A+ A A-
 

AMPIO BAGAGLIO DI INFLUENZE PER I NEUROSPHERE AMPIO BAGAGLIO DI INFLUENZE PER I NEUROSPHERE Hot

AMPIO BAGAGLIO DI INFLUENZE PER I NEUROSPHERE

recensioni

titolo
“Megantereon”
etichetta
Revalve Records
Anno

 

 

Line Up:

 

Fabrizio Oliva: chitarra e voce

Mimma Pietrucci: basso

Marco Minno: tastiere, pianoforte, orchestrazioni

 

Session Members
Samuel Di Giannantonio: chitarra

Daniele Salsano: batteria

 

 

Tracklist:

 

1 Beyond The Gates Of Pluto

2 Ira

3 Dispossession

4 Under One Thousand Moons

5 Floaters In The Void

6 Megantereon

7 The Bonestorm

8 The Dream Recorder

9 Dysphoria

10 Gashes In The Veil

11 Ballo In Fa # Minore

opinioni autore

 
AMPIO BAGAGLIO DI INFLUENZE PER I NEUROSPHERE 2013-08-21 09:46:27 Michele Alluigi
voto 
 
4.0
Opinione inserita da Michele Alluigi    21 Agosto, 2013
Ultimo aggiornamento: 21 Agosto, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I romani Neurosphere sono una band per ascoltatori dalle ampie vedute; in questo loro “Megantereon” infatti vengono a mescolarsi i meandri più disparati del rock e del metal: dal thrash death metal di “Dispossession”, dove le influenze vertono sul thrash metal degli Anthrax ed il death metal dei Morbid Angel, per poi terminare con un finale decisamente black metal, allo space rock degli Hawkwind ed il prog dei Genesis in canzoni come la successiva “Under One Thousand Moons”, nella quale resta però un growl gutturale e profondo sinergicamente sostenuto da un incedere lento ed arioso.
Un connubio vincente di influenze e ritmi: la melodia mescolata alla potenza, la lentezza alla velocità, il pulito al distorto, tutte alternanze strutturate con un alchimia davvero originale e coinvolgente. Questo disco va ascoltato per intero, in modo tale che si possa apprezzare pienamente la vastità e l'eclettismo di questi musicisti.
Le basi strutturali dei Neurosphere comunque poggiano sul thrash metal e sul death melodico per la maggior parte: riff di chitarra taglienti e veloci, drumming preciso e lineare che però non si tira indietro ad un pizzico di varianti, specie nei passaggi, e voce che alterna growl gutturale a pulito sono infatti gli ingredienti principali ai quali il resto si aggiunge come farcitura.
Se siete ascoltatori oltranzisti che vogliono sentire un genere e basta i Neurosphere non fanno certo per voi, ma se siete fans di band come Dream Theater, Yes, Pink Floyd ma anche di Metallica, Megadeth e Dark Tranquillity procuratevi assolutamente “Megantereon”, ne resterete affascinati.

Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Deviate Damaen: metallo intellettuale
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un ritorno eccezionale per i siciliani Acacia
Valutazione Autore
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un nuovo masterpiece d'oscura malinconia da parte degli Officium Triste
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Crystal Eyes si confermano su livelli di eccellenza
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Magari i Running Wild fossero ispirati come gli Stormwarrior!
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Lost In Oblivion: un debutto promettente
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ombra dei Cradle of Filth copre del tutto l'operato degli Astaroth Incarnate
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cassino all'insegna dell'hardcore con il debutto dei Lesnar Suplex
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il debutto dei nostrani Bloody Unicorn è poco convincente
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla