite che non vi avevo avvisato!

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
2.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    29 Novembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -  


Nuovo capitolo per gli italici Ibridoma: December è il titolo del sesto lavoro ma, nonostante l’esperienza accumulata, sono ancora ben lontani dal realizzare un prodotto competitivo nel mercato attuale. Heavy metal scanzonato, trito e ritrito, dagli arrangiamenti estremamente elementari e senza alcuno spunto interessante. L’esecuzione non spinge il piede sull’acceleratore e la produzione sicuramente non migliora il prodotto. Nella biografia la band dichiara di aver suonato al fianco di nomi blasonati, ma realmente non riesco a trovare alcuna assonanza che li possa accomunare. Il lavoro mi lascia un po’ di amaro in bocca, onestamente mi aspettavo ben altro. Di tanto in tanto, un timido accenno di qualcosa di interessante fa capolino, ma non basta, e la partecipazione di nomi quali Paul Di Anno e Blaze Bayley non ne risolleva le sorti. Le tracce non tirano, ma il genere che hanno scelto richiede proprio il contrario. Sono dell’idea che la band abbia tutte le carte in regola per il grande salto, ma c’è da lavorare. In bocca al lupo.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
72 risultati - visualizzati 1 - 10 1 2 3 4 5 6 7 8
Powered by JReviews

releases

Amorphis: "Queen Of Time" dà nuova linfa vitale alla band finlandese
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il solito buon melodic hard rock dal tocco moderno dei britannici Vega
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dall'alba del quarto millennio ecco i Daylight Silence
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Glaciale e ferale l'operato dei Grá di Heljarmadr
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Torna uno dei gruppi considerati padrini del Black greco: sesto lavoro per i Varathron
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

The Outsider e un lavoro di una bruttezza inenarrabile
Valutazione Autore
 
1.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i nostalgici di Sentenced e Poisoblack, ecco gli Ode In Black
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli AxMinister e la passione per i Megadeth
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla