A+ A A-
 

Protokult: Folk metal dal Canada, dal power all'Arkona sound Protokult: Folk metal dal Canada, dal power all'Arkona sound Hot

Protokult: Folk metal dal Canada, dal power all'Arkona sound

recensioni

gruppo
titolo
Transcending The Ruins
etichetta
Autoproduzione
Anno

Tracklist:
1. Mark Of Thunder
2. Feed Your Demons
3. 1516 (Keeper of the Hops)
4. Oy Kanada
5. Troubled Lad (Slainte Mhaith)
6. Na Gryanoi Nedele
7. Rusalka
8. Valley of Thorns
9. Wenches
10. Greet The Dawn
11. Dead New World

Line Up:
Martin Drozd – Guitar, Vocals, Keyboards, Additional Percussion, Jawharp
Ekaterina Pyatkova- Vocals, Recorder,
Kaveh Afshar – Drums
Jack Neila – Rhythm and Lead Guitar
Dave Slowiak – Bass, Gang Vocals

opinioni autore

 
Protokult: Folk metal dal Canada, dal power all'Arkona sound 2020-10-29 12:13:43 Gianni Izzo
voto 
 
3.0
Opinione inserita da Gianni Izzo    29 Ottobre, 2020
Ultimo aggiornamento: 29 Ottobre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Formatisi nel 2003, i canadesi Protokult si presentano come una pagan folk metal band, che passa solerte attraverso i vari sottogeneri del metal, dall’heavy più classico, al power, fino al melodic death che è alla base della maggior parte della loro produzione, anche se il vero punto forza del gruppo è rappresentato dalla cantante e arpista Ekaterina Pyatkova che affianca il cantante, polistrumentista e fondatore della band Martin Drozd.
“Transcending The Ruins” è il terzo lavoro della band, un disco che rappresenta tutto l’armamentario musicale dei Protokult, non esaltato degnamente nei suoi migliori momenti, da una produzione un po’ troppo impastata e retrò, peccato.
Il meglio della proposta arriva verso la metà di “Feed Your Demons”, esattamente con l’entrata da protagonista della Pyatkova, che dà la prima virata decisiva al sound dei nostri che in verità fino a questo momento risultano un tantino piatti e fini a se stessi. La vocalist introduce i canti slavi che hanno fatto la fortuna anche dei momenti più accessibili dei russi Arkona. Si passa quindi ad un ottimo brano in pieno stile power metal anni ’80, anche questo forse un po’ retrò per i tempi, ma non possiamo dire che “1516” non sia comunque un’ottima prova musicale.
Con “Oy Kanada” si passa invece ad uno dei momenti più folk del disco, pieno di grinta e di cori immediatamente memorizzabili. C’è tempo anche per un salto nella musica classica con brani come “Wenches” che ha un inizio in stile musical, per poi farci ascoltare la voce della vocalist anche in versione lirica. “Rusalka”, “Troubled Lad” rappresentano altre degni punti a favore dei canadesi, che però inciampano nuovamente nelle monotonia sul finale, a causa soprattutto di un brano fin troppo allungato come “Dead New World”.
“Transcending The Ruins” è un buon lavoro, ci mostra dei musicisti preparati, ma che pecca forse di qualche saliscendi di troppo e, di qualche momento scoraggiato da una forzata prolissità, ma custodisce in se diversi episodi degni di nota.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Arrayan Path, un altro disco di ottima qualità
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un esordio con il botto per i Cristiano Filippini's Flames Of Heaven
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Per i fan degli Hypocrisy il secondo album degli spagnoli Æolian
Valutazione Autore
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debutto interessante quello dei tedeschi Godsnake
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debut album per i Greenwitch: potete passare oltre
Valutazione Autore
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Guerriere al microfono: debutto per i Sorceress Of Sin!
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Promettenti giovani musicisti: debutto per i padovani Lining Redox!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Debut album un po' troppo monotono per la one man band King ov Wyrms
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Calarook: Una nuova ciurma di pirati che però ha voluto strafare
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con buone idee ma ancora troppo acerbi i canadesi Ysgaroth
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Interessante, seppur estremamente breve, il debut EP dei Deathroll
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla