A+ A A-
 

Un ep di soli quattro brani e tanta qualità per i melodic power metallers Sebastien Un ep di soli quattro brani e tanta qualità per i melodic power metallers Sebastien Hot

Un ep di soli quattro brani e tanta qualità per i melodic power metallers Sebastien

recensioni

gruppo
titolo
Behind The World (EP)
etichetta
Pride & Joy Music
Anno

Track list: 1. Behind The World 2. Fight For Love (feat. Yannis Papadopoulos) 3. Sweet Desire

4. Mirror On The Wall

 

Line-up:

George Rain - vocals, guitars; Andy Mons – guitars; Petri Kallio -

bass, backing vocals; Pavel Dvorak – keyboards; Lucas R. – drums

opinioni autore

 
Un ep di soli quattro brani e tanta qualità per i melodic power metallers Sebastien 2019-03-14 12:13:14 Federico Orano
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Federico Orano    14 Marzo, 2019
Ultimo aggiornamento: 14 Marzo, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

I Sebastien arrivano dalla Repubblica Ceca e ormai sono diventati una band da seguire a tutti i costi se si è amanti delle sonorità power metal melodiche.

La band, reduce dal bel terzo disco "Act Of Creation", torna in pista con questo Ep di solo quattro brani, ma davvero azzeccati. Il sound in questo nuovo mini album va a muoversi su sonorità più moderne, con arrangiamenti che portano alla mente Beast in Black e Amaranthe e si distacca un po' dal power metal più alla Kamelot del passato. Restano di sicuro le ottime melodie vocali di George Rain, che colpiscono subito con l'elegante “Behind The World”. Nella successiva “ Fight For Love” troviamo come ospite proprio il bravissimo Yannis Papadopoulos, singer dei Beast In Black, per un pezzo condotto da tastiere dal sound 'disco anni 80' che presenta ancora melodie accattivanti. L'ariosa “ Sweet Desire” entra decisa in testa con un refrain da canticchiare, mentre “Mirror On The Wall” non è altro che una ballata dalla forte componente malinconica e dal tocco sci-fi.

Tutto molto ben riuscito in questo ep, anche se un pezzo più sparato per muovere un po' le acque non ci sarebbe dispiaciuto. Invece i Sebastien sembrano voler virare verso sonorità più moderne con ritmi controllati. Vedremo in futuro che carte si giocherà la band ceca.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Con questo EP i Blood of the Wolf confermano le buone impressioni della precedente uscita
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
"Play That Rock n Roll", tredicesimo album dei Supersuckers
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i canadesi Disgust un album fin troppo canonico ed alla lunga monotono
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ruin Lust: barbarico War Metal from New York City
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Con "Darkness Proceeds" l'esordio assoluto degli americani Vadiat
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per gli statunitensi Xoth un secondo album che alla lunga rischia di stancare
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli indiani Killkount debuttano con un album estremamente brutale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo spettacolare debut album degli Eternal Doubt
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ancora nessuno si è accorto dei Rage In My Eyes?
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Landmine, si può e si deve far meglio
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla