A+ A A-

Opinione scritta da Raffaele Acampa

77 risultati - visualizzati 31 - 40 1 2 3 4 5 6 7 8
 
releases
 
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Raffaele Acampa    20 Dicembre, 2014
Ultimo aggiornamento: 20 Dicembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -  

Seeker è un progetto solista ad opera del chitarrista Andrea Lombardelli e questo lavoro, intitolato "Losing Time", è figlio di una attenta ricerca tecnica e compositiva. Un four-tracks in cui le sonorità progressive la fanno da padrone ma, allo stesso tempo, scorrono piacevolmente, nonostante la complessità armonica, segno questo che nulla è lasciato al caso. Andrea viene coadiuvato da Corrado Bertonazzi alla batteria e il prodotto finale è un buon debutto. Migliorando leggermente la produzione si può puntare sicuramente ad un mercato più ampio ed è proprio questo che ci aspettiamo dal prossimo lavoro. Insomma, una nuova e promettente realtà italiana che ci potrà offrire grandi sorprese!

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    30 Novembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -  


Un mix di hardcore di stampo americano e progressive metal questo Descending Patterns degli italiani Epis Theme. First-act della band, tutto è ben congegnato: le linee aggressive e i frequenti cambi di tempo rendono il lavoro interessante e in linea con gli standard attuali, pur mantenendo una identità ben definita. Sicuramente un cd di non facile approccio visto il sound permeato da una vena oscura e malinconica: la voce è potente, graffia con cattiveria su una sezione ritmica che picchia duro, le incursioni soliste sono efficaci e ben integrate nel struttura, nulla è lasciato al caso. Richiami stilistici cari a band come gli Opeth completano l’opera, stemperando il carattere aggressivo del genere e regalando momenti di pathos che delineano ancor di più la padronanza compositiva dei cinque musicisti. Epis Theme, un’altra piacevole scoperta di questo 2014 che volge al termine.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
2.5
Opinione inserita da Raffaele Acampa    29 Novembre, 2014
Ultimo aggiornamento: 29 Novembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -  

Si definiscono post-progressive metal, ma è dura trovare assonanze con un qualsivoglia sottogenere progressive. In bilico tra doom e avantgarde, i polacchi Defying presentano il loro primo lavoro ufficiale intitolato Nexus Artificial: il genere in se stesso non prevede grandi dimostrazioni tecniche e stilistiche, ed è votato ad un uso intenso della sperimentazione, ma di sperimentale o innovativo non riesco a trovare nulla. A parte qualche sporadico episodio, la band dimostra una capacità compositiva poco articolata, senza particolari scelte armoniche o esecutive. Le tracce scorrono noiosamente e ci si chiede se tale risultato sia dovuto ad una scelta ben precisa o ai reali limiti dei musicisti. Non boccio questo lavoro perché, nella sua estrema semplicità, non disturba, ma nel mercato attuale ci vuole ben altro per potersi affermare.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
2.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    23 Novembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -  


Dediti ad un heavy metal con aperture dal sapore power, gli italiani Ibridoma ci presentano Goodbye Nation, nine-tracks senza né infamia né lode. Dalla biografia della band si può notare una certa esperienza pregressa che, però, non si traduce in risultati reali: in un mercato come quello moderno, dove il livello dei musicisti è molto alto, un lavoro del genere non può conquistare i giusti spazi. Ma quali sono i problemi di cui risente questo cd? Innanzitutto il cantato che, pur avendo una personalità timbrica ben definita, non è precisissimo, soprattutto nella traccia in italiano dove la perfomance è al limite.
La parte strumentale, invece, non presenta soluzioni tecnico/compositive degne di nota: tutto è già sentito, c’è poca personalità, e i solos peccano della giusta qualità esecutiva. Tutto è troppo monotono, le tracce non riescono a rapire l’ascoltatore, nemmeno la produzione aiuta, troppo piatta e senza quella giusta spinta che dia l’impatto dovuto. In alcuni momenti si tende a strafare ottenendo il risultato opposto a quello probabilmente voluto.
Ho riascoltato il cd per ben cinque volte, troppe cose non mi quadravano, e davvero non riesco a capire il connubio tra questo lavoro e le tante releases, partecipazioni, live ed endorsement che vengono presentate nel curriculum della band. Mi dispiace per gli Ibridoma, ma purtroppo questo cd sarebbe più adatto ad essere presentato come una demo che come un lavoro ufficiale.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Raffaele Acampa    01 Novembre, 2014
Ultimo aggiornamento: 01 Novembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -  

C’è classe nell’hard rock dei bulgari F.A.C.E. che, con il loro primo cd intitolato A New Light, ci regalano un lavoro fortemente impregnato dal meglio del genere, non mancando comunque di esibirsi in evoluzioni fusion di pregiata fattura. La scelta, sicuramente coraggiosa, di bilanciare momenti puramente strumentali con altri dove il cantato ruba la scena, rende il lavoro ancora più interessante, grazie anche ad una produzione di ottima qualità che però non rinuncia ad un gusto squisitamente vintage. Creatura partorita dalla eclettica mente di Villy Neshev, i F.A.C.E. possiedono un know-how alle spalle di tutto rispetto: il quintetto non ci risparmia evoluzioni compositive ed esecutive di alto livello, dimostrando di essere musicisti a 360° con una verve artistica di un certo spessore. Il perfetto connubio tra melodia e tecnica, la ricercatezza degli assoli e delle tastiere, una sezione ritmica pregna di un groove trascinante, ed un cantato che interpreta alla perfezione lo spirito della band, sono l’arma vincente di questo lavoro. Se volete farvi un regalo di grande valore artistico, A New Light è quello che fa per voi.

Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    22 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -  


Progetto impegnativo questo The Circle dei Neverdream. Ciò che impera su tutto è la continua sperimentazione che si spinge in territori molto poco “commerciali”. Prog metal dalle tinte oscure ed evocative che sottolineano come la band sia alla continua ricerca di un valore artistico di un certo spessore, lontano dalle facili melodie che “lasciano il segno”. Sia chiaro, nulla che non sia stato già fatto (Ayreon e Nolan fanno scuola) ma la sperimentazione è il primo passo verso un metal di pregiata fattura che fa ben sperare in un mercato nuovo e lontano dai soliti cliché. Ma cosa in particolare fa di The Circle un lavoro di tutto rispetto? Innanzitutto, una voce teatrale che ci guida attraverso lo svolgersi di una storia intrisa di violenza, follia e l’affannosa ricerca di un detective ossessionato da un serial killer, una sezione ritmica che sorregge la struttura creando momenti di forte suspense e mettendo in mostra un certo tecnicismo, infine la presenza di voci femminili e inserti di sassofono che, insieme alle tastiere, sconfinano in territori seventies per poi subito rituffarsi nelle intricate trame che animano il lavoro. Stranamente nessuna label supporta questa interessante realtà italiana: il cd, autoprodotto, è disponibile in download gratuito insieme al libro da cui è stato tratto il concept, ma un simile capolavoro non può non essere presente nella collezione degli estimatori del genere.
Insomma, gli elementi che fanno di questo lavoro un’opera completa ci sono tutti, e poco importa se qualcuno storcerà il naso: la strada intrapresa dai Neverdream è coraggiosa e fuori dal coro, ma l’arte viene sempre premiata.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.5
Opinione inserita da Raffaele Acampa    07 Settembre, 2014
Ultimo aggiornamento: 07 Settembre, 2014
Top 50 Opinionisti  -  

Mi trovo davanti ad un dubbio amletico: genialità o pura follia? Facendo scorrere il cd si ha come l’impressione che la band voglia giocare con la musica, ma l’attenzione viene subito richiamata da una ottima produzione ed una maturità artistica molto forte. Sotto contratto con la Musea, diventata ormai un must per l’underground progressive europeo, i Cyrax saltellano letteralmente da un genere all’altro con estrema facilità, senza mai perdere il filo logico della struttura e mantenendo una continuità armonica che garantisce un piacevole risultato all’ascolto. Reflections, primo lavoro ufficiale, dimostra di avere gusto e tecnica da vendere: l’ascoltatore sarà catturato dagli improvvisi cambi di sonorità che giocano un ruolo fondamentale e sono la base stilistica della band.
I cinque ragazzi non rinunciano proprio a nulla: sfidano il mercato con un prodotto complesso e per nulla commerciale ma dotato di carisma, personalità, e un groove di insieme ben strutturato. Il cd ha il giusto equilibrio ed ogni musicista si integra in modo perfetto con gli altri senza virtuosismi fini a se stessi. Mettici anche la comparsa qua e là di una voce lirica femminile, ed il gioco è fatto.
Volendo essere pignoli, qualche sbavatura da sistemare c’è ancora, ma sono piccolissimi dettagli quasi ”organici” per un primo lavoro di questa portata.
Ottimo debutto per gli italici Cyrax che entrano nel mercato discografico senza compromessi e dalla porta principale.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    12 Luglio, 2014
Ultimo aggiornamento: 12 Luglio, 2014
Top 50 Opinionisti  -  

Where The Spirit Wander è uno di quei cd che viene apprezzato dopo diversi ascolti: primo lavoro degli InnerShine, è un gioiellino di rock progressive con una forte carica emotiva ed un sapore italico che delinea la forte identità della band. Sulla loro musica aleggia l’ombra di band come Toto e Pink Floyd, maestri di un certo calibro che hanno ispirato i cinque musicisti ad una composizione matura nonostante siano al first-act.
C’è buona musica, c’è feeling, c’è personalità, non manca alcun ingrediente che impedisca loro il salto di qualità fuori dell’underground. Notevoli gli intermezzi strumentali e gli assoli, ben congeniata la sezione ritmica, trascinanti voce e tastiere. Nulla risulta fuori posto, tutto è ben equilibrato e mette in luce le capacità dei musicisti.
Un cd consigliato a chi ha voglia di riassaporare un sound d’altri tempi ma suonato con un groove moderno. Prova superata per gli InnerShine.

Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Raffaele Acampa    03 Luglio, 2014
Top 50 Opinionisti  -  


Un interessante quanto inusuale cd di post/hard rock farcito di cori stile Queen/Scorpion e incursioni chitarristiche alla maniera degli Aerosmith questo Growing Apart degli Headless. La band esplora tutto il meglio che il rock ha dato negli ultimi decenni del vecchio millennio, rispolverando sonorità vintage e rivisitandole secondo un sound moderno. Forse un po’ troppo retrò la produzione, rispetto agli standard attuali, ma tante idee nel calderone artistico. Buona l’esecuzione della band che vede tra le proprie fila Goran Edman, in passato con Malmsteen e John Norum, e la collaborazione di Scott Rockenfield, batterista dei Queensryche: si nota un ottimo groove di base e una capacità compositiva che ne delinea l’esperienza, sicuramente un dettaglio di non poco conto. Brani di durata breve, siamo sui tre minuti e mezzo in media, da cui emergono spunti e divagazioni strumentali interessanti che mantengono viva l’attenzione dell’ascoltatore.
Attivi dal 1996, si buttano a capofitto in un mercato alquanto sterile e poco propenso a questo genere di novità, ma è da tenere conto del grande valore artistico dell’opera. Una bella realtà italiana che, a leggere della carriera, non si è fatta mancare nulla. Consigliato a chi ha voglia di ascoltare buona musica di un certo spessore e fuori dai cliché moderni.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
releases
 
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    19 Giugno, 2014
Top 50 Opinionisti  -  


Un bel cd di heavy prog, anche se non proprio recente, questo Away From Here degli Anvil Therapy: seguendo la scia di band come Fates Warning, Rush, Kansas e Shadow Gallery, senza dimenticare il meglio del prog metal degli anni ‘90, realizzano un piccolo gioiello di melodia, tecnica ed interessanti spunti compositivi. Il punto di forza del lavoro sta nel non aver puntato su un sound troppo moderno, andando invece a ripescare nelle radici del genere e rielaborandole secondo un ben definito gusto personale. Il cd scorre senza intoppi nonostante il genere non facilmente assimilabile: la prestazione tecnica è degna di nota, e i cinque musicisti dimostrano di avere talento e carisma, calibrando la propria performance al fine di raggiungere un risultato davvero notevole e ben equilibrato. Se proprio vogliamo trovare l’ago nel pagliaio, avrei migliorato la produzione, dando maggiore spinta ed impatto ad un comunque già ottimo lavoro per essere un cd di esordio. Ancora una volta l’Italia sforna musica di un certo livello, e questo ci piace! A quando il secondo atto?

Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
77 risultati - visualizzati 31 - 40 1 2 3 4 5 6 7 8
Powered by JReviews

releases

Da membri di Pestilence, Cryptopsy ed Incantation arrivano i bestiali Tribe of Pazuzu
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I M.I.GOD. ed il loro "sophisticated metal"
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Più cupi, tristi e malinconici: tornano i finlandesi Swallow The Sun
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Estremamente piatto il debutto dei The Wandering Ascetic
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cileni Dezaztre Natural hanno ancora da migliorare
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Gli Ancient Bards ed il secondo capitolo della "Black crystal sword saga"
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sesto album dei Belladonna, come sempre molto eleganti
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un'onesta uscita questo terzo disco dei bielorussi Vistery
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Troppo breve il demo dei Tensor per poterne dare un giudizio completo
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vandor, un debutto ancora alquanto acerbo
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla