A+ A A-
 

My Tin Apple: un frutto dal sapore gotico My Tin Apple: un frutto dal sapore gotico Hot

My Tin Apple: un frutto dal sapore gotico

recensioni

titolo
The Crow's Lullaby
etichetta
Fuel Records
Anno

Lineup:

Massimiliano Ciani – guitars/synth

Gianluca Gabriele – vocals

Marco Bruni – bass

Francesco Vannini – drums

 

Tracklist:

01. The crow’s lullaby

02. Here

03. Snow white

04. I have sin a lie

05. The flight of chameleon

06. Drama

07. Different places

08. Pixel

09. Dalì

10. Alice

11. Sequoia

12. Missing

13. A place to go

 

Durata: 43’15 

opinioni autore

 
My Tin Apple: un frutto dal sapore gotico 2013-08-15 11:12:49 Raffaele Acampa
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Raffaele Acampa    15 Agosto, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni


Provenienti da una cultura metal ben radicata e da una esperienza thrash/death che li ha portati a calcare diversi palchi, i My Tin Apple si cimentano in un rock/metal melodico farcito da elementi pop ed elettronici. Sulla scia di band come Dead By April, The Crow’s Lullaby si muove su sonorità meno dirette e potenti: i My Tin Apple sono più oscuri, giocano su linee gotiche e su una certa teatralità della voce, cercando una propria identità che però non sempre emerge. Le cause di tale limite si riscontrano in una produzione non all’altezza degli standard attuali che influisce non poco sull’impatto delle parti più heavy e sulle atmosfere più lente e sognanti che avrebbero sicuramente tratto beneficio da suoni maggiormente ricercati.
Tredici tracce comunque scorrevoli nel complesso, grazie anche al buon uso dei synth: avrei limato sicuramente l’intro, un po’ troppo lungo seppur molto caratterizzante, che rischia di annoiare l’ascoltatore ai primi minuti del lavoro.
Le idee ci sono e, pur non essendo troppo innovative, avrebbero avuto un risultato sicuramente migliore con una maggiore cura nei dettagli. Aspetto la band al prossimo giro di boa e comunque consiglio il cd a chi ama quelle atmosfere sospese tra sogno e realtà.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Gli Xenos fanno centro con il loro debut "Filthgrinder"
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Grecia il melodic death malinconico dei Gentihaa
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I capitolini Enemynside tornano con un thrash onestissimo e funzionante
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Wormhole: quando lo Slam/Brutal incontra il Progressive Death di scuola canadese
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

I canadesi Sophist sono rimandati al prossimo lavoro (di prossima uscita)
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un buon debutto per gli americani Frogg, ma con qualcosa da migliorare per il futuro
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un debut album discreto per i blackened death metallers americani Deadspawn
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Molto interessante, seppur breve, il debut EP dei canadesi Unburnt
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Congiura: quando la fenice rinasce dalle sue ceneri
Valutazione Autore
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dalla Russia un buon prodotto Melodic Death/Black da parte della one man band Doom Rot
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla