A+ A A-
 

Diamond In The Rough - pop rock che ci riporta agli Eighties Diamond In The Rough - pop rock che ci riporta agli Eighties

Diamond In The Rough - pop rock che ci riporta agli Eighties

recensioni

titolo
Diamond In The Rough
etichetta
Aor Heaven
Anno

Tracklist:
1. Walk in the Wire
2. Where Is Love
3. Ain’t Good Lovin’
4. I Wish There Was a way
5. When It’s All Said and Done
6. Stand and Deliver
7. Sultry Lady
8. Run from the Dark
9. Thief in the Night
10. Young of Heart
11. Tell Me
12. I Believe in this Love

opinioni autore

 
Diamond In The Rough - pop rock che ci riporta agli Eighties 2020-09-28 14:10:16 Celestial Dream
voto 
 
3.5
Opinione inserita da Celestial Dream    28 Settembre, 2020
Ultimo aggiornamento: 28 Settembre, 2020
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dietro ai Diamond In The Rough troviamo l'estro e la passione del tastierista canadese Lewis Nitikman, il quale inizia la propria carriera nel 1981. le sue influenze sono fortemente legate a quegli anni ed alle sonorità pop-rock e su tutti ad Elton John.

Questo omonimo disco firmato Diamond In The Rough venne pubblicato nel 1988 e oggi viene ristampato con un paio di bonus tracks dalla Aor Heaven. Si tratta di un lavoro elegante e ricco di arrangiamenti e melodie di classe ben lontano dal classico rock. La produzione delle chitarre punta su un suono dolce e soave cosi come la voce del singer. L'uso di coretti iper melodici e tastiere sempre ben presenti arricchiscono brani come “Where Is Love”, “I Wish There Was A Way” e la più rockeggiante “Run From The Dark”, quest'ultimo pezzo capace di infiammare un po' la tracklist. Un lavoro molto più che piacevole se siete dentro queste sonorità. In caso contrario, però, meglio lasciar perdere.

La band non ricevette le attenzioni meritate a suo tempo, nonostante il discreto successo dei singoli e non riuscì ad andare in tour. Questo portò allo scioglimento dei Diamond In The Rough e a noi non resta che ricordarli con le note di questo disco.

Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Per poter scrivere un commento ti devi autenticare o registrare
 
Powered by JReviews

releases

Damnation Gallery: l'inferno può attendere.
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Synthetic: un mix di varie sonorità che potrebbe colpire più di qualche ascoltatore!
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un "Best of" per ripercorrere la carriera di Mark Boals con le sue band
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Con questo quarto album i Marche Funèbre mostrano una crescita esponenziale
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un altro ritorno a lungo atteso con gli olandesi Arsebreed
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Autoproduzioni

Un debut album non propriamente per tutti quello dei Greybeard
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un po' troppi generi e sottogeneri convivono nel sound del debut album degli Aal
Valutazione Autore
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ai Memoremains serve una chitarra più protagonista
Valutazione Autore
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Prodotti del genere lasciano il tempo che trovano: tornano i Tension Rising!
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I Nyxem propongono un album interamente realizzato con sintetizzatori e suoni campionati
Valutazione Autore
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Winter Nights: Un melodic death poco melodic e tanto death
Valutazione Autore
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

partners

No tabs to display

allaroundmetal all rights reserved. - grafica e design by Andrea Dolzan

Login

Sign In

User Registration
or Annulla